Cancro: 5 consigli per affrontare l'argomento coi figli

Come affrontare il cancro quando si hanno dei figli

Oggi ospitiamo un articolo scritto da Marine e Cindy di Oncovia.com, l'e-commerce online che propone prodotti di bellezza e accessori per aiutare le donne a sopportare al meglio gli effetti secondari del cancro.
Abbiamo chiesto loro 5 consigli per chi deve affrontare un tumore e ha figli ancora piccoli.

***

Una delle paure più grandi, per un genitore, è di non riuscire ad occuparsi dei propri figli. Così, la diagnosi di tumore in una madre o in un padre con figli piccoli o comunque non adulti può rappresentare un vero shock emotivo da sopportare. Perché se è vero che i figli rappresentano una motivazione forte nel percorso della malattia, è anche vero che esistono diverse complicazioni quando si hanno bambini in casa e si ha il cancro.
Come affrontare quindi un tumore se si hanno figli ancora piccoli? 

 

1. Essere onesti coi bambini, piccoli e grandi

A partire dai 3-4 anni, i bambini possono capire quello che succede intorno a loro ma, soprattutto, tendono a viaggiare molto con la fantasia. Per questo è fondamentale non nascondere niente (nei limiti del possibile) e rispondere con onestà alle loro domande, anche anticipandole se necessario. In questo modo eviteranno di fare ipotesi irreali e di costruirsi scenari che non corrispondono alla realtà.

 

2. Coinvolgere

Che non significa portarli in ospedale per la chemio, ma spiegare loro cosa state passando e come vi sentite, e chiedere lo stesso a loro. Descrivere come affrontate la malattia, senza creare allarmismi, può essere utile soprattutto per i più grandi. Sempre loro, gli adolescenti, possono essere coinvolti in piccole attività, come andare insieme ad una lezione di yoga, chiedere di leggervi un libro quando vi riposate, fare altre attività semplici che vi rendono felici anche in un momento di stanchezza e paura. I momenti intimi sono importanti sempre, durante la malattia ancora di più.

 

3. Mantenere una routine

Per quello che potete, cercate di mantenere una routine familiare che vi veda attivi in prima persona. Anche se ci sono giornate molto difficili, in particolare dopo un’operazione o durante i trattamenti come chemio o radioterapia, nei limiti delle vostre possibilità cercate di occuparvi dei vostri figli, di accompagnarli a scuola, di preparare la cena, insomma, di fare una vita normale anche se non ne avreste voglia. Non pretendete invece troppo da loro, che potrebbero sentire la responsabilità del loro ruolo durante la vostra malattia.

 

4. Chiedete aiuto ad un esperto

Ospedali e associazioni mettono a disposizione dei servizi di consulenza psicologica, alcuni dedicati proprio a come affrontare il cancro in presenza di figli piccoli e/o giovani. A Milano, per esempio, potete rivolgervi a Attive come prima, che ha un servizio specifico dedicato ai ragazzi tra i 12 e i 21 anni. Ma chiedendo al vostro ospedale di riferimento o ad un’associazione come la Lilt, per esempio, avrete sicuramente del supporto e saprete come parlare e vivere il tumore coi figli.

 

5. Migliorate la qualità della vita

Il cancro porta uno sconvolgimento non da poco al corpo e alla mente. Per questo dei piccoli accorgimenti potrebbero essere utili per sentirsi meglio e vivere una quotidianità più gradevole anche durante la malattia. Braccialetti anti-nausea, reggiseni post mastectomia comodi e pratici, biancheria intima femminile ma che non dia fastidio durante la chemio, parrucche o bellissimi turbanti, smalti al silicio, creme iper-idratanti: specialmente per le donne, l’aspetto fisico ha un impatto notevole sul benessere psichico e nelle relazioni con gli altri. Se prevedete di perdere i capelli, tagliateli prima che accada, e iniziate a cercare un’alternativa come una parrucca o anche un bel turbante. 

Affrontare il cancro quando si hanno dei figli piccoli può essere fonte di ansie e stress ulteriori: parlate, ascoltate, vivete momenti semplici con le persone che amate e anche i bambini ne trarranno beneficio.

 

Oncovia.com

Oncovia nasce da un'esperienza personale, quella di Marine e Cindy che hanno dovuto affrontare una diagnosi di cancro per la loro madre. Sotto choc lhanno assistito ai primi disagi dovuti a chemioterapie e radioterapie. Velocemente la voglia di aiutare la mamma le ha portate a ricercare la crema adeguata, ritrovare le ricette della nonna e creare il maggior numero di piccoli momenti benessere per tirar su il morale.

L'elenco di consigli, prodotti e accessori che potevano facilitare il quotidiano di coloro che subiscono un trattamento contro il cancro ha dato vita a Oncovia.com, l'e-commerce dove potete trovare diversi prodotti che contribuiscono al benessere delle donne durante il cancro (ma anche degli uomini!), e che possono aiutare ad affrontare i trattamenti con meno fastidi. E, quindi, con una qualità della vita assai migliore.

