Un contratto con tuo figlio per usare il cellulare

Un contratto con tuo figlio per usare il cellulare

 Quando le regole sono chiare, aderirvi è più semplice.

Lavoretti di riciclo: il barattolino per la festa della mamma

Lavoretti di riciclo: il barattolino per la festa della mamma

Per i bambini la cosa più divertente è creare con le loro mani. Ecco 4 idee riciclo.

Mercoledì, 21 Settembre 2011 10:43

Tata Lucia: sul sonno e sull'allattamento non si scherza!

Tata Lucia risponde a Mattino cinque Tata Lucia risponde a Mattino cinque

Aderiamo anche noi alla lettera scritta da Alessandra Bortolotti in merito alle infomazioni che vengono veicolate attraverso i programmi televisivi. Il sonno e l'allattamento sono temi delicati che vengono trattati spesso con superficialità e mancanza di professionalità. Come scrive Alessandra non si tratta di fare una crociata contro uno specifico programma ma di fare chiarezza perchè sempre più genitori abbiano le giuste informazioni per poter fare le proprie scelte.

Gentile Redazione di Mattino Cinque,
ho due bambine di 7 e 3 anni e sono una psicologa perinatale, mi occupo cioè di tutto ciò che ruota intorno alla nascita, alla gravidanza, all’allattamento e all’accudimento dei bambini nel rispetto della fisiologia.

Mi permetto di scrivervi dopo che una mamma mi ha segnalato gli interventi nella vostra trasmissione della Sig.ra Lucia Rizzi nota al grande pubblico come TATA LUCIA.

Più volte ho potuto constatare come riguardo ai temi di allattamento al seno e sonno infantile, le tate diano informazioni e consigli alle famiglie totalmente in contrasto con i centinaia di studi scientifici esistenti in letteratura su tali argomenti.

Mi riferisco in particolare agli interventi di TATA LUCIA presenti in questo video di cui allego il link: http://www.video.mediaset.it/video/mattino_5/tv/206152/tata-lucia-risponde.html (putroppo non riesco a risalire alla/e data/e della trasmissione).

Ritengo un mio dovere professionale e ancora di più umano segnalarvi i motivi della grave mancanza di informazione che la vostra trasmissione fornisce alle famiglie attraverso la persona di TATA LUCIA. In calce a questa mia lettera troverete le centinaia di firme delle mamme e dei papà che si associano alle mie parole. Alcuni di essi sono professionisti: psicologhe, pediatri, ostetriche, consulenti di allattamento. Non entro ovviamente in merito alle scelte personali di ciascuna famiglia che devono restare un diritto non giudicabile da nessuno. Vi scrivo soltanto perché le famiglie hanno il diritto di accedere ad informazioni corrette, indipendenti da interessi economici, aggiornate e verificabili per poi scegliere ciò che risulterà più adatto a loro. Questa NON è una lettera contro le tate ma un’iniziativa a favore della corretta informazione scientifica ai genitori.

È evidente, visto il numero di firme raccolte in poche ore, che molti genitori hanno bisogno di informazioni più corrette rispetto a quelle date in questo video.

Ho scritto un libro[1] sulla fisiologia di nascita, bisogno di contatto dei bambini, allattamento, comunicazione non violenta e sonno dei bambini proprio per poter condividere con le famiglie e con gli operatori dell’infanzia e della nascita, tutte le informazioni necessarie per poi compiere scelte informate. Se vi interessa potete guardare cosa mi scrivono le mamme: https://www.facebook.com/pages/E-se-poi-prende-il-vizio/173107316050797

Con questa mia lettera, non desidero in alcun modo fare pubblicità né a me né al mio libro, cerco soltanto di fermare questo scempio informativo mediatico nel rispetto dei bisogni affettivi dei più piccoli. Se poi guardiamo fra gli adulti di oggi cresciuti secondo le opinioni (perché di questo si tratta) di TATA LUCIA cioè a “basso contatto”, scopriamo che nella nostra società le patologie affettive sono dilaganti, il consumo di psicofarmaci è fuori misura, le dipendenze da alcool, gioco d’azzardo, cibo ecc…, dimostrano come un’educazione dei bambini a basso contatto possa mettere a rischio il loro sviluppo affettivo.

Ecco in dettaglio quali sono le affermazioni scorrette della Signora Rizzi e soprattutto perché. Mi riferisco al primo video dei 2 pubblicati al link in questione.

Al minuto 2’ e 10’’ la signora Laura fa una domanda circa il sonno del suo bambino di 7 mesi e mezzo citando anche un famoso libro che insegna un metodo per “decondizionare” i bambini a svegliarsi la notte. Tata Lucia afferma che a 7 mesi in bambino non deve più essere allattato di notte, non deve essere preso in braccio, deve essere lasciato nel suo lettino, deve prendere da solo il ciuccio e metterselo in bocca.
Al minuto 4’ e 24’’ la signora Antonella chiede un consiglio per il suo bambino di 4 anni che non vuole stare in casa in stanze senza la mamma. La Tata consiglia di ignorare le paure del proprio bambino e di parlargli di altro, senza dare importanza alle sue paure.

I suggerimenti della TATA al punto 1 non tengono conto delle indicazioni OMS/UNICEF in materia di allattamento al seno. La TATA infatti afferma che un bambino a 7 mesi e mezzo non dovrebbe più mangiare di notte, che non va preso in braccio, che deve dormire da solo e prendersi da solo il ciuccio.

Nella “Strategia globale per l’alimentazione dei neonati e dei bambini” OMS/UNICEF[2] punti 10 e 11 si afferma che:

10. L’allattamento al seno è un metodo senza pari per fornire ai bambini un nutrimento ideale per crescere e svilupparsi in salute; è inoltre parte integrante del processo riproduttivo, con notevoli implicazioni per la salute della madre. Come raccomandazione sanitaria generale, per avere le migliori possibilità di crescere e svilupparsi in maniera regolare, nei primi sei mesi di vita i neonati dovrebbero essere nutriti esclusivamente con latte materno. In seguito, per soddisfare il crescente fabbisogno nutrizionale, la dieta va integrata con cibi complementari idonei e sicuri, proseguendo l’allattamento fino all’età di due anni o oltre. Tranne che in presenza di alcune patologie, l’allattamento esclusivo al seno è sempre possibile, e l’allattamento senza restrizioni stimola la produzione di latte in misura più che sufficiente.

11. Per quanto si tratti di un atto naturale, l’allattamento è anche un comportamento appreso. In pratica tutte le donne possono allattare, purché abbiano le informazioni necessarie e siano sostenute dalla famiglia, dalla comunità e dal sistema sanitario. Dovrebbero inoltre avere la possibilità di potersi rivolgere a persone preparate – come

operatori sanitari qualificati, “consulenti laici”, peer counsellor (consulenti alla pari) e consulenti professionali in allattamento – che contribuiscano a rafforzare la fiducia della madre, a migliorare i metodi di allattamento e a prevenire o risolvere eventuali problemi.

In materia di sonno infantile invece è fisiologico che i bambini abbiano risvegli notturni fino a circa il terzo anno di vita per una ragione neurobiologica di architettura e di sviluppo delle loro cellule nervose e l’allattamento al seno associato al sonno condiviso promuove il legame/madre bambino. Le pediatre italiana Moschetti e Tortorella ella Associazione Culturale Pediatri italiana (ACP) hanno scritto molti articoli su questo tema. Ecco in breve quanto affermano circa l’associazione tra allattamento al seno e sonno infantile:

“un posto a parte va riservato all’allattamento al seno che presso le nostra cultura è troppo precocemente abbandonato a favore del latte in formula o vaccino. Tale pratica, che secondo le indicazioni OMS va promossa fino al secondo anno di vita, non solo ha effetti positivi sulla salute del neonato e della madre ma,attraverso lo stimolo ossitocinico costante nel tempo, promuove il legame madre bambino. Pratiche prossimali, come il cosleeping, dimostratamente si associano al successo dell’allattamento al seno in una relazione causale non chiarita. Non è difficile ipotizzare però che le due pratiche prossimali, entrambe sotto il governo dell’azione dell’OT, in un’azione concertata e simultanea interagiscano potenziandosi vicendevolmente”[3].

