20 Giugno 2016

Crosta lattea: cos'è e come curarla

By

La crosta lattea e la secchezza della pelle nei neonati, come trattarle.

Cos'è la crosta lattea

La crosta lattea è una formazione di sebo che, in alcuni neonati, si forma sul capo, sulle sopracciglia, a volte su alcuni punti del viso e dell'inguine.

La crosta lattea è una dermatite seborroica, non è fastidiosa per il bebè e non è contagiosa, ma può essere antiestetica, soprattutto quando è abbondante, perché si presenta con delle formazioni crostose e squamose giallastre o tendenti al biancastro o al marroncino.

La crosta lattea colpisce i neonati

La crosta lattea è molto comune, in forma lieve colpisce quasi la metà dei neonati, ma in alcuni casi si presenta in forma severa. E' chiamata crosta lattea proprio perché è un fastidio che colpisce i bambini nel periodo in cui sono alimentati solo dal latte materno (o formulato), in genere nei primi 3 mesi di vita.

Le cause della crosta lattea

Una delle ragioni dietro alla formazione della crosta lattea, sembra essere una immaturità delle ghiandole sebacee del bebé a volte legata alla difficoltà di smaltire degli ormoni materni ancora in circolo nel sangue del neonato.

Quando la crosta lattea può risultare pericolosa

Come già detto, la crosta lattea ha in genere solo una conseguenza di tipo estetico. Tuttavia vi sono casi in cui assume una connotazione importante e genera uno stato infiammatorio, infatti la pelle presenta una tale secchezza da procurare delle feritine sulla cute del bebé. In questi casi bisogna prestare un po' più di attenzione a come evolve la situazione, per evitare che le feritine possano infettarsi, o per assicurarsi che non vi sia una micosi (sarà il medico a fare la diagnosi e consigliarvi in tal caso).

Quanto dura la crosta lattea

Normalmente è una circostanza che va scomparendo con il maturare del bebé, quindi nel giro di pochi mesi. A volte i bambini che sviluppano la dermatite atopica possono aver avuto la crosta lattea da neonati.

Come trattare la crosta lattea

Per la natura anti estetica della formazione e poiché la cute, pur con questi accumuli di sebo, in realtà si presenta come piuttosto secca, si tende a rimuoverla con delicatezza e a cercare di idratare la pelle.

Per la crosta lattea, basta utilizzare degli oli vegetali per ammorbidire la formazione e poi rimuovere delicatamente le squame e le crosticine con un pettine o con del cotone. Tuttavia, poiché abbiamo a che fare con bebè molto piccoli, che hanno una pelle delicatissima e ancora in formazione, è importante utilizzare dei prodotti adatti a loro e formulati con molta attenzione.

Potete leggere anche il nostro articolo sui rimedi per prevenire la crosta lattea

 

Barbara Siliquini

immagine neonato: Luca Lorenzelli su Shutterstock

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Aggiungi commento


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.