Lunedì, 06 Aprile 2020 12:36

Cosa dovrei sapere sul COVID-19 e la gravidanza?

By

La gravidanza ai tempi del coronavirus

Sebbene gli effetti del COVID-19 in gravidanza non siano stati ampiamente studiati, il coronavirus non sembra causare aborti o difetti alla nascita. Ancora più importante, le pazienti in gravidanza che contraggono un'infezione da COVID-19 non sembrano avere più complicazioni durante la gravidanza stessa.
Tuttavia, poiché le donne in gravidanza sperimentano cambiamenti nei loro corpi che possono aumentare il rischio di alcune infezioni, è sempre importante che le donne in gravidanza si proteggano dalle malattie.

 

Quali precauzioni dovrei prendere come madre in dolce attesa? 

Il punto più importante da cui iniziare è praticare l'allontanamento sociale, lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 40-60 secondi, disinfettare frequentemente le superfici ed evitare chiunque sia malato. Per facilitare ciò, le ostetriche stanno implementando nuovi modi di fornire assistenza prenatale sicura e di alta qualità attraverso visite di assistenza virtuale che comportano comunicazioni audio e video bidirezionali con chi ti sta seguendo nella gravidanza.

 

Come potrebbe cambiare la mia assistenza prenatale a causa della pandemia in corso?

L'obiettivo è ridurre il numero di visite di routine di persona durante la gravidanza e quindi ridurre la possibilità che tu sia esposta al COVID-19. Ma come precisamente questo potrebbe cambiare la tua assistenza prenatale differirà in base alla tua situazione clinica e ai tuoi bisogni individuali.

Le visite virtuali stanno sostituendo molte visite di routine e le rimanenti visite di persona sono programmate nei momenti importanti della gravidanza per garantire la migliore assistenza per madre e bambino. Ai pazienti può anche essere chiesto di controllare la propria pressione sanguigna a casa e di riferire tali letture al team di assistenza.

 

Potrà essere rispettato il mio piano di nascita?

Durante il travaglio o un taglio cesareo programmato, l'obiettivo è, oggi giorno, quello di rispettare i desideri della coppia mantenendo la sicurezza e quindi impedire alla paziente di entrare in contatto con il virus COVID-19. Gli ospedali a tal ragione hanno sviluppato protocolli per gli operatori sanitari e personale medico al fine di prevenire l'introduzione e la diffusione della malattia. 

 

Posso avere qualcuno con me al momento del parto?

La maggior parte delle strutture consente la presenza ad una persona di supporto durante il travaglio e il parto. Ma queste linee guida dipendono in gran parte dalla struttura. Con pochissime eccezioni, le famiglie e i visitatori vengono esclusi dagli ospedali a causa della pandemia di COVID-19. Parlate con la persona che sta seguendo la gravidanza per comprendere la politica presso la struttura in cui partorirete.

 

Cosa succede se è necessario far partire le contrazioni attraverso la pratica di induzione prima della mia data presunta di parto?

A causa della necessità di garantire la salute e la sicurezza dei nostri bambini, l'induzione al parto, dietro comprovati indicazioni mediche, viene rispettata. 
Molte strutture inoltre stanno esaminando le dimissioni anticipate, se mamma e bambino sono in salute.
Anche su questo punto il consiglio è quello di rivolgervi a chi sta seguendo la vostra gravidanza.. 

 

Cosa posso aspettarmi in termini di cure postpartum?

Alcune visite postpartum programmate possono essere virtuali a meno che non vi sia una situazione specifica o un problema che richieda una visita di persona. Questo per ridurre il rischio di esposizione di madre e bambino al COVID-19.

 

Potrò allattare?

A meno che non sia sospetta o positiva al COVID-19, l'allattamento al seno non dovrebbe essere influenzato dalla pandemia. 
L'allattamento al seno è sempre e comunque incoraggiato se la madre sta bene. Se i sintomi invece sono debilitanti si spreme il seno manualmente o con il tiralatte e questo viene somministrato con una siringa o bicchierino. 
Sia durante la spremitura al seno che per l'allattamento è opportuno per la madre indossare una mascherina e igenizzare le mani. 
Una volta che le precauzioni sono state prese, puoi allattare normalmente.

 

 

Riferimenti:

Organizzazione mondiale della sanità. Linee guida: proteggere, promuovere e sostenere l'allattamento al seno nelle strutture: fornire servizi di maternità e neonati . Organizzazione mondiale della sanità di Ginevra; 2017

Centro per il controllo e la prevenzione della malattia: https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/whats-new-all.html

 

a cura di Sara Notarantonio,

Ostetrica, laureata presso la facoltà di Ostetricia dell’ospedale dell’Aquila . Ha conseguito il Master in Medicina non convenzionale all'università di Modena  ed è attualmente iscritta al Master in Ostetricia Forense. 
Si occupa di gravidanza, nascita, puerperio, allattamento e puericultura promuovendo la consapevolezza, la scelta informata, Il Maternage, la tutela del benessere materno – infantile e il diritto alla nascita indisturbata.

Pagina Facebook: Ostetrica Sara Notarantonio

 

Immagine: Covid19 Coronavirus... on Shutterstock.com

Barbara Lamhita Motolese

Amo l'innovazione in tutti i campi, e come mamma mi sono scoperta innovativa facendo scelte del passato!
Vivere la mia genitorialità ricercando la coerenza con il mio sentire e con il mio pensiero, mi ha portato a esperienze poco comuni e molto felici: il parto in casa, il co-sleeping, il babywearing, e l'homeschooling... per citarne alcune.
Sono un'appassionata custode della nascita e una meditatrice assidua.
Ho dato vita a GenitoriChannel.it per coniugare la mia passione dei temi genitoriali con quella per il web.

Aggiungi commento


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.