Il pianto è sempre associato ad una produzione di cortisolo un ormone dello stress che se secreto in maniera protratta può avere rappresentare un rischio per lo sviluppo psiconeurofisiologico dei bambini. Esistono numerose associazioni mondiali che si occupano di salute infantile che hanno prodotto documenti ufficiali per mettere in guardia dal far piangere i bambini applicando metodi come quello esposto nel libro che la mamma cita in trasmissione. L’Associazione Australiana per la Salute Mentale Infantile (AAIMHI) afferma che[4]:

-Il pianto dei bambini è sempre un’indicazione di stress o di disagio emotivo. Non rispondere al pianto dei bambini (ovvero evitare di confortarli) insegna ai bambini a non cercare un conforto emotivo quando sono in una situazione di disagio. Questo vuol dire che perdono fiducia nelle figure parentali e nella relazione che si instaura con loro.

-Intorno ai sei mesi di vita i bambini sperimentano l’ansia da separazione. Questo vuol dire che devono elaborare il concetto che se la madre (o altra figura parentale di riferimento) si allontana poi ritornerà e loro non verranno lasciati soli. Questo processo di elaborazione può durare diversi mesi, ma è essenziale per il loro equilibrio anche in età adulta.

-I bambini normalmente hanno bisogno dei genitori per essere confortati di notte fin circa ai tre/quattro anni (alcuni prima, altri dopo, dipenderà dal bambino) e questo non può essere etichettato come disturbo del sonno.

-I bambini svilupperanno un attaccamento più sicuro quanto più la loro richiesta di conforto e rassicurazione verrà soddisfatta dai genitori, sia di giorno che di notte.

-Per un genitore sentire il proprio figlio che piange in maniera incontrollata e non intervenire per calmarlo e rassicurarlo è una grossa fonte di stress.

Per quanto riguarda il secondo punto la TATA suggerisce di ignorare le paure del bambino e di distrarlo con altri discorsi. Anche rispetto a questo consiglio passa il messaggio che le paure dei bambini siano inconsistenti e prive di valore affettivo.

Diverso sarebbe stato se la mamma avesse preso in braccio il suo bambino e parlato CON lui dei suoi sentimenti riguardo alla solitudine e alla mancanza della mamma e anche dei propri. Di certo con una comunicazione efficace[5] sarebbe emerso il motivo profondo della paura del bambino che si sarebbe risolto con un esempio di accoglienza dei sentimenti, di ascolto e di elaborazione condivisa delle emozioni fra adulti e bambini, non di evitamento o di disconferma delle stesse.

La mia domanda e quella delle centinaia di genitori e professionisti che hanno voluto firmare questa lettera con me è: può TATA LUCIA fornire bibliografia di ciò che afferma? Bastano le opinioni e l’esperienza per andare in televisione e dare consigli che non tengono conto delle posizioni scientifiche mondiali in materia di allattamento al seno, sonno e comunicazione affettiva coi bambini? Possiamo continuare ad ignorare i bisogni affettivi dei bambini e le loro paure senza rischi per loro e per la nostra società?

Questa ripeto, non è una lettera contro le Tate ma un richiamo alla professionalità e all’aggiornamento in materia di sonno e allattamento. Sarebbe bellissimo che le TATE con la loro popolarità potessero contribuire alla diffusione di queste informazioni per aiutare le famiglie nelle loro scelte personali. Mi auguro che in futuro ci possa essere anche almeno un piccolo spazio per l’informazione scientifica oltre che opinionistica. In ballo c’è l’equilibrio affettivo di piccole creature che diventeranno gli adulti di domani, non possiamo continuare a pensare che i bambini siano piccoli adulti da impostare e di cui “ignorare i capricci” come spesso ho sentito affermare in trasmissione.

Mi rendo disponibile per approfondimenti all’indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dottoressa

ALESSANDRA BORTOLOTTI

www.psicologiaperinatale.it

[1] Bortolotti A., “E se poi prende il vizio?”, Il Leone Verde, Torino, (2010).

[2] Per il testo integrale tradotto in italiano si consulti il link:

http://www.mami.org/Docs/WHO_docs/Strategia_globale.pdf

[3] Moschetti AM. Tortorella, “Ossitocina e attaccamento” Quaderni ACP, 2077; 14(6): 254-260 disponibile al link: http://db.acp.it/Quaderni2007.nsf/e437b874346b3d56c1256f44005a1f5a/2ae6f109e697ea4ec12573c60035d38f/$FILE/AGGIORNAMENTOAVAN.pdf

[4] AAIMHI, Position Paper 1: Controlled Crying, (2004)

Articolo disponibile al link:http://www.aaimhi.org/documents/position%20papers/controlled_crying.pdf

[5] SI consulti a questo proposito il testo di Thomas Gordon, Genitori efficaci, La Meridiana, (2007).

Alessandra Bortolotti

Psicologa perinatale, esperta di allattamento al seno, accudimento dei bambini basato sul contatto e sonno infantile.

Video

Aggiungi commento


Commenti   

+10 # Helga 2011-09-21 20:52
Le risposte ai richiami del bambino faranno di lui un uomo "pronto" a riporre la fiducia nei rapporti con gli altir oltre che ad averne in sè stesso. Forse se fossimo cresciuti sotto l'ala di adulti "attenti", oggi vivremmo in un mondo migliore...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-28 # GEKINA 2011-09-22 07:29
"Se poi guardiamo fra gli adulti di oggi cresciuti secondo le opinioni (perché di questo si tratta) di TATA LUCIA cioè a “basso contatto”, scopriamo che nella nostra società le patologie affettive sono dilaganti, il consumo di psicofarmaci è fuori misura, le dipendenze da alcool, gioco d’azzardo, cibo ecc…, dimostrano come un’educazione dei bambini a basso contatto possa mettere a rischio il loro sviluppo affettivo".

Questa sarebbe l'informazione scientifica della Signora Bortolotti?
No dico, ma scherziamo?
Sorvoliamo sul fatto che la figura della psicologa perinatale non ha nulla di scientifico e molto di "magico".... mi domando che cosa sia meglio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-24 # GEKINA 2011-09-22 07:30
I consigli di una donna che fa la Tata e consiglia sulla base dell'esperienza ... o una certa signora che di mestiere fa la psicologa perinatale e ci spiega che è "scientificamen te" dimostrato che allattare al seno, anche di notte, faccia bene al pupo.
Che stressi magari una donna che magari si dovrà svegliare alle 6 per andare a lavorare è questione di pochissimo conto immagino...

Ai libri della Bortolotti consiglio un antidoto...
Badinter "Mamme cattivissime".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+2 # CarlaAssi1 2017-01-05 12:02
Cara Gekina, anziché scaldarti prova a riflettere:

Che allattare di notte sia il bene (scientifico e dimostrato) per il del bambino è un fatto su cui la scienza ha finito di discutere, mentre che una mamma esca di casa al mattino presto trascinando magari i bambini al nido a prendersi malattie continue è qualcosa su cui ancora ci si domanda quali e quanti effetti collaterali avrà nel futuro adulto.

