Idee regalo per San Valentino

Idee regalo per San Valentino

Ecco arrivati alla festa degli innamorati. Siete pronti? Qualche suggerimento su cosa regalare a San Valentino.

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere principesse

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere…

Idee per un costume di carnevale per bambine che non amano i tulle.

Sabato, 30 Ottobre 2010 00:00

Dolcetto o Scherzetto?! Le leggende e le tradizioni di Halloween

Zucca di Halloween Zucca di Halloween kgreggain su sxc.hu

La tradizione di Halloween non appartiene certo alla nostra cultura, ed è arrivata in Italia, con sempre maggior successo, solo negli ultimi 10 anni. Ma la tradizione nel paesi anglosassoni è molto lontana nel tempo e fonde leggende popolari, tradizioni e religione.

Ma voi sapete cosa vuol dire Halloween e qual è il significato dei simboli e delle atmosfere di Halloween?...noi lo raccontiamo a voi, voi raccontateci come l'avete raccontato ai bimbi!

Cosa vuol dire Halloween

La parola Halloween è di origine anglosassone, probabilmente deriva da una contrazione della frase "All Hallows Eve" cioè "notte di ognissanti".
I colori arancio e nero simboleggiano il raccordo tra l'autunno (arancio) e il buio e l'oscurità nordica dell'inverno (nero).

La leggenda di Halloween notte di paura

L'origine di Halloween è nell'Irlanda celtica.
La leggenda narra che gli spiriti erranti dei morti durante l'anno, tornassero la notte del 31 ottobre in cerca di un corpo da possedere per l'anno successivo.
Ma ovviamente i vivi non avevano alcuna intenzione di essere posseduti, così rendevano le case dei villaggi fredde e inospitali, spegnendo fuochi e camini. Inoltre si mascheravano da mostri e si rendevano orribili e paurosi gironzolando in giro affinchè gli spiriti impauriti scappassero.

Jack-o-lantern la zucca intagliata 

L'origine della zucca intagliata e illuminata, chiamata dagli anglofoni "Jack-o-lantern" (Jack lanterna), sembra che abbia origine dalla legenda di un noto baro e malfattore iralndese di nome Jack, che oltre a condurre una vita sconsiderata, riuscì a ingannare anche il diavolo. Così alla sua morte il paradiso non gli aprì le porte per la vita disonesta che aveva condotto, e il diavolo non lo volle nemmeno all'inferno. Tuttavia Satana gli porse un piccolo tizzone di inferno per illuminare le tenebre che lo attorniavano. Jack, per far durare la fiamma più a lungo, scavò e intagliò una zucca e ve lo pose all'interno.

Dolcetto-scherzetto

La tradizione di "dolcetto-scherzetto" ("trick or treat") sembra invece abbia un'origine cristiana. Pare che la notte che precedeva ognissanti (appunto il 31 ottobre) i primi cristiani andassere per le case elemosinando dei dolcetti tipici del periodo. Più dolcetti venivano offerti e maggiori preghiere venivano dedicate ai defunti di chi donava 

Un modo nuovo di festeggiare Halloween: Green Halloween

La notte di Halloween così è la commistione perfetta tra leggenda, tradizione e religione. Ma qualcuno ha pensato di aggiungere ora un tocco di modernità... L'ultima segnalazione che vi facciamo è legata ad una tradizione molto nuova, al passo con i tempi e che ci sembra il modo più bello per celebrare Halloween ai nostri giorni. Si tratta di Green-Halloween, un movimento nato nel 2006 da Corey una mamma di Seattle.
Corey decise di organizzare un Halloween più green più sano: sostituendo ai dolcetti prodotti che non cariano i denti come giochini, stickers, bolle di sapone, e organizzando lo scambio e il riutilizzo di costumi, diffondendo informazioni utili per preservare la salute. Con il suo entusiasmo coinvolse commercianti e abitanti del suo quartiere, e in 3 anni ha raggiunto le più grandi città degli USA. Il suo motto è think outside the candy-box®, con l’invito a offrire ai bimbi qualcosa di più sano delle caramelle!  Nei sito ci sono decine di idee per organizzare un green Halloween (un Halloween verde, eco).

di Barbara Siliquini

 

Immagine da sxc.hu

Video

Aggiungi commento


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.