Mercoledì, 18 Gennaio 2012 07:54

EquAzioni.org: fasce porta bebè e tecnologia per le mani libere

By

Oggi ospitiamo la bella famiglia di EquAzioni.org, Francesca e Davide con i loro due piccini. Una splendida famiglia in cui si intreccia l'utilizzo di strumenti antichi e di contatto come le fasce portabebè, per tenere comodamente i bambini "addosso", sbrigando il quotidiano, con strumenti supertecnologici. Quando si sono trovati a testare la clip vivavoce, hanno trovato il connubio perfetto tra tecnologia e mani libere, molto apprezzato anche dai bimbi.  Godiamoci dunque un'altra testimonianza dei piccoli grandi gesti che ogni famiglia, splendidamente imperfetta, compie ogni giorno per crescere insieme ... con qualche piccolo aiuto tecnologico come la clip Gigaset.

...comunque vada è già un successo!

***

Il telefono.
C'è chi lo ama, chi ci passerebbe le ore, chi se lo porta sempre appresso, chi ci riversa dentro un fiume di parole. E c'è chi lo odia, chi lo dimentica a casa, chi impiega le ore per trovarlo ogni volta che deve fare una telefonata, chi lo usa rispondendo a monosillabi per concludere nel più breve tempo possibile la conversazione.
C'è Francesca.  E c'è Davide.

Davide odia stare al telefono. Già, non odia il telefono, ma odia 'starci', nel senso che si sente come 'legato ad un filo', e come un cane al guinzaglio tira-tira-tira, con l'inevitabile caduta dell'apparecchio. Non ci è voluto molto per passare ad un cordless che in effetti ha risolto tanti problemi dello “stare” al telefono: lo si può portare in giro, ma non è il massimo cambiare un pannolino o a scrivere al pc con il collo torto e la spalla inarcata a sorreggere la cornetta!

C’è il vivavoce, ma i risultati ahimè spesso non sono quasi mai quelli sperati:  o ci si ritrova a strillare mentre il vivavoce è appoggiato da qualche parte – e l’interlocutore continua a chiederci 'oh ma mi senti? ti sento lontano/a, c’è riverbero, hai il vivavoce?!' – oppure ci si ritrova (come spesso accade anche con l’auricolare del cellulare) a vagare per la casa con il cordless in mano a mezz’aria…

Ed ecco che un bel giorno Genitorichannel ci chiede di di partecipare al progetto Clip Vivavoce Gigaset: un piccolo aggeggio senza fili che permette di parlare in vivavoce a mani completamente libere?
Bè, per noi che promuoviamo la fascia portabebè come soluzione per tenere i bambini in braccio ma con le mani libere... sembrava un 'fatto-apposta-per-noi'!

Agganciata ai vestiti, con un ottimo audio, ci permette di parlare al telefono per lavoro o per svago, senza inconvenienti, e senza dover rinunciare a quello che stavamo facendo (il multitasking è la regola!  o almeno ci si prova) che fosse rispondere ad una email, riordinare casa, lavare i pannolini, o sistemare l’orto.

Se la clip Gigaset ha avuto successo con nostro figlio Ale? Se consideriamo che è nell'età in cui non si ama stare al telefono, raccontare cosa si è fatto a scuola... direi di sì!! Prima di tutto perchè per rispondere al telefono non si deve staccare da quello che sta facendo o smettere di giocare.

 

 

Gigaset L410

 

E infine per la funzione da noi ribattezzata ' interprete':  Ale ora si esprime già benissimo, ma spesso i nonni al telefono non lo capiscono. Spesso sentiamo Ale che ripete 2-3 volte la stessa cosa per poi venire da noi, scocciato, a renderci il telefono. E allora vai a ricostruire la conversazione: un'impresa!

Con la funzione 'interprete' attivata, e cioè Ale con la clip agganciata che gioca vicino a noi mentre noi siamo presi nelle nostre faccende, possiamo ascoltare la conversazione ed intervenire per una traduzione simultanea!

Francesca e Davide di www.Equazioni.org

Aggiungi commento


Commenti   

paola
0 # paola 2012-01-18 11:36
ma che piacere trovarvi anche qui!
troppo simpatico ale :P
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
mammagiochiamo
0 # mammagiochiamo 2012-01-19 12:56
Proprio untile questa clip! soprattutto per i bambini. Ogni volta che mio figlio di 2 anni parla con i nonni, cerco di farcelo stare meno possibile perchè ho sempre paura che il celluare con lei sue radiazioni gli possa far male
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Barbara Siliquini
0 # Barbara Siliquini 2012-01-19 13:22
Questo progetto per Gigaset e' stato una vera sorpresa per tutti. Io non ho dubbi di cosa regalero' alle mie sorelle, ai miei genitori alla prossima occasione regalo! Noi siamo lontani dai nonni materni e dalle zie, così abbiamo un rapporto telefonico e la clip e' VERAMENTE geniale sia per me che x i bimbi. Sembra uno spot, ma la verità e' che ne siamo rimasti tutti entusiasti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.