Fatevene una ragione:
Crescere i propri figli e allattarli è una cosa naturale e il meglio per loro. Piazzarli al nido, dare l'artificiale o farli crescere ad altri per lavoro non è la cosa ottimale per loro e per il loro sviluppo. Questo dice il buonsenso o negli ultimi anni anche la scienza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-21 # GEKINA 2011-09-22 07:32
Può la Bortolotti fornire una bibliografia sui presunti danni (alcolismo, psicofarmaci ecc) di una educazione "a basso contatto"?
Qualcosa che non sia il delirio di Odent o Leboyer?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+18 # bb mm 2011-09-22 09:36
[quote name="GEKINA"
Che stressi magari una donna che magari si dovrà svegliare alle 6 per andare a lavorare è questione di pochissimo conto immagino...

Cara Gekina, sorvolo sui tuoi commenti alla professionalità dell'autrice e spero che sarà lei stessa a risponderti. Voglio però risponderti a questo commento che tu fai a favore delle mamme...io penso che una mamma che si deve svegliare alle 6 per andare a lavorare sarà stressata o no indipendentemen te dal fatto che allatti il bambino di notte anche perchè nessuno ci assicura che il bambino non allattato non si svegli e che, magari, richieda la preparazione di un biberon alquanto più laboriosa e quindi stressante rispetto al tirare fuori la tetta. Ma qui non si tratta di stabilire quali siano le scelte migliori per una specifica mamma, qui si tratta di fornire informazioni accurate che ogni mamma potrà poi utilizzare per fare le proprie scelte.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+8 # Rox 2011-09-22 09:41
A parte la pubblicità la dottoressa fa del suo libro che rende l'articolo non proprio disinteressato! :P Personalmente non seguo ne una linea di pensiero ne l'altra.I bimbi non vanno lasciati piangere SEMPRE,ma bisogna considerare che il pianto è la loro valvola di sfogo e serve a tirare fuori delle emozioni,che altrimenti non saprebbero gestire.Qualche volta,quando non riesco a calmare la mia bimba,l'abbracc io e la lascio piangere perchè secondo me in quel momento ha bisogno di sfogare la sua emozione(anche me capita di piangere per elaborare una situazione troppo pesante da affrontare e non c'è niente di peggio di qualcuno che tenti di calmarmi e non farmi tirare fuori tutto),ma non mi sognerei mai di conquistare la mia tranquillità notturna con il suo pianto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+8 # Rox 2011-09-22 09:42
Questione allattamento:si fa presto a dire che tutte le mamme possono allattare quando i primi a non favorire questa pratica sono spesso proprio gli operatori sanitari;allatt are non è assolutamente una passeggiata di salute, ma un impegno e una gran fatica fisica e psicologica e chi dice il contrario non ha mai allattato!Perso nalmente attaccavo la mia bimba al seno durante la notte e lasciavo nel lettone,ma questa è la mia esperienza non la verità assoluta.Sarebb e bello se invece di dar consigli in tv, scrivere libri che dicono tutto e il contrario di tutto si creasse una rete di supporto PRATICA per le mamme e i papà, sopratutto nei primi mesi! Perchè la maternità non è sempre e solo cuoricini cosi come ce l'hanno sempre descritta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+10 # Barbara Siliquini 2011-09-22 10:01
Citazione Rox:
una rete di supporto PRATICA per le mamme e i papà, sopratutto nei primi mesi!


Rox, per quanto riguarda l'allattamento c'è una rete di supporto creata e portata avanti da mamme volontarie: La Leche League. Puoi vedere in qs video chi è e cosa fa una consulente LL genitorichannel.it/.../...
Poi ci sono i consultori che in molti casi fanno un ottimo lavoro proponendo punti allattamento e supporto alle neo mamme e poi ci sono associazioni di mamme che offrono supporto e condivisione. Online invece puoi trovare spesso forum o aiuto da parte di esperti. E questo proprio perchè la dimensione di famiglia ristretta in cui viviamo ha di fatto diminuito molto il supporto che in passato avevano le mamme da parte di familiari e altre donne vicine.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+8 # Rox 2011-09-22 10:15
Ma io non parlo solo del supporto all'allattament o, allattare è importante, è un gran regalo che si fa al proprio figlio, ma non è l'essenza della maternità (e lo dice una che ha allattato con gran fatica sino all'altro giorno).
Personalmente, nonostante il corso preparto, nonostante i millemila libri letti in gravidanza, ero del tutto impreparata quando è nata la mia bimba. Ed è normale che sia cosi, la cosa che non è normale è che non ci sia nessuno che te lo dica!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+20 # sabrina 2011-09-22 10:44
La preparazione e le false informazioni di questa tata sono immani, non si puo consigliare di iniziare a svezzare a 4 mesi e dire che allattare oltre l'anno è inutile quando organi come l'OMS consiglia di arrivare ad allattare oltre i 2 anni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+8 # sabrina 2011-09-22 10:47
Non so tu, ma chi sento e vedo, i nostri genitori mamma o papà sono la maggiorparte incapaci di dirci frasi tipo "ti voglio bene" ...comunque sia.. dice molte falsità questa tata..specie sull'importanza di continuare ad allattare. E non ditemi frasi "chi ha latte" "sensi di colpa ecc" perchè lei va a senso unico andando contro gli studi scientifici.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-12 # gekina 2011-09-22 20:29
Sabrina io (38 anni) e mio padre (quasi 70) ci diciamo "ti voglio bene" ancora adesso.
Mia madre mi ha detto "ti voglio bene" ieri. Io ho risposto "E io di più vecchia rompiballe".
Mio figlio lo bacio non so quante volte tutti i giorni. Lo abbraccio ogni giorno. Ma mio figlio ha imparato a dormire nel suo lettino fin da subito. Se piangeva aspettavo un paio di minuti e poi gli parlavo dolceemente. I risvegli notturni per me erano una catastrofe: il giorno dopo dovevo andare a alvoro e non potevo certo dormire.
Il seno? Sveazzato a 5 mesi e mezzo. La tetta fino a 8 mesi ma quando capitava. E' stato lui a dire basta e sono stata io a spingerlo su quella strada.
Non so che lavoro facesse la Bortolotti... ma allattare al seno un bambino fino a due, tre anni... vuol dire una sola cosa: donne al focolare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+3 # genziana 2014-05-31 20:53
ma non è vero...io lavoro, ho tre figli e il piccolo, di 1 anno e mezzo lo allatto giorno e notte, indifferentemen te. Ce la viviamo tutti molto serenamente, a volte ci sono momenti duri e faticosi ma penso sia così per tutti, puppa o non puppa, lettone o non lettone. Per la cronaca i due grandi, 5 e 7 anni, adesso dormono nel loro letto tutta la notte e non li svegli neanche con le bombe!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-15 # gekina 2011-09-22 20:30
Le tesi della Bortolotti sono confutate dalla Badinter (e vi consiglio vivamente il suo libro per informarvi).
Carisisme donne non spetta a voi cambiare l'umanità e il mondo, non almeno passando attraverso l'educazione di un figlio. Il mondo si cambia tutti assieme e lo si fa tranquillamente senza allattamenti forzati e nanne con il pupo e risvegli frequenti.
Anche perchè diciamocelo... una mamma che non dorme è una papabile per il malumore, la depressione, la stanchezza, l'irritabilità ;-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+19 # baby69 2011-09-22 22:22
Citazione gekina:
Le tesi della Bortolotti sono confutate dalla Badinter (e vi consiglio vivamente il suo libro per informarvi).


La Bedinter sì...e di cosa ci dovrebbe informare il suo libro? :D,
Chiederei volentieri ai suoi tre figli se si siano mai sentiti amati da una madre che ha passato tutto il tempo della sua vita a filosofeggiare sul come riappropriarsi della propria vita di donna a scapito della maternità. Donna o madre?.. Lei ha scelto sicuramente donna. Il bello è che non è detto che si debba trattare i figli come dei tiranni per essere più donna e meno madre. Spero che alla fine lo capisca pure lei.
Capisco anche che chi consiglia quel libro sia sulla stessa barca.