 

 Credits immagine: Young cancer woman... on Shutterstock.com

Barbara Lamhita Motolese

Amo l'innovazione in tutti i campi, e come mamma mi sono scoperta innovativa facendo scelte del passato!
Vivere la mia genitorialità ricercando la coerenza con il mio sentire e con il mio pensiero, mi ha portato a esperienze poco comuni e molto felici: il parto in casa, il co-sleeping, il babywearing, e l'homeschooling... per citarne alcune.
Sono un'appassionata custode della nascita e una meditatrice assidua.
Ho dato vita a GenitoriChannel.it per coniugare la mia passione dei temi genitoriali con quella per il web.

Articoli correlati (da tag)

  • L'allattamento riduce il rischio di tumore al seno? L'allattamento riduce il rischio di tumore al seno?

    Il tumore al seno è il primo tumore per diffusione nelle donne, l'allattamento può prevenirlo?

  • Telefoni cellulari e salute dei bambini, quali regole? Telefoni cellulari e salute dei bambini, quali regole?

    Chi oggi fa a meno del cellulare? Noi che siamo la generazione che li ha visti nascere quando ancora andavamo in discoteca, abbiamo vissuto tutto il passaggio da: “a cosa mai può servirgli se non a darsi un mucchio di arie?!” a “lo voglio anch’io, guarda che alla fine è utile… beh sì fa pure fico” al considerare il cellulare uno strumento tale e quale al frigorifero: indispensabile.

    Ormai dal cellulare non si torna più indietro. Tuttavia, ora che gli anni sono passati, forse è il momento di cominciare a guardarlo con l’oggettività e il distacco che merita, perché, come tutte le cose, ha un rovescio della medaglia: l’impatto sulla salute. Con questo non ci sogniamo di dire che abbandoneremo il cellulare, ma essere consapevoli ci aiuta ad adottare dei piccoli accorgimenti di tutela della salute, e a stimolare le grandi compagnie ad investire in tecnologia sempre più tutelante per la nostra salute.

  • Le ferite da quel giorno in poi Le ferite da quel giorno in poi

    Un'intensa testimonianza di una mamma tigre, come lo sono tante, mamme a cui all'improvviso arriva sopra la testa una secchiata d'acqua fredda e poi una bufera che sembra non finire mai. A lei e alla sua famiglia vanno i nostri più sentiti auguri per il momento difficile che sta passando e ci uniamo al suo pensiero per Martina e per tutti i bambini che proprio in questo momento sono in ospedale anzichè a giocare nelle loro camerette.

    ***

    Agosto era trascorso caldo ma sereno. Le solite zanzare che ci tormentavano, quest’anno meno del solito, dopo aver dotato la nostra piccola ma confortevole casa di zanzariere…poi settembre e’ scivolato via con ancora calde giornate e tanti pomeriggi al parco, e nei weekend a zonzo con mamma e papà.

    Poi e’arrivato l’autunno e questa volta faceva sul serio.

  • Come parlare di cancro ai bambini Come parlare di cancro ai bambini

     A novembre si è celebrata la giornata mondiale per la ricerca contro il cancro. Un tema che riguarda ormai quasi tutte le famiglie. Abbiamo tradotto per voi questo bel post di una blogger americana: sarah, perché ci sono piaciute le riflessioni e ci è sembrato importante il tema.

    Se vorrete darci il vostro punto di vista o esperienza, sarà una condivisione preziosa.

    ***

    "Mamma, hai un cuore sulla maglietta?" Mi ha chiesto l'altro giorno mio figlio di 2 anni e mezzo.

    "A dire il vero è un cuore capovolto e c'è scritto 'il cancro non mi piace'"
    E visto che non ce la facevo a sentirmi chiedere: "Cos'è il cancro mamma?" ho subito aggiunto: "Il cancro è una malattia che a volte colpisce le persone."

  • Genitori Channel si tinge di rosa per la prevenzione del cancro al seno Genitori Channel si tinge di rosa per la prevenzione del cancro al seno

    campagna nastro rosa tumore senoIn omaggio alla Campagna Nastro Rosa dedicata alla prevenzione del tumore al seno, oggi, lunedi 18/10/10 Genitori Channel si tinge di rosa, unendosi alle iniziative in rosa che animeranno tutto il mondo per questa causa e al cerchio virtuale che unifica decine di blog e siti a sostegno della campagna di prevenzione, grazie all'iniziativa promossa da mammafelice.

    Nel mese di Ottobre luoghi reali e virtuali si tingono infatti di rosa, colore simbolo della lotta contro il tumore al seno. Una luce rosa, infatti, unirà idealmente tutta l'Italia, con tanti monumenti, edifici e statue che resteranno illuminati per una o più notti a testimoniare che, grazie a un’efficace e corretta prevenzione, questa malattia tumorale si può, e si deve, vincere! E come in Italia, anche in tutto il resto del mondo si accenderanno di luce rosa location famosissime e prestigiose, quali l’Empire State Building (New York, USA), le Cascate del Niagara

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.