Idee regalo per San Valentino

Idee regalo per San Valentino

Ecco arrivati alla festa degli innamorati. Siete pronti? Qualche suggerimento su cosa regalare a San Valentino.

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere principesse

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere…

Idee per un costume di carnevale per bambine che non amano i tulle.

Giovedì, 29 Gennaio 2015 09:23

Casa: il luogo più sicuro per partorire, lo dice il medico

parto in casa in acqua parto in casa in acqua ben haley su flikr

In UK il più autorevole riferimento per i medici afferma che partorire in casa è meglio. Ecco i dettagli.

A dicembre 2014 sono state emesse dal NICE, le linee guida dal titolo “Cure Intraparto: come prendersi cura delle donne in salute e dei loro bebè durante il parto”.

Uno tra i più accreditati organismi europei che si occupa di salute pubblica afferma che i professionisti sanitari dovrebbero suggerire il parto in casa maternità o in casa come il modo più sicuro di nascere per mamma e bambino. Un documento che tutti i professionisti dovrebbero conoscere ed applicare.

Cosa sono le linee guida e chi è il NICE

Sapete cosa sono le “Linee Guida” in campo medico? Sono il più importante punto di riferimento per chi si occupa di salute. Si tratta di documenti che vengono redatti dall'organismo più autorevole di un Paese su cosa fare nel caso di una patologia, o di un evento che richiede l'intervento di operatori sanitari.

In Italia le Linee Guida sono emanate dall'Istituto Superiore di Sanità, in Inghilterra dal NICE (Nationale Institute for Health and Care Excellence), anche l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) le emana. 
Questi organismi periodicamente si occupano di redigere linee guida su temi legati alla salute che rivestono importanza per la salute nazionale.
Le linee guida indicano il modo in cui gli operatori sanitari dovrebbero comportarsi su certi temi e perché. Contengono quindi delle "Raccomandazioni" su cosa è meglio fare, basate su evidenze scientifiche.

In questa intervista, raccolta in occasione dell'emanazione delle linee guida sul cesareo da parte dell'Istituto Superiore di Sanità, Serena Donati spiega cosa sono e come vengono redatte le linee guida dell'ISS

Perché le linee guida sono affidabili e importanti

Perché sono così importanti e autorevoli le linee guida?
Per il modo rigoroso e scientifico in cui vengono prodotte.
Viene coinvolto un panel multi disciplinare (es: ginecologi, ostetriche, neonatologi, pediatri, psicologi, medici di base, specialisti in medicina legale, ricercatori, ostetriche, donne attive sul tema della nascita...) che si riunisce periodicamente.
La prima cosa che fa è stabilire su cosa si vuole arrivare a capire qual è la cosa migliore da raccomandare, ad esempio, nella linea guida sul parto appena uscita, il primo capitolo riguarda “il luogo del parto”, quindi si raccolgono tutti gli studi e la documentazione scientifica mondiale più aggiornata su quel tema. Poi si stabilisce quali studi sono validi (cioè sono stati condotti in modo rigoroso, dal punto di vista scientifico) e quali no. Infine guardando agli studi e all'esperienza dei partecipanti al panel, si scrive la linea guida.

Una volta redatta questa stesura, le linee guida vengono rese pubbliche, perché tutti i professionisti che non hanno partecipato, e tutti coloro che vogliono dire la loro, facciano osservazioni su quanto scritto. Queste osservazioni verranno valutate e potranno modificare alcuni aspetti della linea guida.
Dopo questo iter la linea guida è emanata.

Gli operatori sanitari che si occupano di quel tema (in questo caso di nascita) dovrebbero conoscerle, studiarle e riferirsi ad esse... purtroppo non sempre questo accade, perché non sempre i professionisti sono aggiornati. Ma le linee guida sono pubbliche e a disposizione anche di chi vuole conoscerle per la propria salute.

Cosa dice sul Parto in casa il NICE, istituto nazionale britannico per l'eccellenza nella cura della salute.

