Sesso: quando il papà perde la voglia - parla l'esperto

Il terzo di una serie di articoli con un divertente video sul sesso dopo l'arrivo di un bebè in famiglia e consigli dell'esperto. A volte a non sentirsi così attratto sessualmente dalla compagna è il neopapà... ascoltiamo la psicologa Alessandra Bortolotti.

***

Dopo il parto può capitare che l’uomo venga condizionato dai cambiamenti fisici della donna o perché ha assistito al parto, o perché comunque la donna sfinita dall’accudimento del neonato non appare come prima, ma è un po’ più sciatta, un po’ meno curata, meno attraente, sicuramente meno disponibile. Spesso il neopapà si sente messo da parte, trascurato dalla donna che prima di diventare madre era tutta per sé. I tempi cambiano e le occasioni di stare in intimità sono sempre meno. Può succedere così che anche l’uomo si blocchi e non si senta più libero di stare con sua la sua compagna.

 

Sesso: Quando il papà perde la voglia...

 

 

Suggerimenti x la coppia:

Datevi tempo, per recuperare pian piano la dimensione ‘affettiva’ della relazione.

È’ indispensabile parlare.

Affrontate l’argomento, confidatevi le emozioni (anche quelle negative!), spiegate ciò che vorreste o ciò di cui avete timore, questo può aiutare a superare incomprensioni o difficoltà e riaprire un dialogo un po’ spento.

 

Suggerimenti per la mamma:

Cerca di spiegare al tuo compagno che per te l’accudimento del vostro bambino è molto impegnativo. Infatti, gravidanza, parto e allattamento non sempre vengono considerati come parte della vita sessuale di una donna. 
Se il tuo compagno ti trova un po’ trascurata questo non significa che presto non potrai curarti un po’ di più.
Se lui stesso si è sentito messo da parte, non è stato per tua intenzione ma per  il fatto che il vostro bambino è molto piccolo e bisognoso di attenzioni e cure. Un bambino piccolo, a differenza di un adulto ha bisogni irrinunciabili e necessità di accudimento pressoché continue.
Dimostra al tuo compagno di curarti anche di lui appena possibile e se pensi che ci siano stati malintesi renditi disponibile a chiarirli.

 

Suggerimenti per il papà:

Sicuramente per un uomo è molto difficile prendere atto che la propria compagna si dedichi anima e corpo al neonato. Anche la consuetudine di assistere al parto può essere molto traumatica da un punto di vista sessuale. Ti puoi sentire impotente  e avere l’impressione di essere relegato ad un ruolo marginale. In realtà anche se non sembra, le donne hanno tanto bisogno dei propri uomini sia nel parto che subito dopo. È che i ruoli sono diversi e la sessualità della donna è assorbita dall’allattamento e da un particolare assetto ormonale che la aiuta a prendersi cura del neonato.
Non c’è l’intenzione di trascurare i compagni, è che per la donna è davvero un grosso impegno sia fisico che psicologico!

Inoltre, è piuttosto raro trovare momenti di confronto con altri padri nel dopo parto, condividere le proprie esperienze. Suggerisco caldamente di partecipare a gruppi dopo parto dove siano compresi anche i papà per poter rielaborare tutti insieme l’esperienza del parto e dare voce a tutti i sentimenti e le emozioni connessi col diventare padre.
Col tempo scoprirete con le vostre compagne che questa è una tappa difficile ma fondamentale per arrivare ad un’evoluzione del rapporto di coppia. In fondo cosa sono pochi mesi in confronto agli anni che ci auguriamo di condividere insieme?

 

 

d.ssa Alessandra Bortolotti

Psicologa perinatale, ovvero con particolare riguardo al periodo tra il preconcepimento del bambino e i primi anni di vita, autrice di "E se poi prende il vizio", Leone Verde edizioni.

 

Leggi e guarda anche:

Sesso: calma piatta tra i neogenitori - parla l'esperto
Sesso quando la mamma non ha voglia - parla l'esperto
Sesso: quando il papà perde la voglia - parla l'esperto
Sesso: quando i neo genitori ritrovano l'intesa - parla l'esperto

 

Articoli correlati (da tag)

  • La sessualità nei bambini La sessualità nei bambini

    Come comportarsi sei i bambini si toccano, quali sono le fasi di sviluppo sessuale.

  • Contraccezione d'emergenza: la pillola del giorno dopo Contraccezione d'emergenza: la pillola del giorno dopo

    A volte capita nella vita di coppia che il nostro usuale contraccettivo non funzioni a dovere, il classico esempio è il preservativo che si rompe, oppure che si dimentichi di utilizzarlo (eh sì, capita!), in questi casi, se non c'è l'intenzione di avere una gravidanza si può ricorrere ad un contraccettivo di emergenza.

    Cos'è il contraccettivo di emergenza

    Vi sono quattro metodi affidabili per la Contraccezione di emergenza:

    • il Levonorgestrel (LNG), anche detta Pillola del giorno dopo
    • i preparati estro-progestinici (EP),
    • il Mifepristone (MIF) a basse dosi e
    • la spirale medicata al rame (IUD). 
  • Parlare di sessualità ai bambini Parlare di sessualità ai bambini

    Qualche generazione fa, tutto cio' che riguardava il sesso non era argomento di conversazione in famiglia, nei film i baci venivano tagliati e le informazioni passavano tra i ragazzi in modo sconnesso ed errato tanto che molte donne arrivavano al parto senza realizzare bene da dove sarebbe uscito il bambino!
    Per fortuna gli anni '70 ci hanno liberato da questa bolla di omerta', molti genitori oggi si sono resi conto dell'importanza di parlare degli argomenti scottanti in modo da proteggere i propri figli dalle informazioni scorrette.
    Negli ultimi anni pero' la sessualita' esplicita sui media, la puberta' precoce e la maggiore autonomia dei ragazzi ci impongono nuove riflessioni, non basta piu' fare IL discorso ma occorre attrezzare i nostri figli con strumenti importanti fin dalla tenera eta'

  • Sesso amore e disabilità Sesso amore e disabilità

    "Desideriamo tentare di far capire alla gente, compresi i genitori dei disabili, che noi disabili non siamo asessuati come gli angeli.
    Si tende a negare il bisogno sessuale di un disabile fisico come si farebbe con un minore, pur riconoscendogli una sessualità adulta sul piano fisico, perché veniamo percepiti un po' come degli ‘eterni bambini’ […]
    [Anche] la sessualità di un disabile psichico fa paura in quanto immaginata come disinibita, deformata e animalesca, incontrollata; forse perché proiettano le loro più o meno inconsce paure o i loro desideri verso questo tipo di sessualità.
    Questo è il duplice atteggiamento che prevale e che oscilla tra la negazione della sessualità del disabile e una considerazione di essa come perversa e abnorme.
    L’atteggiamento dei familiari andrebbe rivisto. Essi tendono spesso a proteggere fin troppo i loro figli diversamente abili, a relegarli in un mondo in cui il sesso non esiste; il sesso non deve rientrare nella vita dei loro figli”.

  • Sesso: quando i neo genitori ritrovano l'intesa - parla l'esperto Sesso: quando i neo genitori ritrovano l'intesa - parla l'esperto

    L'ultimo di 4 divertenti video sul sesso dopo l'arrivo di un bebè in famiglia e consigli dell'esperto. Dopo i figli, quando si ritrova l'intesa, le cose possono essere più piacevoli di quanto non si pensasse, ascoltiamo la psicologa Alessandra Bortolotti.

    ***

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.