Per quanto riguarda l'affermazione che il mondo non si cambia con l'educazione dei nostri figli... beh... questo è tutto da vedere.

D.ssa Bortolotti la mia stima per il suo lavoro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-17 # gekina 2011-09-22 22:31
Mia nonna è nata nella sicilia anni 30. A Corleone per la precisione.
Aveva idee molto più emancipate delle sue.
Che ne sa di come sono i figli della Badinter? Magari sono più sani ed equilibrati di quelli della Bortolotti o dei suoi.

Lei parla come certi personaggi che attesero la signora Curie il primo giorno di lezione.
La Curie è stata la pria professoressa universitaria a tenere lezione in una Università...
I giornalisti accalcati all'entrata dell'aula le chiesero: "Ma se lei lavora come faranno acrescere le sue figlie?".
Ecco... sono passati più di 100 anni e ancora devo leggere simili scemenze... scritet da una donna poi...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+22 # Barbara Siliquini 2011-09-23 05:30
Citazione gekina:

Non so che lavoro facesse la Bortolotti... ma allattare al seno un bambino fino a due, tre anni... vuol dire una sola cosa: donne al focolare.


Gekina, il mio secondo figlio e' stato allattato fino a 2 anni, a 10 mesi io sono tornata a lavorare, ero dirigente in una grossa azienda quotata in borsa. La mattina alle 8.30 lasciavo i miei due figli e li rivedevo la sera verso le 20. Non facevo certo una vita da focolare (e aggiungo: purtroppo). Lui era uno di quei bambini che si svegliava 10-15 volte a notte, e come varcavo la soglia di casa mi aspettava per poppare.
L'allattamento non e' incompatibile con il lavoro, se non l'avessi allattato mi avrebbe comunque assalito appena messo piede dentro casa e mi avrebbe tenuto sveglia di notte, perche' sono sua madre e mi vedeva 4 ore al giorno... in questi casi l'allattamento è una coccola in più, non qualcosa che toglie a qualcuno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-10 # Ilaria 2011-09-23 10:23
Visto che qui si dà tanta enfasi ai titoli personali (dottoressa di qua, psicologa di là) e alla bibliografia, ecco qui il curriculum della "signora" Lucia Rizzi. Si è laureata e specializzata negli USA ed è ricercatrice, non è una semplice "baby sitter". Poi potrai non condividere le sue teorie, ma non screditare le persone solo perché non la pensano come te. Le teorie sul sonno dei bambini e sull'educazione sono diverse, anche tra quelle "scientifiche", la scienza (compresa la psicologia) non si basa sui dogmi e su LA verità, sarai anche psicologa ma riveli un'attitudine molto poco scientifica (la psicologia è una scienza).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+5 # baby69 2011-09-23 10:51
Le scemate sono pensare che una donna non possa essere madre e donna e madre e donna che lavora. E tutto questo non esclude non trattare i figli come tiranni che rubano del tempo.
Cordialmente da Corleone. 1920
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+16 # matrioska 2011-09-23 13:33
Leggendo la querelle in atto sono rimasta colpita in particolare dall'equazione +seno=+ amore. Io sono mamma da poco, e non ho avuto latte. Mia figlia cresce sana e serena con il latte formulato e il biberon, perché l'amore non passa solo attraverso un capezzolo. Né credo che diventerà una serial killer perché non potrò allattarla fino alla maggiore età come fa buona parte delle mamme che leggo qui.
Mi sembra più che altro che ognuno difenda strenuamente la SUA esperienza e/o formazione più o meno scientifica, eleggendola a paradigma. Se fosse così facile e meccanico fare la mamma (tetta sì/tetta no, lettone/lettino ) il mondo sarebbe nettamente diviso in buoni e cattivi a seconda del tipo di infanzia. Invece la fortuna è che i bimbi crescono non solo grazie ai genitori, ma spesso NONOSTANTE i genitori e la loro ansia da applicazione delle teorie altrui.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+5 # Adelasia 2014-03-07 12:45
Finalmente!
Ma accettarsi per i genitori che si è e cercare di fare del nostro meglio???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+10 # PaolaPask 2011-09-23 21:25
Mi pare che qui si sia persa la visione della cosa:nessuno sta a discutere su quali teorie e metodi siano migliori o peggiori.Si discute se sia opportuno che una Tv diffonda notizie che vanno contro tutti gli studi scientifici e le raccomandazioni mediche del momento.Punto!P erchè non fare un programma con l'esperto che consiglia a tutti di mangiare male,bere superalcolici e fumare?ma se non ci si basa sugli studi scientifici per stabilire norme di salute su cosa ci si basa per parlare da esperto? Sulla propria esperienza personale? Su ciò che hanno visto i propri occhi? sentito le proprie orecchie? Dove? In lapponia o in Sudan? ...e allora siamo daccapo con i consigli delle vicine di casa, delle amiche, delle serve e delle tate e che vadano a quel paese le evidenze e la medicina e la salute...tanto abbiamo una Tv spazzatura alla mercè del soldo e del marketing che vende, che propina consigli esperti a tutta l'Italia!! w le tate e w le mamme!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-11 # gekina 2011-09-23 23:47
carisisma con uno stipendio da dirigente ti potrai permettere un esercito di Tate Lucia e di colf filippine.
La maggioranza delle donne non è dirigente d'azienda, guadagna 1000 e rotti euro al mese (che si riducono al 30% se stai a casa dopo la maternità obbligatoria).
Ti assicuro che per donne come me svegliarsi al mattino, fare la colazione, tirarsi il latte, darlo nelel mani di una puericultrice di un nido privato sgangherato (500 euro al mese... entrare nel pubblico è veramente dura) è durisisma.
Meglio poter delegare a volte la pappa al babbo. E dormire, perchè la mattina dopo le barbare siliquini dirigenti d'azienda ti vogliono produttive e sveglie :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-4 # matrioska 2011-09-24 07:34
Citazione PaolaPask:
...e allora siamo daccapo con i consigli delle vicine di casa, delle amiche, delle serve e delle tate e che vadano a quel paese le evidenze e la medicina e la salute...

La medicina è una scienza e come tale si evolve continuamente. Negli anni'70 si sosteneva la superiorità del latte artificiale,qui ndi tutte su consiglio del medico a dare latte formulato anche avendo il proprio.Poi questa visione in particolare è stata superata, ma non è che tutto quello che si stabilisce oggi sia Vangelo. A maggior ragione per la psicologia, che per alcuni non è nemmeno scienza ma filosofia!La 'salute' è un concetto relativo perché qui si parla di bambini sani, e il latte formulato è comunque latte, non veleno nè farmaco. I consigli delle serve (?!?che espressione ottocentesca... ) possono essere utili perché anche le serve sanno risolvere una colica, in base alla loro esperienza ovviamente.Inve ce gli 'scienziati' conoscono una sola verità, la loro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+4 # baby69 2011-09-24 13:32
Citazione gekina:
Mia nonna etc.. etc...