Il primo capitolo delle raccomandazioni del NICE uscite un mese fa sul parto riguarda “i luoghi del parto”, sotto vi riportiamo la traduzione, ma ecco una sintesi.

1. Le raccomandazioni contenute in questa linea guida su "Le cure intra parto" riguardano le donne "a basso rischio di complicazioni", ovvero donne in buona salute, con una gravidanza senza particolari problemi.

2. Il primo punto delle raccomandazioni riguarda i "Luoghi del parto" e individua 4 possibili luoghi che cita proprio in questo ordine: la casa, la casa maternità (cioè un centro gestito da sole ostetriche, in Italia cominciano a nascere, ve ne sono diverse in Lombardia, ma anche in altre regioni), un centro gestito da sole ostetriche ma collegato ad un ospedale (in Italia mi viene in mente solo la casa del parto acqualuce di ostia) , un'unità di ostetricia di un ospedale o clinica. 

3. la prima raccomandazione dice: spiegare alle donne in gravidanza che il parto generalmente è un evento molto sicuro sia per la donna che per il suo bambino.

4. le linee guida quindi esordiscono dicendo: consigliare le donne gravide che hanno già figli che il parto in casa e il parto in casa maternità sono la scelta ideale per loro, perché dalle evidenze scientifiche risulta che in casa e in casa maternità sono minori gli interventi nel parto (episiotomia - taglio della vulva - forcipe, ventosa, etc.), minore la probabilità di cesareo, mentre gli esiti di parto per mamma e bebè sono gli stessi di una nascita in ospedale cioè non aumenta il rischio.

I dati

Come abbiamo detto, conoscere le linee guida è di fondamentale importanza per i professionisti, ma anche per chi deve fare una scelta relativa alla sua salute come per esempio scegliere dove partorire. Biosgna però anche sottolineare che, a dispetto di qualunque linea guida, ogni donna e ogni famiglia ha il diritto ad una libera scelta.

Ecco di seguito i dati delle linee guida, tradotti per voi.

Elaborazione dati linee guida del NICE per Pluripare, cioè donne che hanno già partorito almeno 1 volta:

tabella 1 NICE b

L'anestesia durante il parto è prevista solo per i parti che si concludono in ospedale, non nei parti che avvengono a casa, in casa maternità o in un centro gestito solo da ostetriche, quindi nei casi in cui è indicata nelle colonne "casa", "casa maternità" "unità di sole ostetriche" si riferisce ai trasferimenti in ospedale.

tabella 2 NICE

5. per le donne alla prima gravidanza, il parto in casa di maternità o in un'unità gestita da sole ostetriche è la scelta più sicura, perché garantisce meno interventi durante il parto, meno cesarei e gli esiti di parto per mamma e bebè sono gli stessi che la nascita in ospedale. Il parto in casa invece presenta un piccolo incremento di rischio di avere problemi medici seri per il bambino (4 casi in più su 1000). 

Elaborazione dati linee guida NICE per Nullipare, cioè donne al loro primo parto

tabella 3 nice 

 

tabella 4 nice 

Abbiamo detto che il parto a casa è raccomandato dal NICE per le mamme che non hanno fattori di rischio, guardiamo quali sono secondo il NICE i fattori di rischio che suggeriscono un parto in ospedale

 

