Mercoledì, 21 Dicembre 2011 07:46

Ode alle mamme imperfette...

By

Quante volte, soprattutto nei giorni prima delle feste, ci siamo ritrovate a fare la Dea Cali con otto mani, a correre da parte a parte come fossimo ubique, a fare in una settimana quello che sembra già difficile fare in un mese… e quante volte non ce l’abbiamo fatta, abbiamo fatto pasticci, ci siamo ritrovate imperfette e piene di sensi di colpa…
Noi mamme siamo così, in ognuna di noi convivono super woman e sbirulino, la mamma che arriva sempre ovunque, ma anche, quella che nel tentativo di arrivare sempre a tutto, combina pasticci nelle cose più semplici, dimentica le cose, e a volte si perde in un bicchier d’acqua…

ma la cosa rassicurante è scoprire che anche quando pensavi di essere l’unica mamma imperfetta, scopri che i piccoli pasticci, dimenticanze, trasandatezze, situazioni rocambolesche non succedono solo a te, non sei la sola imperfetta anzi, della lista delle imperfezioni qualcuna nemmeno ti appartiene, e questo è già un bell’inizio!

E allora ecco la nostra Ode alle mamme imperfette, che su FaceBook ha già spopolato con decine di esempi splendidi di piccoli e grandi guai che sappiamo combinare.  Farsi una risata e trovarsi in compagnia è il primo antidoto al nostro senso di colpa per non essere perfette come la collega dell’ufficio affianco.

 

-         Ode alle mamme imperfette –

 

Quelle che al lunedì mattina non hanno mai i bavaglini per l'asilo puliti

E se li hanno se li dimenticano a casa

Quelle che il marito capisce cosa hanno cucinato dal colore delle pareti

Quelle che si dimenticano a casa lo zainetto

e se lo portano è vuoto

Quelle che il topolino dei denti forse è in ritardo...

"ma no guarda è qui per terra il soldino, sarà caduto"

Quelle che il materiale per il calendario dell'avvento ce l'hanno già pronto a novembre

e rimane lì per l'anno successivo

Quelle che alla mattina escono in ciabatte

Quelle che alle 16.20 sono ancora a casa ma "ce la posso fare!"

e poi non ce la fanno e chinano il capo alla maestra arrabbiata

Quelle che la cesta dei calzini spaiati ce l'hanno in garage al posto della macchina

Quelle che fanno finta di non vedere il vigile dalla finestra

così non devono scendere a spostare la macchina

Quelle che si fanno la lista della spesa

e la lasciano a casa

Quelle che non hanno mai le salviettine

e se le hanno sono rimaste aperte e si sono asciugate

Quelle che mettono i pantaloni del figlio minore a quello maggiore

e le calze rosa al figlio maschio

Quelle che non portano mai la merenda in palestra

ma l'avevano preparata

Quelle che si riordina sempre la cameretta...domani

Quelle che quando arrivano in orario a scuola è perchè non hanno fatto il cambio dell'ora

Quelle che fanno gli "ammucchiolamenti" nei posti più impensabili

Quelle che si telefonano da sole tutti i giorni

per ritrovare il cellulare

Quelle che hanno sempre un'idea creativa dell'ultimo minuto per la festa di compleanno

e si sorprendono che venga anche bene

Quelle che non sanno ricamare il nome sugli asciugamani per l'asilo

Quelle che arrivano alla casa in montagna felici ma senza chiavi

Quelle che "Non aprite quell'armadio"

Quelle che hanno 10 copie delle chiavi della macchina

ma chiamano il marito per sapere se le ha viste

Quelle che rompono il pc, il cellulare e il cordless nello stesso giorno

Quelle che portano i figli a scuola quando è chiusa

Quelle che non hanno mai la penna

e se ce l'hanno è scarica

Quelle che...

 

aggiungi tu la tua!

Spesso la nostra quotidianità è costellata da piccoli oggetti che ci aiutano ad agire da Dea Calì e da superwoman, o ci soccorrono nel momento in cui facciamo pasticci.

Proprio in questi giorni è partito un progetto di collaborazione di Genitori Channel con alcuni siti e blogger della rete. Ciò grazie alla sponsorship di Gigaset, un produttore di telefoni cordless e di una rivoluzionaria clip viva voce da associare al telefono di casa.

