Ancora una ricetta super-semplice che vi permette di riutilizzare i biscotti avanzati, far divertire i bambini e leccarvi i baffi. L'ideale per le ricorrenze golose (dal Carnevale, a San Valentino), o per una festa di compleanno.

Vi capita mai di trovare sul fondo della scatola dei biscotti uno strato di quelli rotti che nessuno vuole? Io non sono una schizzinosa ma i biscotti rotti proprio non li reggo, sono impossibili da "pucciare" nel the o nel latte!
Ma, a casa nostra, buttare il cibo è un peccato enorme, punito alla stregua dei peggiori reati ;-)
Perciò, ecco una ricetta semplice, per riutilizzare i biscotti rotti, che con l'aggiunta delle codine colorate diventa perfetta.

Sabato e domenica Aylin era in uscita con gli scout, nel pranzo al sacco avevo infilato una splendida banana. Al rientro mi ritrovo la banana tutta nera e ammaccata, che non era stata consumata... "Mamma! Me l'hai messa nello zaino ed è diventata tutta nera, non mi piaceva!" ...che figli schifiltosi che tengo!

Beh, ma sta banana era bella grossa e di quelle del commercio equo e solidale, io non avevo cuore di buttarla!

La colazione è un pasto importante, scambiamoci un po' di trucchi e idee...
Abbiamo parlato varie volte dell'alimentazione dei bambini, argomento vastissimo e delicato e riportato alla ribalta dalle recenti dichiarazioni di pediatri e non solo.
Dopo aver dichiarato che ci vogliamo ri-impossessare della responsabilità e del piacere di nutrire i nostri bimbi, vorremmo aiutarci nell'arduo compito di scegliere, cucinare e offrire ai nostri bimbi dei menu sani, variati, appetitosi, completi e, se possibile, pure abbastanza rapidi! Cominciamo a scambiarci idee sul primo ed importante pasto della giornata: Caterina ci parla della colazione e ci propone dei piccoli menu per ogni giorno della settimana.

L'avreste mai detto che il carbone della Befana si può fare in casa? Io l'ho scoperto solo oggi... sembra un processo piuttosto semplice, e più che un esperimento culinario sembra l'esperimento del piccolo chimico, perché la reazione tra gli ingredienti che da luogo al carbone dolce è davvero sorprendente e curiosa: sembra di avere a che vedere con la lava del vulcano.

In queste giornate casalinghe ci siamo dati alle sperimentazioni culinarie, così con qualche suggerimento di un'amica abbiamo prodotto delle belllissime e gustose gelatine di vino. Un regalino apprezzato e perfetto in questi giorni di festa.

Sono semplici da fare e ottime da abbinare ai formaggi o da servire come sfiziosità. Ecco come prepararle, il procedimento è veloce e semplice. Dotatevi di vasettini di vetro carini per confezionarli.

La pasta madre è come una figlia aggiuntiva: ha bisogno di cure costanti, pazienza e dedizione.
Il pane fatto in casa richiede tempi lunghi, dà risultati incerti e semina sporco un po' dovunque, soprattutto se sono coinvolti i piccoli di famiglia.
Ma allora ... perché farlo?
Beh, i motivi sono tanti:

Non ci sono bimbi che rifiuterebbero un invito a sperimentarsi cuochi, da noi a volte: "Vogliamo fare una torta?!" è una frase che interrompe grandi crisi di pianto, induce al lavaggio delle manine (si sà che i bimbi sulla pulizia hanno canoni tutti loro), risolve un pomeriggio di noia e rende i bimbi felici perché non solo possono fare una cosa da grandi, non solo possono esprimere la loro creatività, ma possono monopolizzare la loro mamma o il papà, cosa che loro amano più di tutto.

I pancakes a casa nostra sono un piccolo avvenimento, i bambini ne vanno ghiotti e sono una colazione che in genere ci concediamo quando sono finite le scuole: un modo per fare un'attività insieme, forse anche per quello sono così speciali.

La ricetta dei pancake americani è facilissima e si può cucinare insieme ai bambini

I bimbi in cucina sono uno spasso, imparano come vengono cucinate le cose, sviluppano le loro abilità manuali, si autoeducano al cibo sano e si divertono.

In questo video due bimbi di 3 e 5 anni fanno una pizza margherita e una focaccia.

Finite le vacanze di Pasqua (almeno per i più), come sempre rimaniamo con etti o kili di cioccolata avanzata, più quei rotolini appiccicati al punto vita, nel giro coscia, e sui glutei... :-/, che farne??? Per i rotolini... possiamo provare a piangere sul latte versato :-), per la cioccolata avanzata, con quella fondente è più facile, perché è adatta per mille ricette, ma il dilemma rimane per il cioccolato al latte...

Ecco dunque una raccolta di suggerimenti e ricette per riciclare il cioccolato rimasto, specie quello al latte, tratta dai nostri lettori e qua e là in rete.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.