Area della patologia           Condizioni mediche
 Cardiovascolari
  • Cardiopatie
  • Ipertensione
 Respiratorie
  • Asma con esigenza di trattamenti ospedalieri
  • Fibrosi cistica
 Ematologiche
  •  Emoglobinopatie – anemia falciforme
  • beta‑talassemia maggiore
  • Pregressi disordini tromboembolici  
  • Trombocytopenia o altri disturbi di piastirne o piastrine sotto 100×109/litre
  • Malattia di Von Willebrand
  • Problemi di emorraggie della madre o del feto  
  • Anticorpi atipici che portano il rischio di problemi emolitici al bambino
 Endocrine
  •  Ipertiroidismo
  • diabete
 Infettive
  • Streptococco Beta, in questo caso si raccomanda profilassi antibiotica in travaglio
  • Epatite B/C con test di funzionalità epatica fuori norma
  • HIV
  • Toxoplasmosi in corso di trattamento
  • Infezioni attive di varicella, rosolia, erpes genitale di madre o feto  
  • Tubercolosi in corso di trattamento
Immunologiche
  • Lupus eritematoso
  • Scleroderma
 Renali
  • Funzioni renali anormali  
  • Patologie renali che richiedono uno specialista
 Neurologiche
  • Epilessia
  • Miastenia grave
  • Pregressi problemi cerebrovascolari
 Gastrointestinali
  •  Patologie epatiche associati a test di funzionalità epatica anormali
 Psichiatriche
  • Disordini psichiatrici che richiedono ricovero

 

  Condizioni legate alla storia di parto della donna e alla sua storia ginecologica

Complicazioni in gravidanze precedenti 
  • Precedente morte neonatale o feto nato morto o morti legate a difficolta intraparto  
  • Precedente babino con encefalopatie neonatali
  • Pre‑eclampsia che ha richiesto nascita preterimine
  • Distacco della placenta con esito negativo
  • Eclampsia
  • Rottura dell'utero
  • Emorragia postpartum primaria che ha richiesto intervento o trasfusioni di sangue
  • Placenta tattenuta che ha richiesto la rimozione manuale  
  • taglio cesareo
  • distocia di spalla
Complicazioni nella gravidanza in corso
  •  Parti gemellari
  • Placenta previa
  • Pre‑eclampsia o  ipertensione gravidica
  • Parto pretermine o rottura pretermine delle membrane
  • Distacco della placenta
  • Anemia – emoglobina meno di 85 g/litro all'insorgenza del travaglio
  • Morte intrauterina confermata
  • Induzione del travaglio abuso di sostanze
  • Dipendenza da alcol
  • Insorgenza di diabete gestazionale
  • Presentazione anomala – podalico o trasverso
  • Indice di massa corporea superiore a 35 kg/m2
  • Ricorrenti emorraggie  
  • Feto piccolo per l'epoca gestazionale (sotto al quinto percentile o con crescita ridotta)  
  • Frequenza cardiaca fetale alterata
  • Diagnosi ecografica di oligo‑/polyhydramnios
Storia ginecologica pregressa
  • Miomectomia
  • Isterotomia
   

Ricordiamo che in Italia le nascite in casa sono circa il 1%, e che ci sono alcune regioni che danno un cotributo economico a chi opta per il parto domiciliare, per pagare le spese: Piemonte, Emilia Romagna, Marche, Trentino Alto Adige, Lazio. 

Purtroppo sono ancora molte le persone e i professionisti poco informati che, nonostante le evidenze scientifiche inequivocabili, considerano ancora il parto in casa come un evento rischioso. Gli studi mostrano che il parto in ospedale ha un rischio maggiore di interventi molto invasivi (episiotomia, che in italia ha tassi altissimi, forcipe, ventosa, kristeller...) e cesareo. Mentre non aumentano i rischi per la salute di madre e neonato.

Io ho sperimentato travaglio e parto sia in ospedale che in casa, i due modelli sono incomparabili: la nascita in casa è un evento tranquillo, emozionante, coinvolgente, confortevole, dedicato, dove il mondo ruota intorno a mamma e bebè. In ospedale il mondo non ruota intorno a mamma e bebè...

 di Barbara Siliquini
fondatrice di GenitoriChannel, Presidente Parto Naturale Onlus

Fonte:  Linee guida “Cure Intraparto: come prendersi cura delle donne in salute e dei loro bebè durante il parto” del NICE, dicembre 2014.

 

immagine in cc di ben haley su flikr

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole.
Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Video

Aggiungi commento


Commenti   

0 # francesca 2016-05-13 21:45
Perchè in caso di ipertiroidismo si consiglia il parto in ospedale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.