Qual è il ruolo dei genitori nell'educazione alle nuove tecnologie.

11/2/14 a Milano: la premiazione di Bit Bum Bam e un laboratorio per bambini

Il Generale Umberto Rapetto, fondatore del nucleo GAP Frodi telematiche,  incontrato in una delle tappe del progetto Navigare Sicuri a cura di  Telecom Italia, ci spiega come parlare ai ragazzi dei rischi di Internet.

 

Quando i figli cominciano ad andare online, sia tramite gli smartphones che tramite i social network nel computer di casa, per i genitori comincia il momento delle domande: quali sono i pericoli in cui incorrono materialmente? quali sono le regole veramente efficaci? quali i limiti efficaci ai comportamenti dei ragazzi con la rete?

Verso i ragazzi che navigano sui social network e sulle piattaforme online, da twitter a youtube a flickr, le azioni più efficaci di tutela e protezione che i genitori possono adottare sono impostate al buonsenso, al dialogo aperto e leale e al buon esempio. Per i genitori non resta dunque che documentarsi e imparare quali sono le regole di sicurezza e i comportamenti senza rischi da trasferire ai figli.

Chi oggi fa a meno del cellulare? Noi che siamo la generazione che li ha visti nascere quando ancora andavamo in discoteca, abbiamo vissuto tutto il passaggio da: “a cosa mai può servirgli se non a darsi un mucchio di arie?!” a “lo voglio anch’io, guarda che alla fine è utile… beh sì fa pure fico” al considerare il cellulare uno strumento tale e quale al frigorifero: indispensabile.

Ormai dal cellulare non si torna più indietro. Tuttavia, ora che gli anni sono passati, forse è il momento di cominciare a guardarlo con l’oggettività e il distacco che merita, perché, come tutte le cose, ha un rovescio della medaglia: l’impatto sulla salute. Con questo non ci sogniamo di dire che abbandoneremo il cellulare, ma essere consapevoli ci aiuta ad adottare dei piccoli accorgimenti di tutela della salute, e a stimolare le grandi compagnie ad investire in tecnologia sempre più tutelante per la nostra salute.

Eccoci arrivati al fatidico e annuale Safer Internet Day (7 febbraio 2012). Molte le iniziative in questi giorni sul tema della navigazione più sicura per i bambini. Una molto bella è quella di Terre des Hommes che lancia “Alice nel Paese di Internet”, una bellissima guida illustrata per piccoli cittadini digitali.

“Ho redatto una storia dove un'Alice dei giorni nostri passa una giornata piovosa a navigare su Internet provando a scrivere un decalogo su come farlo nella maniera più appropriata e sicura” dice Pino Pace, autore di storie per ragazzi. Il libro è splendidamente illustrato da Irene Frigo.

Proprio come in una fiaba con Alice ripassiamo alcune delle regole fondamentali da spiegare ai nostri figli:

Pagina 1 di 2

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database