Oggi ho un po' più di tempo per risponderle a proposito delle mie "scemenze". Lei non ha minimamente letto quello che ho scritto (come son sicura non l'ha fatto con il libro e la lettera della Bortolotti) o non sa leggere. Punto primo ho chiesto di cosa dovrebbe darci informazione il libro della Badinter, e non mi ha risposto. Punto secondo non ho assolutamente detto che i figli delle Bedinter sono peggiori di altri figli, ma semplicemente mi sono chiesta se sono stati dei bambini felici avendo come madre una persona che ha vissuto in quel modo la genitorialità. ./.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+3 # baby69 2011-09-24 13:32
./.Io mi pongo domande, al contrario di lei che ha la verità infusa e si riempie la bocca con la parola EMANCIPAZIONE che per me invece, intesa come la vuole intendere lei, non vuol dire proprio niente. Lei, suppongo, ha figli, ha mai chiesto loro se sono felici?Nessuno qui vuole Superfigli, come dice lei, ma figli sereni e felici. Terzo punto le avevo, velatamente chiesto, di spiegare con contenuto (sempre che ne sia capace, visto gli articoli che scrive sul suo blog , ad esempio quello a difesa di tatalucia), le motivazioni che la spingono a dire che non è con l'educazione dei nostri figli che si cambia il mondo.
Cordialmente Corleone 1920
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+13 # lillina 2011-09-24 21:58
CARA GEKINA, IO CREDO CHE TI DEVI DA' UNA BELLA CONTROLLATA E CHE LA TUA IRONIA IN POEMA DANTESCO ,DATO I TERMINI USATI DA SUPER ILLUMINATA A MEZZO TRA LA FIGLIA DI EINSTEIN E LA CUGINA DI CARDUCCI , DOVREBBERO LASCIAR SPAZIO AD UN PO' PIU DI UMILTA' E......... UN PO' PIU' D' INFORMAZIONE MA QUELLA VERA, NON QUELLA MEDIATICA...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-6 # gekina 2011-09-24 22:47
non ho assolutamente detto che i figli delle Bedinter sono peggiori di altri figli, ma semplicemente mi sono chiesta se sono stati dei bambini felici avendo come madre una persona che ha vissuto in quel modo la genitorialità.

Anch'io mi potrei domandare se i suoi figli o quelli della Bortolotti sono dei bambini felici. Vede sono queste domande da donnetta dei mercati generali che mi impediscono di continuare oltre. Perchè veramente potrei offendere.
Quindi per amor di patria mi ritiro. Siete senza speranza.
Il libro della Badinter che cosa potrebbe darle? Assolutamente nulla. Può un cieco leggere qualcosa che non sia scritto in braille?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+5 # baby69 2011-09-25 13:26
Citazione gekina:
Anch'io mi potrei domandare se i suoi figli o quelli della Bortolotti sono dei bambini felici. Vede sono queste domande da donnetta dei mercati generali che mi impediscono di continuare oltre. Perchè veramente potrei offendere.
Quindi per amor di patria mi ritiro. Siete senza speranza.
Il libro della Badinter che cosa potrebbe darle? Assolutamente nulla. Può un cieco leggere qualcosa che non sia scritto in braille?


Guardi, che si ritiri è meglio, lei è assolutamente incapace di dialogo. E guardi, in quanto ad offendere abbiamo visto tutti benissimo che lei è capace soltanto di questo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Lila 2013-03-04 10:41
Citazione gekina:

La maggioranza delle donne non è dirigente d'azienda, guadagna 1000 e rotti euro al mese (che si riducono al 30% se stai a casa dopo la maternità obbligatoria).
Ti assicuro che per donne come me svegliarsi al mattino, fare la colazione, tirarsi il latte, darlo nelel mani di una puericultrice di un nido privato sgangherato (500 euro al mese... entrare nel pubblico è veramente dura) è durisisma.
Meglio poter delegare a volte la pappa al babbo. E dormire, perchè la mattina dopo le barbare siliquini dirigenti d'azienda ti vogliono produttive e sveglie :)


Quoto. Io non mi sono neppure potuta permettere la maternità facoltativa, con il 30% del mio stipendio non tiravamo avanti!
Mio figlio ha sette mesi, è svezzato, e lo sto educando: ai bimbi piace avere una routine precisa, e lui ha i suoi momenti di nanna, quelli dove gioca da solo nel box e dove gioca con me o col papà, la notte dorme nel suo lettino da solo (e ci si addormenta da solo) se si sveglia non piange, prende il ciuccio e se lo mette in bocca, a volte dopo una chiaccherata con... non so, il lettino, o il ciuccio stesso XD. A detta di tutti(anche medici) è un bimbo sereno, sano e socievole. Per ora non ha mai mostrato alcuna ansia da separazione.
Ho seguito alcuni consigli della tata Lucia, e non ne sono pentita affatto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+6 # Pris 2013-03-05 16:37
Basta imporre l'allattamento al seno facendo sentire in colpa le mamme che non riescono e poi in una società che penalizza lla gravidanza come si fa a lavorare,allatt are e non dormire.basta ogni uno abbia opportunità di scegliere !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-19 # didi 2013-05-17 14:05
mi dispiace, lei è dott.ssa io no, ma con questo allattamento al seno si esagera veramente, giustissimo finchè il bimbo è piccolo, 5 6 mesi poi si comincia con le pappe e così via, di qua in poi l'allattamento è puro egoismo della mamma!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+10 # bs GenitoriChannel 2013-05-22 10:27
Ciao Didi,grazie per la tua visita e il tuo commento.
Vorrei risponderti ricordando che
bisogna distinguere tra le opinioni e i fatti. Le opinioni tra le persone sono spesso differenti, per te l'allattamento va interrotto precocemente e il cibo introdotto a 5-6 mesi. Io la penso diversamente. Ognuno di noi è nel diritto di avere una propria opinione e di confrontarsi e magari cambiare idea.

I fatti invece sono quelli stabiliti dalle evidenze scientifiche, cioe' studi e ricerche sulla base dei quali gli organismi scientifici maturano una posizione. Non dico che esse siano prive di influenze di natura personale: non sempre i numeri bastano a spiegare un fenomeno.

Tuttavia tra i fatti c'e' che l'Organizzazion e Mondiale della Sanità, ma anche numerosi altri accreditati organismi scientifici internazionali e nazionali, affermano che il bambino andrebbe allattato in MODO ESCLUSIVO (cioe' senza altro: è acqua, nè altri alimenti) almeno fino a 6 mesi di età, e che è opportuno che sia allattato per 2 anni ed oltre se madre e figlio lo ritengono. Questo e' un fatto, non una opinione. Addirittura la pubblicità del latte artificiale dice "il latte materno e' il migliore alimento per i primi 1000 giorni di tuo figlio (pubblicità Mellin 2012)..." se lo dicono loro, che non ne hanno nessun vantaggio e' perchè se avessero detto qualcosa di diverso, chiunque avrebbe potuto saltargli alla giugulare con dati e studi scientifici alla mano...
La mia opinione e' che l'allattamento e' difficilmente un atto di egoismo: comporta che la madre ci sia sempre, anziché essere sostituita da ciucci, biberon e persone diverse che si occupano del bambino.
Sicuramente e' molto piu' salutare per il bambino stare appiccicato a sua madre nei suoi primi anni di vita, che rimanerci incollato a 30 anni, come in genere succede alla maggior parte dei figli che non esce di casa prima di allora...

Ti invito a leggere questo racconto molto bello: genitorichannel.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+8 # manu 2013-07-30 09:11
Definire atto di egoismo Chi giorno e Notte si dona al proprio figlio è assurdo mi permetta. Il ciuccio, surrogato del seno che cosa sarebbe Allora?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # CarlaAssi1 2017-01-05 12:13
Veramente tutti gli studi scientifici dimostrano il contrario.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Cristina 2013-05-23 10:50
Scusa ma non bastano i riscontri positivi al metodo delle tate??? le tate dicono di dedicarsi ai figli giocare con loro e consolarli. il fatto che non diano loro troppi vizi non significa non trasmettere loro messaggi affettivi...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+4 # Emanuela 2013-07-30 09:12
Quoto tutto ciò che ha scritto Alessandra Bortolotti.Graz ie di cuore!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+2 # monica 2013-07-30 13:26
condivido totalmente quello scritto da Alessandra Bortolotti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-7 # Gaia 2013-08-07 11:47
La Sig.ra bortolotti che si permette di giudicare tata Lucia esprime una sua opinione come tata Lucia sono approcci diversi non vedo xké far riferimento alll OMS non eleva la sua opinione o metodo + giusto di un altro sappiamo benissimo che le linee guida cambiano a seconda di studi mode e tempi quindi non è scienza infusa...inoltr e l allattamento al seno se deve essere seguito xkê naturale fa bene bla bla bla allora dobbiamo dire che il corpo di un neonato si prepara giorno giorno ad essere svezzata e se questo vuole la natura non vedo xké ignorarne i segnali protraendo tale pratica x + di 4 mesi l OMS ne é all oscuro?!??!?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+4 # Barbara Motolese GC 2013-08-08 14:29
Gaia,
è vero che tutti hanno proprie opinioni e che i metodi sono tanti ma proprio per questo è importante che chi fornisce informazioni alle famiglie, soprattutto tramite i mass media, sia accurato e non si basi solo sulle dicerie.

