Un contratto con tuo figlio per usare il cellulare

Un contratto con tuo figlio per usare il cellulare

 Quando le regole sono chiare, aderirvi è più semplice.

Lavoretti di riciclo: il barattolino per la festa della mamma

Lavoretti di riciclo: il barattolino per la festa della mamma

Per i bambini la cosa più divertente è creare con le loro mani. Ecco 4 idee riciclo.

Mercoledì, 07 Maggio 2014 00:00

Che mamma sei: Lakshmi o Dea Kali?

"Cattiva" madre "Cattiva" madre BrittneyBush su Flickr.com

 La mamma angelica e la Dea Kali

Eccoci in vista della festa della mamma. Allora quest'anno per la festa della mamma voglio legittimarmi anche nella mia parte "spaventosa".

La mamma è una figura chiave nella vita di ogni individuo, nella nostra cultura ciò che è materno è accogliente, angelico, dedito, premuroso, pronto al sacrificio per i figli, buono, positivo... ma questa visione del materno non è un po' pesante da sostenere?

Noi mamme siamo sicuramente attente, dedite, premurose, accoglienti, ma siamo anche spigolose, a volte stanche e nervose, siamo a volte dei tornado, delle sferzate di energia costruttiva, ma anche distruttiva, sappiamo dare coccole e carezze, ma anche urlare e rompere le scatole...

Mi ha fatto molto riflettere scoprire come nelle culture hinduiste, la divinità Madre può assumere tante sembianze, cioè può essere tanto la dea accogliente, saggia e materna incarnata dalla Dea Lakshmi, quanto la terribile e aggressiva Dea Kali.

Ho trovato che fosse molto bello pensare ad una Dea Madre, con queste caratteristiche contrapposte.
Questo legittima il fatto che una mamma possa sentirsi tutt'altro che materna.
I bambini possono riferirsi a questo dualismo della Dea Madre: da un lato saggia e luminosa, come impersonato da Lakshmi, e dall'altro tempestosa e energica, come impersonato da Kali, questo consente loro di elaborare il nostro comportamento di madri, a volte insofferenti, come un aspetto plausibile, “accettabile” del nostro essere madri.

Nella nostra immagine classica di maternità, quella della madre di Gesù, non abbiamo una rappresentazione divina di quell'aspetto più sanguigno, energico e burrascoso che pure è in noi.
L'idea che la madre sia solo perfezione, forse spaventa i nostri figli e noi stesse e ci fa pensare che, quando diventiamo Kali, non siamo semplicemente delle persone, con il loro “dualismo divino”, ma siamo delle cattive mamme, o delle mamme che mettono paura...

E allora buona festa della mamma a tutte: mamme angeliche e Dee Kali!

di Barbara Siliquini

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole.
Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Video

Aggiungi commento


Commenti   

0 # francesca 2014-05-15 09:07
bellissimo!
ogni tanto con le amiche ci scambiamo occhiate da senso di colpa quando ci raccontiamo dell'ultima volta in cui ci siamo infuriate con i figli...invece abbiamo solo tirato fuori la dea Kali!!
speriamo comunque di addomesticarla un po' sta dea...
Grazie!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # bs GenitoriChannel 2014-05-16 05:01
:-) Grazie! Felice che ti piaccia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Enza 2014-05-19 07:44
A me succede proprio questo, quando mi sento KALI penso di essere una cattiva mamma, però quant'è vero che il credere alla perfezione ci intossica l'esistenza? A me tanto, quindi abbasso la perfezione e viva la normalità... Però meglio le mamme LAKSHMI...
:P
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara Lamhita 2014-05-19 09:02
Ti consiglio un libro che ho appena finito di leggere che mi è piaciuto tantissimo proprio sul tema dell'imperfezio ne, non tratta specificatament e di genitorialità ma la scrittrice è mamma di due bambini quindi fa molti riferimenti di questo tipo.
Si intitola "I doni dell'imperfezio ne" di Breneè Brown
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.