Giovedì, 11 Ottobre 2012 12:49

Madri in carcere

By

Realtà nascoste, tenute nell’ombra e non prese in considerazione.
Oggi vi voglio parlare delle mamme che vivono in carcere, che sono tenute lontane dai propri figli o che dividono la pena con i propri bambini fino ai 3 anni di età.

Una “maternità interrotta”, come la definisce Silvia Girotti dell’Associazione AVOC (Associazione Volontari del Carcere), un’esperienza che segnerà per sempre la vita di bambini e mamme. 

La strada verso un cambiamento di rotta è purtroppo molto lunga. L’Europa, con una risoluzione, ha dichiarato che la detenzione per le donne deve essere l’ultima tra le soluzioni adottate. In Italia, le donne detenute sono 2600 (il 4% del totale). 60 di queste sono internate con i propri figli di età inferiore ai 3 anni e circa 30 in stato di gravidanza. (E quelle che vengono allontanate dai figli che hanno compiuto 4 anni?......)

Le carceri non sono luoghi pensati per i bambini, che quindi crescono in un ambiente privo di stimoli e vivono un’esperienza traumatica che segna inevitabilmente il loro sviluppo. Anche solo pensare a tutte quelle mamme che non possono vivere i propri figli, che sono tenute lontane dagli anni più belli della vita di un rapporto mamma-bambino mi fa rabbrividire. 

Possibile che non si riescano a trovare soluzioni alternative per far scontare una pena ad una donna, piuttosto che punire due persone (lei e il suo bambino)? È arrivato il momento di parlare di questa situazione, è necessario far venire a galla un mondo nascosto di sofferenza e indifferenza! 

Una bella iniziativa quella promossa dal Museo della Liberazione di Roma che ha organizzato un incontro, in collaborazione con il Comitato Madri per Roma Città Aperta, in cui è stato proiettato il video “Il carcere sotto i 3 anni di vita” di Luisa Betti. 

Un documento interessante per rendersi conto delle paure, delle emozioni e delle condizioni di vita delle mamme e dei bambini dietro le sbarre. All’appuntamento ha fatto seguito un appello ai Ministri della Giustizia e dell’Interno in cui si chiedono risposte affinché le pene non siano così disumane nei confronti soprattutto dei più deboli, i bambini. Perché in futuro nessuno debba più vivere questo strazio!

di Cristiana Calilli
CentopercentoMamma

Aggiungi commento


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.