Lunedì, 25 Giugno 2012 06:33

Il mestiere di genitore

By

Mia nonna ripeteva sempre che quello del genitore è un “mestiere cieco” perché nessuno te lo insegna. E questa ancora oggi è una grandissima verità. Nonostante le tonnellate di libri e manuali che sono stati scritti, spesso testi utilissimi e anche molto profondi, quello di genitore è un lavoro personalissimo le cui regole cambiano per ogni individuo in rapporto con ogni figlio. Paradossalmente fare da genitore a due figli diversi spesso risultano essere due “lavori” diversi. Questo perché la professione di genitore è una questione di relazioni e sappiamo bene che nelle relazioni non ci sono mai vere e proprie regole perché dipende sempre dai singoli individui che danno vita alle relazioni specifiche. 

Ogni genitore, come ogni uomo (e come ovviamente ogni figlio) è diverso; ognuno possiede le sue caratteristiche e i suoi trascorsi da cui derivano differenti atteggiamenti, diverse convinzioni, personali abitudini ecc… Infatti è assolutamente evidente come spesso lo stesso sistema e lo stesso approccio di uno stesso genitore, abbiano delle ripercussioni diversissime su due figli diversi.

Il genitore perfetto non esiste, o meglio siamo tutti perfetti, ma nella nostra perfezione riusciamo a combinare tonnellate di “guai”.
Ma tranquilli… facciamo tutti anche valanghe di “cose buone e giuste”! Anzi facciamo sempre più cose “buone e giuste” che danni.
La cosa importante sarebbe esserne consapevoli e ricavare i giusti insegnamenti (per noi e per i nostri figli, dato che siamo tutti scesi su questa terra per evolvere e quindi non abbiamo mai finito di imparare) anche da quelli che percepiamo come i peggiori guai.

Io ormai da tempo nel mio approccio con il mondo non sono più capace di prescindere dalla mia consapevolezza dell’Amore quale causa prima di Tutto.
L’Amore è la principale forma di energia presente nell’Universo, anzi è l’Energia. Se partiamo dal presupposto che all’origine della creazione c’è stata una causa (che possiamo formalmente identificare con il big bang o con il “fiat lux” o con quello che ci pare), sarà inevitabilmente conseguente il fatto che tutto ciò che ora è, deriva dall'evoluzione di questa causa originaria e quindi ogni cosa che è, è in essenza tale causa.

Sostituiamo i termini “causa prima” con “Amore” e il gioco è fatto. Se la causa prima è l’Amore, allora ciò che ne è derivato sarà comunque essenzialmente Amore, in forme diverse ma in essenza comunque Amore.
Poiché la sostanza dell'universo è Amore ovviamente tutto ciò che accade si basa sull’Amore.
Noi e il nostro Mondo, ormai è acquisito, siamo Uno e siamo Amore.
Ecco perchè anche nel campo della genitorialità ogni genitore è perfetto, come ogni essere lo è. Certo questo non toglie che nella percezione limitata della dualità sia spesso facile interpretare certe azioni come dannose e viverle come dannose. E questo accade sia a noi che ai nostri figli.

Ne deriva immancabilmente che la cosa fondamentale anche nella relazione genitori/figli sia la consapevolezza di noi stessi, delle nostre potenzialità, di come funazionano le cose nell’Universo e di come l’Amore che proviamo per i nostri figli sia sempre la soluzione. L’Amore (quello vero, quello incondizionato, non quello fatto di ansia, di invadenza, e di pregiudizio) è SEMPRE la soluzione a tutto! Come dice Roberto Benigni, l’Amore non può essere mai troppo né troppo poco (dove per troppo si intende qualcosa di sbagliato), perché l’amore semplicemente è!
L’Amore è come la Morte… qualcuno non può essere troppo morto o un po’ morto, semplicemente o è morto o non lo è! Così è l’Amore, non si può provare troppo Amore o un po’ di Amore… L’Amore è e se ne proviamo troppo o solo un po’ significa che non stiamo Amando davvero.

E Amare vuol dire volere il bene dell’Amato, a prescindere da tutto. Amare come genitore significa aiutare unicamente i propri figli ad essere sé stessi. Questo è il vero ruolo di un genitore. Non possiamo razionalmente sostenere di Amare davvero i nostri figli quando lavoriamo per indurli a trasformarsi nella proiezione delle nostre ambizioni, anche se siamo profondamente convinti di farlo unicamente per il loro bene.
Agire in questo modo significa in realtà, perseguire scopi egoici di autorealizzazione, indirizzati alla nostra soddisfazione e al raggiungimento della nostra felicità, non di quella dei nostri ragazzi; non è detto che questo comportamento procuri inevitabilmente gravi danni, ma è certo che non significa questo Amare davvero nostro figlio.
Non voglio dire che questo tipo di comportamento sia sbagliato, come dicevo prima non c’è niente di sbagliato, se un genitore si comporta così significa comunque che si sta comportando nel modo migliore in cui potrebbe comportarsi, date le premesse della sua formazione e del suo percorso. Ed energeticamente evidentemente il proprio figlio ha bisogno esattamente di quel tipo di genitore per la sua evoluzione. Ma ciò non toglie che se raggiungiamo un determinato livello di consapevolezza sia importante comprendere anche quali sono le conseguenze di determinati comportamenti, e se tali conseguenze non ci piacciono (ovvio che si tratta sempre della nostra percezione limitata, ma anche con quella dobbiamo fare i conti) è importante sapere come possiamo evitarle!

