Lunedì, 04 Febbraio 2013 07:18

Sci: divertimento o schiavitù?

By

Figlia di sciatori, sono stata messa sugli sci a 2 anni e mezzo. A 4 anni ero nello sci club e ho iniziato a fare le gare.La mia infanzia era un sù e giù dalla montagna, una sveglia perennemente puntata presto e tanto stress. Io l'ho vissuta così. Finchè, adolescente, ho detto basta.

Vorrei raccontarvi di me e dei bambini agonisti che vedo oggi intorno a me.

 

La vita dei bambini che praticano lo sci a livello agonistico è dura. Da un lato gli allenatori, che sperano di ottenere risultati sempre migliori dai propri allievi, richiedono un impegno di tempo difficilmente conciliabile con una vita in città. Dall'altro lato la scuola, gli amici in città e le altre attività extrascolastiche rendono le giornate dei bambini già abbastanza piene. E così incontro le mamme con la macchina carica di sci davanti a scuola, pronte a sorbirsi un'ora e mezza di auto per far sciare i figli due ore. L'allenamento prima delle gare è essenziale, provare la pista prima di un appuntamento importante lo è altrettanto. Bambini a cui non viene chiesto "ti sei divertito?" ma "quanto hai dato a ...?". Una competizione fortissima, una voglia di arrivare non si sa bene dove ancora più grande, da parte dei genitori, trasformano lo sport più bello del mondo in un incubo per tanti bambini.

Per non parlare del fattore economico: l'investimento che viene fatto in questo sport ogni anno (pensate a stagionale, sci club, tuta da allenamento, tuta da gara, sci da allenamento corti, sci da allenamento lunghi, sci da gara lunghi, sci da gara corti, scarponi, bastoni, maschera da sole, maschera da nebbia...) non potrebbe essere destinato ad un fondo per il futuro dei nostri figli?

Credo che lo sport individuale sia un banco di prova importante con cui confrontarsi per un bambino, un modo per crescere, conoscere se stessi e i propri limiti, rapportarsi con gli altri, imparare a perdere. E gli sport invernali sono perfetti perché permettono di godere di panorami mozzafiato e di respirare aria pura.

Ma non bisognerebbe mai oltrepassare il limite. Lo sport è un divertimento e, a meno che non sia il bambino a chiedere espressamente di sacrificare la propria vita ad esso, non può diventare l'impegno numero 1, sull'altare del quale si sacrifica l'intera esistenza di una famiglia.

 

Di Cristiana Calilli

Cento per cento mamma

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples
google.com, pub-8711244316083070, RESELLER, f08c47fec0942fa0 pubmatic.com, 73111, RESELLER, 5d62403b186f2ace pubmatic.com, 157436, DIRECT, 5d62403b186f2ace adform.com, 258, RESELLER triplelift.com, 3569, DIRECT, 6c33edb13117fd86 appnexus.com, 1785, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 improvedigital.com, 1088, RESELLER rubiconproject.com, 19618, DIRECT, 0bfd66d529a55807 openx.com, 540233840, DIRECT, 6a698e2ec38604c6 indexexchange.com, 188789, DIRECT

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.