Un nuovo motore di ricerca europeo che non traccia la navigazione web.

 Come accompagnare i nostri figli a conoscere Internet

Qual è il ruolo dei genitori nell'educazione alle nuove tecnologie.

11/2/14 a Milano: la premiazione di Bit Bum Bam e un laboratorio per bambini

Diritti dei bambini e uso del web...

Il Generale Umberto Rapetto, fondatore del nucleo GAP Frodi telematiche,  incontrato in una delle tappe del progetto Navigare Sicuri a cura di  Telecom Italia, ci spiega come parlare ai ragazzi dei rischi di Internet.

 

Quando i figli cominciano ad andare online, sia tramite gli smartphones che tramite i social network nel computer di casa, per i genitori comincia il momento delle domande: quali sono i pericoli in cui incorrono materialmente? quali sono le regole veramente efficaci? quali i limiti efficaci ai comportamenti dei ragazzi con la rete?

Verso i ragazzi che navigano sui social network e sulle piattaforme online, da twitter a youtube a flickr, le azioni più efficaci di tutela e protezione che i genitori possono adottare sono impostate al buonsenso, al dialogo aperto e leale e al buon esempio. Per i genitori non resta dunque che documentarsi e imparare quali sono le regole di sicurezza e i comportamenti senza rischi da trasferire ai figli.

Che ne sanno i vostri figli di cosa è internet? sono contenti del fatto che voi ci passiate davanti tanto tempo? ...noi l'abbiamo chiesto ad alcuni bimbi in vacanza e ci siamo molto divertiti ad ascoltare le loro risposte. Ecco come è andata...

Qualche tempo fa mi sono trovata in piacevole compagnia di un po' di amiche "blogger" e delle loro famiglie all'Alto Mincio Family Park per un weekend da blogger (#soncosebelle). Per l'aperitivo, l'agenzia che curava l'iniziativa per i signori di ecvacanze, ha pensato di farci cimentare in un "giochino":

inscenare una rappresentazione per spiegare ai nostri bimbi cosa sono i social network...

Chi oggi fa a meno del cellulare? Noi che siamo la generazione che li ha visti nascere quando ancora andavamo in discoteca, abbiamo vissuto tutto il passaggio da: “a cosa mai può servirgli se non a darsi un mucchio di arie?!” a “lo voglio anch’io, guarda che alla fine è utile… beh sì fa pure fico” al considerare il cellulare uno strumento tale e quale al frigorifero: indispensabile.

Ormai dal cellulare non si torna più indietro. Tuttavia, ora che gli anni sono passati, forse è il momento di cominciare a guardarlo con l’oggettività e il distacco che merita, perché, come tutte le cose, ha un rovescio della medaglia: l’impatto sulla salute. Con questo non ci sogniamo di dire che abbandoneremo il cellulare, ma essere consapevoli ci aiuta ad adottare dei piccoli accorgimenti di tutela della salute, e a stimolare le grandi compagnie ad investire in tecnologia sempre più tutelante per la nostra salute.

Pagina 1 di 2

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.