Nessuno ci può insegnare ad essere genitori, ma il confronto con chi ci è passato prima di noi, o ci sta passando insieme a noi, può essere molto utile a farci scegliere una direzione in maniera consapevole con la possibilità di stabilire dove vogliamo arrivare e in che modo.
Ogni genitore fa il proprio meglio per i suoi figli, cominciamo a sapere questo ed evitiamo per prima cosa di sentirci in colpa nei confronti dei nostri ragazzi, perché in ogni caso anche i nostri errori, le nostre inadeguatezze, le nostre incompetenze, potranno essere utili, se ci accorgiamo di essi e della loro valenza, a crescere insieme, avendo interiorizzato che si può cominciare a cambiare il mondo partendo dalla modifica del “proprio” piccolo mondo.

Quindi la prima regola da seguire è quella di non seguire regole e fidarci invece di noi stessi e del nostro buon senso ascoltando sempre ciò che i nostri figli hanno da dirci o molto più spesso da non dirci.

di Giovanna Garbuio
Giovanna è autrice di numerose pubblicazioni: mamma in divenirevita istruzioni per l'uso, scaricabili anche come e-book,  e può essere contattata per consulenze on line, per saperne di più su Giovanna c'è il suo blog.

Articoli correlati (da tag)

  • La comunicazione empatica e non violenta La comunicazione empatica e non violenta

    La Comunicazione NonViolenta (chiamata anche CNV o comunicazione empatica) è un processo di comunicazione assertiva sviluppato da Marshall Rosemberg a partire dagli anni '60 e  ci aiuta a esprimere il nostro sentire sospendendo il giudizio su di sè e sugli altri. Anche nella comunicazione con i nostri figli, piccoli o grandi che siano, possiamo mettere in pratica piccoli o grandi cambiamente che miglioreranno la relazione con loro .

    In questo articolo Luana De Falco, Mediatrice Relazionale e Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta, ci introduce a questo argomento portandoci anche qualche esempio pratico.

    Se vi interessa l'argomento, il 26 e 27 Maggio Luana sarà vicino a Torino con Maria Grazia Lia per un corso dedicato a "Homeschooling e comunicazione empatica", tutte le informazioni a fine articolo.

     ***

    Nel suo libro….”Le parole sono finestre (oppure muri)”, Marshall Rosenberg scrive:“ La CNV (Comunicazione NonViolenta) è un linguaggio di processo che scoraggia le generalizzazioni statiche….”.

    Ho voglia di dirvi tantissime cose sulla CNV, oggi ho pensato di condividere con voi questo passaggio, che ci parla di quanto la staticità nel pensiero e nel lessico, bloccano la possibilità di incontrarci. 

    Cos'è la CNV?

    Quando diciamo sei così, è giusto questo o quello, devi fare la tal cosa, non ci si comporta in questo modo, …. velocissimamente ci pietrifichiamo in una posizione (statica) e in questa staticità non c’è più spazio per un dialogo fluido, curioso, creativo.
    Quello che ci propone la Comunicazione NonViolenta è di appropriarci di un linguaggio in cui parliamo di come ci sentiamo noi, in relazione a quello che accade e portare la nostra curiosità per cosa prova l’altro.

    Usciamo dalla staticità dei luoghi comuni, di definizioni generiche, di convinzioni culturali e sociali, per parlare di cosa proviamo ed ha valore per noi, proprio in quel momento ed interessarci all’altro per quello che è vivo in lui.

    Mettiamo in scena una danza, un dialogo ricco di scambi, in cui non sentiamo più il bisogno di dimostrare, attaccare o difenderci ma spiccano la voglia di farci conoscere e la curiosità di conoscere.
    Ogni volta che appiccichiamo un etichetta o diamo un giudizio su qualcuno: “Sei pigro e svogliato” (o sei geniale) … o facciamo una profezia: “Non combinerai mai nulla, se continui così!” ci fissiamo in una posizione di distanza con altro, rigidità, a volte ostilità e risentimento, forse impotenza e rassegnazione e dall’altra parte potremmo incontrare vergogna, senso di colpa o rabbia e insofferenza… tutto questo ci allontana, non ci permette di vederci ed ascoltarci, potrebbe creare dei muri molto faticosi da tirar giù o oltrepassare.



