Intestino centrale del benessere, anche in inverno

Si avvicina la stagione fredda, è il momento di preparare il fisico e il sistema immunitario per far fronte ai malanni, alle influenze e ai virus che si scatenano con la ripresa di scuola e lavoro. 

Vi sono diverse cose che possiamo fare per preparare i bambini e noi stessi e rafforzare la capacità del corpo di reagire difendendosi da virus e batteri, nella sezione “benessere naturale” vi sono molti consigli. In questo articolo parleremo in particolare dell’importanza del benessere dell’intestino e dell’utilizzo di Yakult, latte fermentato, per aiutare  l’equilibrio della flora che lo popola.

 

L’intestino: il nostro primo difensore 

La prima cosa da ricordare è che l’intestino agisce in stretta sinergia con il sistema immunitario ed è esso stesso il primo scudo di difesa. 

Il nostro intestino è ricchissimo di batteri, la maggior parte di essi sono “batteri buoni”, la famosa flora batterica intestinale, o in termini più nuovi e difficili “il microbiota”. Il ruolo di un microbiota intestinale in equilibrio è sia quello di aiutare ad assimilare i cibi, per nutrire al meglio il nostro corpo e renderlo forte, energico e pronto a difendersi, sia quello di ostacolare il proliferare di microrganismi nocivi per la nostra salute. 

I batteri buoni colonizzando l’intestino svolgono diverse funzioni: sintetizzano sostanze nutritive fondamentali come alcune vitamine, digeriscono alcune sostanze che noi non digeriamo, come le fibre, e ci difendono da microrganismi pericolosi. Il microbiota è inoltre in comunicazione diretta proprio con il nostro sistema immunitario. Negli ultimi anni la ricerca scientifica trova sempre più legami tra la dieta e stato del microbiota intestinale, e tra equilibrio di quest’ultimo e prevenzione o cura di malattie, incluse quelle che sembrano non avere nulla a che vedere con la nostra pancia. 

Mantenere il microbiota intestinale, cioè l’ambiente batterico intestinale, in buona salute, è un obiettivo cui pensare quando vogliamo fare prevenzione. Come si fa? Sicuramente un corretto stile alimentare è d’aiuto, così come l’abitudine ad assumere fermenti lattici probiotici.

 

Yakult favorisce l’equilibrio della flora intestinale; il consiglio è consumarlo con regolarità

yakult

E’ da alcuni anni che collaboriamo volentieri con Yakult, l’azienda giapponese che produce da oltre 80 anni quello che erroneamente qualcuno chiama “yoghurt da bere”, la verità è che Yakult è una bevanda a base di latte fermentato, ricca di fermenti lattici specifici, chiamati L casei Shirota, che sono in grado di superare il passaggio attraverso lo stomaco e favorire l’equilibrio del microbiota intestinale, il nostro primo scudo di difesa. 

E’ ovvio che l’assunzione di Yakult non è l’unico modo per aiutare il nostro microbiota; una vita sana, la scarsa esposizione a agenti inquinanti, bassi livelli di stress, una dieta ricca di frutta, verdura, legumi e cereali integrali, sono tutte cose che hanno un impatto positivo anche sul benessere intestinale sulla nostra capacità di non ammalarci. Ma a casa mia, quando siamo in pieno ciclo di scuola, con il freddo, la vita frenetica, Yakult non manca mai! Per me è una delle modalità per goderci anche la stagione fredda, tutti insieme, tutta la famiglia.

 

Yakult non è come lo yoghurt

 A volte sento dire: “io mangio lo yoghurt che è ricco di fermenti lattici”, lo yohurt ha in comune con Yakult il fatto di essere un alimento “fermentato”, ovvero prodotto dalla presenza di batteri che predigeriscono per noi una sostanza, in questo caso il latte, rendendola diversa di sapore, consistenza, digeribilità, proprietà nutrzionali.

Gli alimenti fermentati sono moltissimi, sono tutti alimenti in cui dei microorganismi svolgono una parte del lavoro di digestione al posto nostro: gli alimenti lievitati, i formaggi, il tofu, il vino… 

yakult sostanze fermentae

Ovviamente non sempre i batteri buoni che hanno dato luogo a tale processo arrivano vivi fino al nostro intestino, anzi, in genere esauriscono il loro lavoro ben prima.

Nel caso dello yoghurt, ad esempio, i batteri generano un prodotto salutare per la nostra dieta, ma non passano vivi la barriera dello stomaco. Nel caso di Yakult i batteri L. casei Shirota invece hanno la caratteristica di arrivare indenni fino al nostro intestino e lì vanno ad arricchire il microbiota intestinale

Lo scienziato che scoprì questi batteri e la loro valenza positiva ed ideò la bevanda Yakult, il dott. Shirota, lo fece con lo scopo di trovare un prodotto semplice da assumere, a basso costo che potesse essere usato per aiutare la popolazione a rimettersi in salute nel difficile periodo del dopoguerra. (Leggi di più delle ricerche del dott. Shirota e di come nacque Yakult sul nostro articolo “la colazione e i probiotici”).

yakult frutta

A casa mia è una delle azioni di prevenzione che facciamo ad ogni cambio di stagione e quando la salute vacilla. In genere a colazione o come merenda di metà mattino. Ricordate che va tenuto in frigo per mantenere in vita i batteri L casei shirota.

Provatelo e diteci la vostra esperienza.

 

 

di Barbara Siliquini
in collaborazione con 

logo yakult

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


adsense_correlati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.