Le linee guida dell'OMS sono basate su una revisione sistematica di TUTTI gli studi che sono stati fatti su quella particolare materia e sono redatte da un team composto da esperti in varie discipline. Possiamo dire che sono DI SICURO più aggiornate e importanti dell'opinione di una singola persona. Qui la spiegazione di come vengono fatte le linee guida OMS
www.youtube.com/.../

Poi ognuno è libero di avere una sua opinione, magari differente dall'OMS, ma trasmetterla a migliaia di persone come LA regola da seguire non sarebbe accettabile in altri contesti. Perchè lo dovrebbe essere su un tema così delicato?

Sullo svezzamento, sono d'accordo che ogni giorno il neonato si prepara all'introduzion e dei cibi solidi, vi sono dei segnali importanti che fanno capire quando il bambino è pronto per iniziare: sta seduto? tiene in mano un cucchiaino e lo porta alla bocca? ha curiosità verso il cibo?
Alcuni bambini potrebbero essere pronti a 4 mesi ma in linea generale questi segnali compaiono dai 6 mesi in su. Inoltre introdurre i cibi solidi non significa affatto che il bambino non abbia ancora bisogno dell'allattamen to in alcuni momenti per integrare l'apporto di nutrienti, per rassicurarsi, per consolarsi, per diminuire il rischio di disidratazione d'estate, e tanti altri motivi.

Sulla questione dei bisogni della mamma dotata di vita propria, non credo che questo abbia nulla a che fare con l'allattamento che occupa un tempo molto limitato nel totale della vita da genitore, per questo tempo possono essere trovate molte soluzioni per conciliare entrambi i bisogni, permettendo il proseguimento dell'allattamen to e allo stesso tempo una vita personale soddisfacente della mamma. Per esempio il supporto del papà nella gestione del bambino e della casa ha un impatto importante, la possibilità di lavorare part-time o con un nido aziendale, parenti e amici che siano disponibili ad occuparsi del bambino nei momenti in cui non deve poppare, ecc.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+4 # Alexandra de la fuen 2014-05-31 02:38
Gaia,lo svezzamento inteso come stop allattamento avviene a 3 anni e mezzo piu o meno.Di cosa parli tu? Tata lucia è una cretina coi fiicchi r grazie a lei che avremmo bambini con dei problemi di ogni genere
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # CarlaAssi1 2017-01-05 12:16
Che ignoranza:
L'oms ha stabilito che prima dei sei mesi non si deve assolutamente svezzare perché si aumentano i rischi di allergie, soffocamenti e i problemi digestivi... Non è all'oscuro per niente!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-6 # Gaia 2013-08-07 11:51
Scusate errori e mancanza di punteggiatura ma il msg é stato dettato d impeto mentre lavoro tra una cosa e l altra sxo si capisca... Volevo aggiungere anke ke l OMS trascura totalmente i bisogni della mamma in quanto persona con sentimenti bisogni dotata di vita propria e non mucca!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # CarlaAssi1 2017-01-05 12:19
Ma nessuno costringe una donna a fare figli. Se si sceglie di diventare genitori i figli andrebbero messi al primo posto: bisognerebbe lavorare insieme per conquistare una società più a favore delle mamme (ad esempio con aspettativa facoltativa e part time obbligatorio) e non cercando di screditare le teorie scientifiche per cercare di "giustificare" le proprie mancanze (costrette o meno dal lavoro) perché così ci perdono soprattutto i bambini.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-3 # Adelasia 2014-03-07 12:24
Per essere adulti bisogna essere bambini e vivere dei piccoli grandi traumi fa solo parte di scoprire cosa è la vita e il mondo in cui ci troviamo a vivere che certo non è fatto di dolcezza infinita e comunicazione
Imparare questo è un grande dono che possiamo fare ai nostri figli per renderli adatti alla vita
Capire che il bene della mamma non passa solo per il capriccio che anzi rimane costante anche dopo che la mamma si arrabbia, che si possono ricevere tanti no e la vita va avanti lo stesso... Non vedo in questo creare piccoli automi insensibili ma futuri adulti in grado di essere in contatto con tutte le diverse sfaccettature della vita
E poi basta con questo psicanalizzare tutto!
Sono bambini non piccoli malati di mente da curare!
Come tutti da grandi capiranno che i genitori sono persone che cercano nell'amore di fare soltanto del loro meglio!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+7 # Barbara Lamhita 2014-03-07 14:11
I traumi derivanti dalla vita stessa non possiamo toglierli a nostri figli, ci sono cose come la morte di un nonno, una caduta, un'esperienza sgradevole con un amichetto...cos e che succedono e che, con la guida dei genitori possono essere tranquillamente affrontate e superate. Ci sono però cose che, se non necessarie, possono e devono essere evitate ai bambini. Nei primi anni di vita il genitore è il punto di riferimento per lo sviluppo emotivo, più il bambino riceve accoglienza più il suo sistema nervoso acquisisce resilienza alle eventualità della vita. Poi ogni genitore chiaramente fa il meglio ma trasmettere informazioni corrette è il minimo che dovrebbero fare i media.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Giovanna 2014-05-31 06:58
Vorrei aggiungere anche il mio interevnto a proposito delle famose dichiarazioni della "tata". Sono una pedagogista e una mamma e sono fortemente contraria a questa cattiva informazione.
Qui potete leggere il mio articolo scritto in data 26 settembre 2013
.../la-mia-risposta-a-tata-luc ia-che-risponde-ai-pediatri-ch e-lhanno-criticata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+3 # Anna Pucci 2014-05-31 07:37
Vedo solo ora questa lettera. Ma condivido e sottoscrivo. Lo faccio per personale, felicissima esperienza con due figli. Allattamento al seno prolungato (ai quattro anni d'età, nonostante un lavoro impegnativo)e sonno condiviso (la 'piccola' ha scelto di lasciare il lettore prima del 'grande'), come gli altri comportamenti materni indicati dalla dottoressa Bortolotti, per me sono parte della nostra biologia: si può scegliere se avere o non avere figli ma nel momento in cui si diventa madri siamo semplicemente mammiferi. Grazie alla dottoressa Bortolotti per aver argomentato così bene contenuti scientifici che ho avuto la fortuna di conoscere, grazie ad alcune letture all'epoca poco diffuse, ormai quasi vent'anni fa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Cri 2014-05-31 08:37
Qui sento ancora parlare della differenza tra donna e madre...siamo all'età della pietra!!! Abbiamo combattuto decenni per l'indipendenza ed ora mi dite che bisogna scegliere??? Cercate di mettere i piedi ben saldi a terra e di capire che non tutte possono permettersi di non lavorare e stare a casa finchè il bimbo è cresciuto...lo paghiamo col latte materno il mutuo??? Io sono pro Tata Lucia. Pro mamme cattivissime. Ho due figli di 7 e 3 anni senza nessun complesso dell'abbandono o problemi psicologici. Ho utilizzato il 'fate la nanna', ed ha pure funzionato. Non sono un mostro, sono una donna, che fa delle scelte. Prima di essere madre ero donna, ed è disumano escludere questa condizione una volta avuto un figlio. Vedo donne annullarsi, non curarsi di se stesse...questo si che porta alla depressione, a disagi psichici ed abuso di farmaci!!! E per quanto se ne scriva su libri scientifici etc, la realtà è tutt'altra storia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+2 # Anna Pucci 2014-06-03 18:34
Personalmente ho affrontato le gravidanze e l'allattamento al seno senza mai lasciare il lavoro se non per i 5 mesi obbligatori per legge. Praticamente zero anche le assenze successive legate alle malattie dei figli (potenza del latte materno? mah :-) )E non faccio un lavoro d'ufficio 8-14. La contrapposizion e donna / madre è una categoria che non capisco, mi dispiace. Credo però che ciascuna sia libera di regolarsi nella maniera in cui riesce a vivere la maternità (che è una scelta, non un dovere) con maggior serenità. Però non si dica che per accudire i figli alla maniera dei mammiferi è necessario rinunciare al lavoro o alla propria personalità! Con affetto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # cristina 2014-12-15 21:28
Citazione Cri:
Qui sento ancora parlare della differenza tra donna e madre./Vedo donne annullarsi, non curarsi di se stesse...questo si che porta alla depressione, a disagi psichici ed abuso di farmaci!!! E per quanto se ne scriva su libri scientifici etc, la realtà è tutt'altra storia.


