Stampa questa pagina
22 Giugno 2012

Come conservare il latte materno

By

Quando si allatta e, magari per ragioni di lavoro, occorre allontanarsi dal proprio bambino, una delle informazioni preziose da  avere è: come conservare il latte materno estratto con il tiralatte, o manualmente, per poterlo dare al bambino.

 Le informazioni necessarie alle mamme per la conservazione del proprio latte riguardano il tipo di contenitore da utilizzare, i modi di conservazione, i tempi massimi per mantenere inalterate le proprietà nutritive e protettive.

I contenitori per la conservazione del latte materno

Per quanto riguarda i contenitori da utilizzare è preferibile optare per vasetti o bicchieri di vetro (prima scelta) o plastica con coperchio, ben lavati con acqua e sapone e risciacquati con l’acqua calda.
La sterilizzazione una volta al giorno è necessaria solo per i bambini molto piccoli.
 In commercio si trovano anche dei sacchetti di plastica usa e getta che molte mamme trovano pratici, ma possono essere più a rischio di rottura, per cui è più sicuro usarli doppi, cioè uno dentro l’altro, e poi posizionarli verticali dentro ad un recipiente rigido con coperchio.
Sopra il coperchio è utile indicare la data di estrazione e la data massima di utilizzo. 

Quanto si può conservare il latte materno

I tempi di conservazione variano a seconda del modi in cui si sceglie di conservare il proprio latte spremuto.
Se si pensa di dare il latte materno al bambino entro 6-8 ore e il latte è stato spremuto rispettando una corretta igiene sia delle proprie mani che dei dispositivi e contenitori usati, non è necessario metterlo in frigo.

Alcune madri lo spremono in luoghi per cui lo devono trasportare in borse frigo, con del ghiaccio secco all’interno: lo possono così conservare fino a 24 ore.

La conservazione in frigorifero, con l’accortezza che il contenitore sia posto più in fondo possibile e non su un ripiano dell’anta (ciò per evitare che subisca variazioni di temperatura con l’apertura della porta per prendere altri prodotti) può restare sino ad 8 giorni.

Se si utilizza il comparto refrigerante (ghiacciaia) all’interno del frigorifero, il periodo entro cui utilizzarlo è 2 settimane.

Nel freezer separato dal frigo, con porta separata, è possibile consumare il latte materno congelato entro 3 mesi dalla spremitura, mentre il periodo si allunga a 6 mesi in caso di congelatore separato.

In tutti i casi in cui si conserva il latte materno congelandolo, si ricorda l’accortezza di non riempire mai il contenitore eccessivamente in quanto il volume del latte aumenta, solidificandosi.

 

Riepilogando:

  • temperatura ambiente 6-8 ore

  • borsa frigo con mattonelle di ghiaccio 24 ore

  • frigo 8 giorni

  • comparto ghiaccio dentro il frigo 2 settimane

  • freezer 3 mesi

  • congelatore 6 mesi

  

Ecco alcune immagini di latte materno conservato:

latte congelato in buste

Immagine di Rob Friesel su Flikr

latte congelato a cubetti

 immagine di Iris Kivisalu su Flikr

 

Maddalena Notarfrancesco
IBCLC – Mestre
327 2566312
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.allattamentoibclc.it

Super User

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.