Partendo dall’esperienza sul campo della clip vivavoce di Gigaset, i blogger-genitori coinvolti fanno brainstorming e condividono come un piccolo oggetto tecnologico, come la clip vivavoce che ti permette di chiamare avendo le mani libere,  ti consente di risolvere qualche scena comica quotidiana, o… o forse no, perché, infondo: “ma sì, adesso che ho questa posso cucinare, seguire i compiti della grande, portare la piccola sul vasino, pianificare pranzi e cene natalizie con la suocera al telefono e lasciare uscire il gatto di casa per fare pipì.”

A fare questo esperimento con noi di Genitori Channel c’è Linda, la blogger creativa di Pane Amore Creatività, Ilaria di Mamme Nella Rete, la bella community di mamme, con una sezione speciale per le mamme tecnologiche che ci sembrava calzare a pennello,  Francesca e Davide, una coppia di genitori molto attenti alle “EquAzioni”, come dice il nome del loro blog, Raffaella, la mamma green di Baby Green, Elena, l’ideatrice della prima web radio per mamme, MammeInRadio, che ci ospiterà tutte per parlare di mamme, pasticci e chissà cos’altro, a fine progetto.

Seguiteci dunque, perché in arrivo abbiamo un video divertente e molte sorprese e interessanti post.

Articoli correlati (da tag)

  • Ah Ecco! Il mattino ha l'oro in bocca... Ah Ecco! Il mattino ha l'oro in bocca...

    Una rocambolesca mattina di una mamma come tante che cerca di incastrare lavoro, bambini, scuola e tanti guai...con un piccolo aiuto tecnologico!

    Questo video nasce da un progetto di Genitori Channel per Gigaset, che ha coinvolto i genitori su web e 6 blogger: 
    Raffaella di BabyGreen.it, Francesca e Davide di Equazioni.org, Francesca di MammeInRadio.it, Ilaria di MammenellaRete.it, Linda di PaneAmoreCreativita.it.
    Si tratta dunque di un fiction "community generated" ovvero che si rifà alle esperienze e condivisioni fatte via web, con i genitori che hanno partecipato.

  • Mia figlia preferisce stare con i nonni che tornare a casa... Mia figlia preferisce stare con i nonni che tornare a casa...

    A volte e' doloroso vedere che i ns bambini sembrano preferire i nonni o la casa dei nonni alla nostra casa o al tempo con noi. Io mi sono fatta l'idea che questo spesso sia una loro reazione al fatto di non vederci abbastanza, un po' come dire "sei stata via tutto il giorno e ora ti presenti e decidi del mio tempo e del mio spazio. Beh, sai che c'e'? ora io sono impegnata e ho da fare qui!"

    Oggi una mamma ci ha scritto chiedendoci un consiglio:

  • Nonni, amiche... la rete di aiuti e imparare a dire "sì" Nonni, amiche... la rete di aiuti e imparare a dire "sì"

    Riprendere la routine è faticoso per tutti.

    In particolare noi genitori, incastrati tra impegni lavorativi e familiari, corsi dei figli e appuntamenti improrogabili, rischiamo di passare le giornate a correre.

    La pausa estiva mi ha fatto riflettere sull’aiuto che ci proviene da amici e familiari, che magari ci hanno offerto il loro tempo, senza venire presi sul serio.

  • 3.000 neonati abbandonati, il primo nella ruota degli esposti milanese 3.000 neonati abbandonati, il primo nella ruota degli esposti milanese

    Venerdì 6 luglio, il piccolo Mario, con poche ore di vita è stato affidato dalla sua mamma alla "Ruota degli Esposti" della Mangiagalli di Milano, un piccino nato prematuro e piccolo piccolo... Sembra impossibile, ma in Italia sono circa 3mila all’anno i neonati abbandonati e ritrovati (soprattutto vivi, ma anche morti): il 73% è figlio di italiane, il 27% di immigrate, prevalentemente tra i 20 e 40 anni; le minorenni risultano solo il 6%; di questi abbandoni circa 400 l'anno, ancora troppo pochi, avvengono in ospedale...

  • Io sono una mamma e tu che super poteri hai Io sono una mamma e tu che super poteri hai

    Eccoci a maggio, il mese delle mamme e della festa della mamma…  

    Prendendo spunto da qui abbiamo deciso di rendere permanente la "campagna" Io sono una mamma e tu che superpoteri hai? Un modo per celebrare tutto l'anno la straordinarietà delle mamme. Tutte, ognuna a suo modo, sono dei super eroi, ognuna con i suoi superpoteri diversi! 

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.