Premetto che sono una mamma di 38 anni e mio figlio ha 15 mesi non ho nessuno mio marito è fuori tutto il giorno i nonni non sono vicini e lavorano, è ovvio che non vivi più come prima di diventare mamma. Prima ero una donna lavoratrice con un ruolo importante nell' azienda dive ho lavorato per 15 anni, poi è fallita ed ho fatto altri lavori di ogni genere per poter finire di pagare il mutuo della casa rinunciando parecchie volte a parecchie cose e momenti, perché non potevo permettermelo come una volta e, perché prima di tutto avevo deciso di essere una donna indipendente e con una casa sua a 25 anni dove andarci a vivere da sola.Tutto questo è per dire che la possibilità di essere una donna la si può fare anche prima di avere un figlio...ho improntato la mia crescita sulla mia indipendenza, cmq sognando una mia famiglia con l'uomo giusto e, l'ho trovato, abbiamo deciso che nostro figlio dovesse crescere con la mamma è non per questo non mi sento donna perché non riesco a curarmi come prima o mi vengono crisi depressive anzi, fare la mamma e casalinga è un lavoro a cottimo!!!! fare la mamma per me è il lavoro più bello e soddisfacente che può fare una donna.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Katia 2014-05-31 10:27
La "professionalit à" della Psicologa perinatale si può evincere anche dal semplice fatto di aver bollato come "OPINIONE" quanto sostenuto dalla DOTTORESSA (oltre che Signora) Lucia Rizzi, Pedagogista, ricercatrice del Child Development Center dell'Università della California,cons ulente per diversi ospedali, esperta di ADHD, esperta in terapia comportamentale e decenni di esperienza alle spalle.
Psicologi: GIU' LE MANI DAI BAMBINI E DALL'INFANZIA!! !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+2 # mammaelisa papàluigi 2014-06-01 03:51
Ho già postato un messaggio personale ma le molteplici risposte m'impediscono di vedere ciò che ho postato mesi fa.Vorrei aggiungere o ribadire che sono stata una mamma che ha allattato due anni i nostri figli con l'appoggio TOTALE da parte del papà mentre nonni zii e parenti rivendicavano le marce fatte nel '68 per il diritto al latte artificiale.Ogg i siamo genitori felici e orgogliosi di ciò che abbiamo fatto e del risultato ottenuto .Abbiamo un rapporto unico speciale fortemente istintivo e umano .Abbiamo tenuto nel lettone Aron fino a 12 anni il piccolo di 11 Mark è ancora tra noi o con uno almeno o con il fratellone.Sono ragazzi fortemente intelligenti sopra la media per la loro età sono ragazzi che tra gli amici ti baciano senza problemi o imbarazzo è naturale.Abbiam o scelto l'istinto e l'amore a distanza di anni ne siamo certi è la via per la felicità della famiglia è la chiave per la sicurezza nelle proprie forze dei nostri figli con.Siamo felici e non poteva essere diversamente seguendo i consigli di MADRE TERRA.L'essere umano ha solo fame d'amore e se riusciamo a nutrirlo giornalmente crescerà forte sano felice portando un dono immenso su questo pianeta dove l'umanità ha un forte bisogno di sentirsi amata ma invece ogni giorno di più gli si fa credere che non serve.L'amore è la più grande medicina di tutti i tempi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # monisigno 2014-06-04 17:12
Io penso semplicemente che ogni genitore finisce i propri figli e portarli nel lettone o no...allattare oltre l'anno o no sono scelte che nessuno dovrebbe permettersi di commentare. Ho allattato i miei due bimbi fino a 1 anno. Ora hanno 12 e 7 anni dormono uno con me e uno con mio marito. Ed entrambe siamo molto felici di questo e nessuno può farci cambiare idea. Quando saranno grandi e non vorranno più dormire con noi....cmq sono sereni, intelligenti e circondati da amici...quindi. ..dove è il problema???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Sara 2015-08-30 19:38
Raccapricciante
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+3 # carla scarsi 2014-06-02 12:54
Ricordiamo che anche La Leche League Italia (www.lllitalia.org) ha preso posizione contro le indicazioni della "Tata", in questo caso dedicate al momento in cui l'allattamento non sarebbe più un nutrimento (vedasi qui vivalamamma.tgcom24.it/.../...)

Le motivazioni che condividiamo con l'amica Alessandra Bortolotti sono relative appunto alla mancanza di bibliografia scientifica da parte delle "tate". Le "tate" esprimono la loro personale opinione, non dimentichiamolo .
Sottolineiamo ancora che proprio per la grande popolarità mediatica che raggiungono, tali personaggi dovrebbero essere particolarmente attente alla serietà delle loro affermazioni.

Le informazioni che il sito de LLL e le Consulenti de LLL forniscono alle madri sono comprovate da un'attività che esiste da oltre 60 anni nel mondo e da 35 anni in Italia, al fianco dei principali attori per la salute materno infantile internazionali.