     

    Cosa succede quando usiamo la CNV

    Quando ci liberiamo di questi macigni “culturali” e “abituali”, per sperimentare un linguaggio (Rosenberg… sostiene) “Naturale”, in cui parliamo delle nostre sensazioni e bisogni e ci incuriosiamo ai quelli dell’altro..

    “Sono un po’ preoccupata e inquieta nel vedere che non finisci la tua relazione, vorrei sentirmi tranquilla che ti stai prendendo cura dei tuoi progetti”

    ...e facciamo delle richieste chiare...

    “ti andrebbe di dirmi come ti senti a riguardo?”

    ...entriamo in un linguaggio che incoraggia lo scambio, l’apertura e l’incontro alla ricerca di soluzioni condivise.

    Quando impostiamo un linguaggio di questo tipo con i nostri figli, quello che si sviluppa è il desiderio di contribuire al benessere reciproco, poiché, invece di insegnare com’è “bene” comportarsi, a livello intellettuale…. accompagniamo i bambini nella scoperta di quanto e piacevole quando le nostre azioni contribuiscono a rendere la vita, nostra e altrui, più bella (meravigliosa).

    Questo lo facciamo affiancandoli con l’osservazione, notando insieme a loro quali sentimenti ed emozioni provano in relazione al loro agire e porgendogli i nostri con delicatezza.

     

    Un esempio di Comunicazione empatica

    Invece di dire:

    “Bravo, sei proprio un bravo bambino, è così che ci si comporta!”

    portandogli una valutazione dall’esterno, gli potremmo dire:

    “ ho visto che è spuntato un grande sorriso sulla tua bocca, quando hai sollevato Giacomo da terra e lui ti ha ringraziato ed abbracciato”

    Ci riferiamo a quello che è successo specificatamente e poi lo accompagnamo nell’esplorazione…

    “com’è stato per te?"

    …e gli potremmo anche parlare di noi..

    “io mi sono emozionata, ho provato gioia e leggerezza, mi piace quando vedo che vi sostenete tra di voi”

    .. e potremmo anche esprimere la nostra gratitudine e spiegare il perché..

    “grazie per questo tuo gesto, mi sento al sicuro e nella collaborazione quando ci penso”.

    Che ne dite? … Sì lo so, può sembrare complicato!… quello che ho scoperto io e che è una specie di droga, quando sto in questa qualità di dialogo, quando ci riesco… liberandomi da zavorre, convinzioni e smania di insegnamento e sto semplicemente lì, in quello che c’è in me e nell’altro, con tenerezza, stupore e gratitudine…. questo Nettare è talmente Buono ( Come dice il mio caro amico Eduardo Montoya) che non vedi l’ora di assaggiarne ancora un po’.



     

    Corso Homeschooling e comunicazione empatica, Pino Torinese (To), 26 e 27 Maggio 2018

    L'homeschooling è una strada possibile per la vostra famiglia?
    Per partire con consapevolezza e con le informazioni efficaci. Maria Grazia Lia e Luana De Falco, due mamme homeschoolers, conduranno questo intenso fine settimana attraverso testimonianze, decreti legislativi, vari stili e approcci, verso quella che potrà essere la strada percorribile della vostra famiglia.
    Inoltre verranno condivisi gli strumenti per una comunicazione che arriva dal cuore.

    Per tutte le informazioni consultate l'evento su Facebook

    31282235 1735726356510376 1705750629588140032 o

     


    di Luana De Falco
    Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta
    Mediatrice Relazionale

     

    Credit immagine principale: Side view of handsome father...stock photo di George Rudy su Shutterstock

  • Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore - II parte Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore - II parte

    Peter Gray commenta il libro di Bruno Bettleheim.

  • Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore Il genitore "sufficientemente" bravo è il migliore genitore

    Peter Gray commenta il libro di Bruno Bettleheim.

  • Il ruolo del papà nella crescita dei figli Il ruolo del papà nella crescita dei figli

    Quando parliamo del ruolo paterno, è importante tenere conto del contesto sociale in cui viviamo e dei profondi cambiamenti che lo hanno prodotto.

    Negli ultimi decenni abbiamo assistito infatti alla caduta della figura del padre autoritario e distanziante, un tempo detentore delle regole e unico sostegno economico.

  • Né rospo, né principessa: educare i figli all’autostima Né rospo, né principessa: educare i figli all’autostima

    Educare all'autostima, significa aiutare i propri figli ad amarsi e a credere in se stessi.

    L’autostima di una persona si differenzia dal "concetto di sé".
    Il Concetto di sé è la costellazione di elementi a cui una persona fa riferimento per descrivere se stessa, mentre l’autostima è la valutazione circa le informazioni contenute nel concetto di sé; deriva dai sentimenti che una persona ha nei confronti di se stessa in senso globale.

    L’autostima si misura dal divario fra

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.