Mercoledì, 21 Marzo 2012 07:37

Istruzioni di una mamma al suo bimbo: "ecco come sono"

By

Caro il mio uccellino – passerotto è quello che mi viene più spesso di citare e non per il classico di Baglioni, ma perchè era uno dei nomignoli con cui il babbo chiamava me da piccola – che sta imparando a zampettare e che volerà presto per il mondo...
Ho iniziatoa scrivere questa lettera un milione di volte. Ne avevo già scritta una, prima che tu nascessi, ma adesso che sei qui, che vedo ogni giorno le tue piume spuntare e le tue ali sgranchirsi per quello che sarà il tuo volo, è più difficile trovare le parole, più complicato essere obiettiva.

Una volta uscito dalla mia pancia, quando il tuo spazio vitale si è allargato, è come se questo mondo ti avesse contagiato, mentre tu hai iniziato a lasciare piccoli ma incancellabili segni.
Quando imparerai a leggere oppure quando avrai modo di ascoltarlo dalla mia voce, tieni conto di queste brevi istruzioni che non sono la ricetta per uno qualunque dei successi che ti auguro, ma solo due lenti attraverso le quali potrai vedere più chiaramente la tua mamma, quella vera:

1 – la mamma non è perfetta; ci prova, anche troppo, ma commette errori per un milione di ragioni differenti tra cui c'è anche l'amore, quello grande che prova per te e l'insicurezza (questo è il primo segreto: le mamme sono anche insicure!)


2 – quando ti rifiuti di fare qualcosa e la mamma insiste perchè tu almeno ci provi, so che pensi che sia una forzatura. Hai ragione: lo è! Non ho intenzione di soffocarti, ma ho intenzione di spronarti, di farti provare, di darti fiducia, ma ti prometto che saprò aspettare o darmi per vinta.


3 – anche la mamma amava Peter Pan e l'isola che non c'è. Se mai ti dicesse – succederà, temo – che devi crescere, fermati e respira: anche la nonna e il nonno lo hanno detto a me e avevano ragione, ma sotto sotto sono ancora Campanellino. Non perdere mai la magia.


4 – quando ti senti triste e non capito, sappi che anche la mamma si è sentita così; ci si sente così ad ogni età, solo in maniera diversa. Anche la mamma è stata piccola come te, indecisa, piena di dubbi ma anche di sogni. Non è cresciuta molto in altezza, ma ha fatto tanta strada con le sue gambe corte.


5 – ci sono ragioni che oggi non comprendi, tu non stancarti mai di chiedere. Ci sarà un momento in cui capirai tutto quanto e, se quello che senti non ti piacerà, inizieremo una bella discussione.

La lista sarebbe lunga e prima o poi la allungherò davvero, anche per iscritto. Ne avrai da leggere di punti numerati! Intanto ti dico, uccellino, quello che ritengo più importante: qualunque cosa accada, qualunque cosa vorrai essere, non posso garantirti che capirò sempre e che sarò sempre accondiscendente, ma posso giurarti che ti amerò sempre più di me stessa. Tu provaci; io farò lo stesso.

 

di Monia Scarpelli, blogger e autrice di “Mani di vaniglia: nascita di una mamma in 40 settimane

Articoli correlati (da tag)

  • Ah Ecco! Il mattino ha l'oro in bocca... Ah Ecco! Il mattino ha l'oro in bocca...

    Una rocambolesca mattina di una mamma come tante che cerca di incastrare lavoro, bambini, scuola e tanti guai...con un piccolo aiuto tecnologico!

    Questo video nasce da un progetto di Genitori Channel per Gigaset, che ha coinvolto i genitori su web e 6 blogger: 
    Raffaella di BabyGreen.it, Francesca e Davide di Equazioni.org, Francesca di MammeInRadio.it, Ilaria di MammenellaRete.it, Linda di PaneAmoreCreativita.it.
    Si tratta dunque di un fiction "community generated" ovvero che si rifà alle esperienze e condivisioni fatte via web, con i genitori che hanno partecipato.

  • Mia figlia preferisce stare con i nonni che tornare a casa... Mia figlia preferisce stare con i nonni che tornare a casa...

    A volte e' doloroso vedere che i ns bambini sembrano preferire i nonni o la casa dei nonni alla nostra casa o al tempo con noi. Io mi sono fatta l'idea che questo spesso sia una loro reazione al fatto di non vederci abbastanza, un po' come dire "sei stata via tutto il giorno e ora ti presenti e decidi del mio tempo e del mio spazio. Beh, sai che c'e'? ora io sono impegnata e ho da fare qui!"

    Oggi una mamma ci ha scritto chiedendoci un consiglio:

  • Nonni, amiche... la rete di aiuti e imparare a dire "sì" Nonni, amiche... la rete di aiuti e imparare a dire "sì"

    Riprendere la routine è faticoso per tutti.

    In particolare noi genitori, incastrati tra impegni lavorativi e familiari, corsi dei figli e appuntamenti improrogabili, rischiamo di passare le giornate a correre.

    La pausa estiva mi ha fatto riflettere sull’aiuto che ci proviene da amici e familiari, che magari ci hanno offerto il loro tempo, senza venire presi sul serio.

  • 3.000 neonati abbandonati, il primo nella ruota degli esposti milanese 3.000 neonati abbandonati, il primo nella ruota degli esposti milanese

    Venerdì 6 luglio, il piccolo Mario, con poche ore di vita è stato affidato dalla sua mamma alla "Ruota degli Esposti" della Mangiagalli di Milano, un piccino nato prematuro e piccolo piccolo... Sembra impossibile, ma in Italia sono circa 3mila all’anno i neonati abbandonati e ritrovati (soprattutto vivi, ma anche morti): il 73% è figlio di italiane, il 27% di immigrate, prevalentemente tra i 20 e 40 anni; le minorenni risultano solo il 6%; di questi abbandoni circa 400 l'anno, ancora troppo pochi, avvengono in ospedale...

  • 5 lavoretti per la festa della mamma 5 lavoretti per la festa della mamma

    La Festa è delle mamme, quindi queste idee sono per papà, nonni e chiunque altro all’infuori delle mamme. Loro potranno coccolare i propri bambini che le avranno realizzate. Ma non dovranno fare niente di più!

    Quindi, tiriamoci su le maniche e mettiamoci al lavoro per creare un bel lavoretto da regalare alle mamme il 13 maggio, Festa della Mamma.

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.