Carla Scarsi (consulente di Genova – staff relazioni esterne LLL Italia)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Francesca 2014-08-24 03:59
Mia figlia ha un problema di mitismo elettivo. Parla, cioé, solo con chi vuole lei. Quando ho chiesto al neuropsichiatra se potesse esserci un motivo particolare che ha scaturito questo 'problema' lui mi ha detto: 'per caso ha allattato per troppo tempo la bambina?' Io gli ho risposto: 'no, ho avuto un problema respiratorio e di latte ne ho avuto poco!' Lui mi ha detto: 'allora é x questo!'. Sono convinta che uno debba fare come preferisce. Se lo vuole allattare lo allatta, se no smette prima. Non esistono scienze esatte ma solo opinioni. Una madre serena è l'unica cosa di cui ha bisogno un figlio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Barbara Motolese 2014-08-25 11:07
Hai ragione Francesca, non esistono scienze esatte ma possiamo basarci sulle evidenze scientifiche per capire come le nostre scelte impattano sulla salute dei nostri figli in modo da fare scelte più consapevoli.
Per quanto riguarda il mutismo selettivo abbiamo pubblicato poco tempo fa un articolo che potrebbe interessarti con l'indicazione di un libro scritto per i bambini genitorichannel.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+2 # cristina 2014-12-15 14:28
Ho letto tutti questi commenti e punti di vista .... premetto che ho la fortuna di poter fare la mamma a tempo pieno e premetto che quando lavoravo ho fatto anche tre lavori insieme quando mi sono comprata casa, non avevo ancora una mia famiglia ero una single Felice con il mio cane ed i miei gatti. Da quando ho trovato l'uomo della mia vita dopo un po' di anni abbiamo deciso di provare ad avere un figlio.. ed è arrivato la cosa più bella al mondo.
Tutte voi vi domanderete, ma a noi di questa storia cosa ci frega?
è solo per dire, che avere un figlio e crescerlo da sole tutto il giorno tu e tuo figlio/a è faticoso e ti senti alcune volte svuotata, ma poi guardi il tuo cucciolo e tutto passa e l'istinto della mamma è il miglior metodo; l'importante è avercelo l'istinto materno, non ti chiedono di essere messi al mondo ma quando arrivano l'unica cosa di cui hanno bisogno è l'amore prima di tutto della loro mamma. Condivido in pieno genziana, tutto a suo tempo!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs GenitoriChannel 2014-12-15 16:23
Grazie della tua condivisione Cristina. Le storie delle mamme e le proprie esperienze "fregano" sempre :-) perché a volte rincuora il solo sapere che non si è soli nella visione di una certa cosa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Bimby 2015-01-08 06:47
Ma io mi domando: chi ha scritto questo post ha mai avuto figli? Beh evidentemente no! Se non si dorme per un po' di mesi altro che rafforzare il rapporto madre-figlio! Quando stai esaurita di certo tutta questa teoria va a farsi benedire! Sottolineo che dopo la nascita si torna a lavoro, bisogna dormire. Mamma riposata, questo si che rafforza il legame madre-figlio!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+4 # bs GenitoriChannel 2015-01-08 09:08
Si la persona che ha scritto l'articolo ha 2 figlie.

Io sono stata madre di un bambino che si svegliava anche 20 volte a notte e di giorno dormiva 20 minuti... so che la privazione del sonno è un massacro su molti fronti.
Anche io ogni mattina mi mettevo in pista per una giornata di lavoro fuori casa... sono stati anni durissimi.
Ma se hai un bambino che non dorme qual è la soluzione?
chiuderlo in stanza a urlare mentre tu schiacci un pisolino, finché lui sfinito capisce che comunque nessuno lo ascolta?
io non ne sono stata capace, perché so che se lo facessero con me impazzirei, dunque per me è una cosa inaccettabile.

Ma poi, davvero se un bambino viene chiuso nella sua stanza a piangere disperato, poi dorme? e se cosi' fosse, che prezzo sto pagando?

E' vero che bisogna dormire, ma io non ho trovato la ricetta per farlo con mio figlio (1 di 3 con le altre due figlie non ho avuto problemi... ogni bambino ha le sue caratteristiche ), l'unico rimedio è stato il tempo che ha migliorato le cose.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Elena Terzariol 2015-05-19 11:49
Dottoressa Alessandra Bortolotti,
ho iniziato a leggere il suo articolo e poi mi sono dovuta fermare... di fronte all' elenco delle diciture tecniche con le quali lei affronta l' argomento.
Mi pare di evincere solo un grande braccio di ferro fra la sua professionalità "ferita" e quella "commerciale" di Tata Lucia. Credo che non esista nessuna verità, nessuna certezza, nessuna regola. Ogni mamma è a sè, ogni figlio anche... il cuore e il buon senso non vanno certo d' accordo con tutte le indicazioni che vengono date non solo in televisione ma anche su questa pagina internet....sug gerisco quindi di usare l' amore e l' istinto... sono le due parole che secondo me e al di là di tutto risolvono ogni cosa. E' di questo che le nostre famiglie hanno bisogno: di donne amorevoli, piene dell' affetto per i propri figli. Ci pensi anche lei. cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Sara 2015-08-30 19:35
Intervento sconcertante! Tata Lucia da ottimi consigli basati non solo su una vasta esperienza ma anche sulle diverse lauree . Si è fatta ottima pubblicità signora complimenti per la furbizia! Una sua collega
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # pastorello barbara 2015-09-10 11:03
Brava....quando ho visto questa intervista e le risposte che dava tata Lucia ho rabbrividito... .io sono una psicologa clinica ed allatto mio figlio che ora ha 3 anni e mezzo e non permetterò a nessuno di dirmi quando smettere, al di là delle ricerche scientifiche... .hai tutta la mia solidarietà...u n abbraccio
Barbara Pastorello
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # marcia 2016-12-27 10:16
ciao..mia bambina marzo compi 2 anni e accora voi il seno..pero no voi mangiare nelle ore dei pasti come colazione,pranz o e cena..che devo fare?le pediatra consigliano a togliere il seno perche no ti sono piu le vitamine.chedev o fare? sp sperata....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs GenitoriChannel 2016-12-28 11:56
Cara Marcia,
com'è la tua bambina? è denutrita?
se è una bambina, vitale, sana, che mostra di essere in salute, anche se è magra, fidati dei suoi segnali: continua a darle il tuo latte e mettile a disposizione il cibo quando lo vuole. Sono fasi che i bambini passano, poi imparerà a mangiare negli orari giusti.
Non toglierle il seno, la faresti sentire spersa e le daresti il messaggio che quello che lei dice e i bisogni che lei manifesta non contano nulla.
Rasserenati, fidati di tua figlia e del tuo istinto. L'importante è che tu veda che la bambina è sana, vitale, è una bambina che si muove come una bimba della sua età.
Se invece è una bambina letargica (cioè ha sempre sonno e poche energie), se la vedi che ha poche energie, è pallida, senza volontà, allora lì vuol dire che non è nutrita abbastanza.
Fammi sapere, un caro abbraccio,
bs
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # CarlaAssi1 2017-01-05 11:56
Tata Lucia è responsabile (insieme al suo metodo educativo) di una generazione di persone depresse, ansiose, dipendenti dai farmaci e dal cibo. Va davvero tagliata fuori da qualunque programma TV: ha avuto fin troppa pubblicità immeritata.

L'allattamento è sacro e preziosissimo, ed i bambini sono cuccioli bisognosi di contatto e rassicurazioni.


Aggiungerei anche che le linee guida contro la SIDS sconsigliano il lettino in camera separata dai genitori!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Tina 2017-02-18 17:08
Secondo me questa psicologa non dice cose corrette. Innanzitutto è verissimo che a 7 mesi un bimbo non ha bisogno di essere più allattato di notte, ma neanche a 4 mesi! basta accorrere se piange dandogli il ciuccio e qualche carezza, niente di più. e non sto a commentare il resto. basta con queste manie di nuova generazione! w tata lucia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs GenitoriChannel 2017-02-20 11:55
Tina, quello che dici non è corretto. Un bambino di 4 mesi va allattato di notte se si sveglia ed ha fame, lo stesso se il bambino ha 7 mesi.
Tutti gli studi scientifici dicono chiaramente che il bambino andrebbe allattato al seno in modo esclusivo almeno fino ai 6 mesi e l'allattamento andrebbe fatto a richiesta. Questo è ciò che dice la scienza. Ma anche il buon senso: i bambini piccoli non sono adulti, così come non dormono come gli adulti (noi riposiamo solo di notte e ci bastano 7 ore e mangiamo 3 volte al giorno) e non mangiano come gli adulti.
Ma al di là di questo, il tema fondamentale è che un bebé va ascoltato e accudito in modo amorevole, senza pensare che sia un tiranno famelico. Lui non ha le sovrastrutture che abbiamo noi, risponde ai bisogni del suo corpo, che sono sicuramente reali. Non rispondere insegna al bambino che cio' che egli sente non ha valore.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.