Mercoledì, 15 Febbraio 2012 11:30

Irena Sendler l'angelo custode di 2500 bambini

By

Oggi 15 febbraio ricorre il compleanno di una bella vecchina, che in realtà da qualche anno ci ha lasciati, di nome Irena... questa donna, polacca, durante la II guerra mondiale salvò dai campi di sterminio 2500 bambini e trovando loro rifugio.

Durante la seconda guerra mondiale, Irena, ottenne il permesso di lavorare nel ghetto di Varsavia, come Idraulica specialista.

Aveva un suo personale motivo. Irena portò in salvo migliaia di neonati nascondendoli nel fondo della sua cassetta degli attrezzi che portava nel retro del camion. I bambini più grandi li nascondeva in un sacco di iuta... con l'aiuto della resistenza li collocava presso delle famiglie e li forniva di documenti falsi.

Irena teneva nel retro del camion il suo grosso cane, che aveva addestrato ad abbaiare quando i soldati nazisti entravano e uscivano dal ghetto. I soldati, naturalmente, temevano il cane e il suo latrato copriva il pianto dei bambini.

 

Nella sua vita riuscì a salvare 2500 tra  bambini e neonati.

Fu catturata, e i nazisti le ruppero entrambe le gambe e le braccia picchiandola selvaggiamente.

Irena tenne un registro dei nomi di tutti i ragazzi che clandestinamente aveva portato fuori dai confini
e lo teneva in un barattolo di vetro, sepolto sotto un albero nel suo cortile.

Dopo la guerra, cercò di rintracciare tutti i genitori che fossero essere sopravvissuti per riunire le famiglie. La maggior parte di loro erano stati sterminati nei campi di concentramento. Irena ha continuato a prendersi cura di questi ragazzi, mettendoli in case famiglia o trovando loro famiglie affidatarie o adottive.

Irena Sendler, Irena Krzyżanowska da nubile, è morta il 12 Maggio del 2008 a 98 anni, a varsavia dove aveva vissuto, dopo aver ricevuto numerosi riconoscimenti ed essere stata proposta per il premio Nobel per la pace, a questi riconoscimenti rispose così in una lettera al parlamento polacco:

Ogni bambino salvato con il mio aiuto è la giustificazione della mia esistenza su questa terra, e non un titolo di gloria.

Ci sembrava doveroso ricordarla e farvela conoscere!

Aggiungi commento


Commenti   

ivana consuelo
+1 # ivana consuelo 2012-02-16 20:44
grazie! che storia commovente...l' ho letta con i miei figli. è fantastico quello che ognuno di noi può fare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Barbara Siliquini
+1 # Barbara Siliquini 2012-02-17 10:57
...anche io l'ho trovata bellissima... ma non ho pensato a raccontarla ai miei bambini... in effetti dovrei.., la grande a scuola ha fatto un lavoro sulla shoa, io ho sempre un po' timore a raccontare loro la bruttura delle guerre...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Federica
0 # Federica 2013-01-27 13:51
Un senso alla propria vita...questo lo e'! Una grande donna
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples
google.com, pub-8711244316083070, RESELLER, f08c47fec0942fa0 pubmatic.com, 73111, RESELLER, 5d62403b186f2ace pubmatic.com, 157436, DIRECT, 5d62403b186f2ace adform.com, 258, RESELLER triplelift.com, 3569, DIRECT, 6c33edb13117fd86 appnexus.com, 1785, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 improvedigital.com, 1088, RESELLER rubiconproject.com, 19618, DIRECT, 0bfd66d529a55807 openx.com, 540233840, DIRECT, 6a698e2ec38604c6 indexexchange.com, 188789, DIRECT

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.