Venerdì, 25 Gennaio 2013 08:45

I giorni della merla - la leggenda

By

I giorni più freddi dell'anno sono, secondo la tradizione, il 29, 30 e 31 gennaio. Ma perché per identificare il freddo più freddo dell'anno si usa l'espressione "i giorni della merla"?

Me ne parlò per la prima volta la mia maestra delle elementari. Questa leggenda mi ha colpita e così ve la racconto come l'ho proposta alle mie bambine.

Una bellissima merla, con le piume bianche candide e brillanti, per tutto gennaio subì le angherie del mese che, per divertirsi, aspettava che lei uscisse dal nido per sferzare il vento e gettare il gelo. L'anno successivo la merla decise di fare provviste sufficienti per tutto il mese, in modo da non dover uscire dal nido. Allora gennaio aveva solo 28 giorni. Il 29° giorno la merla uscì e cantò con tutta la voce che aveva in gola per prendersi gioco di gennaio. Egli, offeso, prese in prestito 3 giorni da febbraio e scatenò sulla terra il freddo e il gelo, le bufere di neve e di vento, la pioggia e il ghiaccio. La merla allora si rifugiò in un camino. Al termine dei 3 giorni uscì e si accorse che le sue piume erano tutte nere. Da allora nessun merlo ebbe più le piume bianche.

 

Ci sono diverse versioni della leggenda. Quello che ho riportato è la più completa e suggestiva.

La tradizione riporta anche che, se i giorni della merla sono freddi la primavera sarà mite. Al contrario, se sono caldi, la primavera sarà fredda e il caldo tarderà ad arrivare.

 

Molte sono le manifestazioni in Italia durante i tre giorni più freddi dell'anno: canti (a Lodi e nel Cremonese), festival della birra (Birre della Merla a Sarezzano, in Val di Grue - AL) e cortei (a Tirano - Sondrio - i ragazzi percorrono il paese con latte e barattoli producendo un rumore che dovrebbe svegliare l'orso per fargli sapere che l'inverno è finito).

 

Immagine di Matthias Engel

 

Di Cristiana Calilli

Cento per cento Mamma

Aggiungi commento


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.