Lunedì, 13 Luglio 2015 00:00

Alimentazione e falsi miti

By

Smascheriamo insieme le bufale alimentari che circolano sul web.

Credo che non ci sia tema più dibattuto di quello alimentare, ogni giorno nascono studi, leggende e chiacchiere di ogni tipo.
Ci sono moltissime diete e stili alimentari, alcuni molto restrittivi - come le diete vegane che eliminano tutti i prodotti animali e i suoi derivati -  altri invece sono inseriti in vere e proprie filosofie di vita - come quella macrobiotica che fa parte della filosofia orientale -  ci sono le diete per dimagrire e quelle legate alla moda (come quella del minestrone che si usava tempo fa)...insomma c'è una grande confusione e fare una scelta consapevole su come alimentarsi è molto arduo.

Il medico, che potrebbe essere una fonte autorevole di informazioni anche in campo alimentare, in realtà non sempre è competente su questo argomento, a causa anche delle lacune dei percorsi universitari. Il rischio è che quei medici che non approfondiscono con una formazione personale specifica, possano dare informazioni parziali o non più aggiornate, quante volte avete sentito di medici che dicono: "mangi quello che vuole" o "mangi in bianco" lasciando i pazienti nel dubbio su cosa, come e quanto mangiare per stare bene.

Purtroppo non c'è una comunicazione efficace tra il mondo accademico e le persone: gli studiosi si nutrono di studi comprensibili solo all'interno del loro  mondo e la comunicazione all'esterno è spesso cauta proprio perchè è difficile affermare delle verità assolute.

Molto spesso quindi utilizziamo Internet per cercare informazioni e incappiamo in notizie più o meno allarmanti, leggiamo tutto e il contrario di tutto e finiamo per credere ad alcune informazioni perchè vengono rilanciate in massa da tanti portali. Il web infatti è un veicolo meraviglioso di diffusione delle informazioni, ma ha un grosso limite: l'informazione passa senza filtri, non c'è alcun controllo sulla sua correttezza nè sull'autorevolezza delle fonti;  spesso una notizia viene data per vera solo perchè viene condivisa da molti siti e persone. Il fenomeno è così diffuso che, nel tentativo di arginarlo, sono nati, negli ultimi anni,  alcuni siti "anti-bufala".

Approfondire e verificare

Quando si parla di alimentazione bisogna approfondire con attenzione le informazioni che troviamo, perchè abbiamo la tendenza a fare il tifo per le nostre idee, ma cercando un riscontro oggettivo alle informazioni, dobbiamo essere disponibili ad abbandonare le preferenze personali, ed essere aperti a cambiare. Anche quando un'informazione è sostenuta dalle conoscenze scientifiche, occorre verificare se gli studi sono fatti in modo accurato, verificare l'autorevolezza delle fonti e ricordare che anche la scienza, nel progredire, a volte deve cambiare posizione.

La tesi "complottista"

Spesso abbiamo registrato che trova sostenitori l'idea "complottista" per cui, ad esempio: "un azienda che produce latte o derivati, oppure fette biscottate e altri alimenti “indicati” per la colazione, spesso non comunica direttamente che i propri prodotti sono salutari (perché sarebbe troppo sfacciato e non credibile) ma si tiene sul vago organizzando, per esempio, simposi “scientifici” su come saltare il primo pasto della giornata possa portare all’ obesità o, addirittura, a comportamenti bulimici."
da Biiosystem.com

Le industrie alimentari hanno una grande responsabilità nell'influenzare i nostri stili di vita e le nostre credenze, di questo ne sono assolutamente certa, tuttavia negli ultimi anni ho visto come i reparti di ricerca e sviluppo delle grandi aziende siano sempre più attenti alla qualità degli alimenti, spinti anche dai movimenti della rete che ha creato un fitto dialogo tra produttore e consumatore.

Inoltre trovo che a volte siamo noi a non prenderci la responsabilità di comportamenti e scelte che facciamo come consumatori e che rendono difficile un cambiamento da parte delle aziende.
Ad esempio: spesso le aziende dolciarie hanno difficoltà a ridurre lo zucchero o incrementare le farine integrali in certi prodotti, perché i consumatori non gradiscono sapori meno dolci o più rustici.

Credo in definitiva che ci sia un solo atteggiamento davvero costruttivo per fare delle scelte consapevoli: informarsi e verificare la correttezza delle informazioni.

Come riconoscere subito una bufala

Alcune semplici indicazioni per riconoscere in fretta quando si è davanti ad una informazione non corretta:

  • Diffidare di chi non inserisce le fonti
  • Diffidare delle informazioni non circostanziate
  • Diffidare delle cose semplici
  • Controllare sempre se ci sono degli studi citati

Ci piacciono le cose semplici, questo è innegabile, ma quando si parla di alimentazione le informazioni non possono essere semplici perchè il nostro organismo è complesso e siamo tutti molto diversi l'uno dall'altro per età, metabolismo, caratteristiche, stile di vita, ecc.
Le variabili sono tante e sono fondamentali per sapere come alimentarsi correttamente.

Operazione falsi miti in alimentazione

Il mondo dell'alimentazione è dunque vario, complesso, in mutamento e popolato di miti, dicerie e verità poco note. Trovare una chiave per imparare di più su ciò che è vero e ciò che non lo è rappresenta una sfida intrigante.
Ecco perchè abbiamo aderito con piacere al progetto di AIDEPI (Associazione delle Indutrie del Dolce e della Pasta Italiane) che si propone di scovare e smascherare le più ricorrenti bufale in tema di alimentazione che vengono condivise in Internet.
Abbiamo selezionato alcuni temi che ci sembravano importanti e che sviscereremo nei prossimi articoli, ma altrettanti ne troverete tra i nostri compagni di avventure: MammeAcrobate, BisMama, Superpapà e laTorrediCotone che hanno selezionato altri interessanti argomenti. Inoltre sul blog Ore17 troverete i nostri contributi e quelli degli esperti che saranno chiamati ad aiutarci nell'individuare le bufale alimentari più persistenti.

Se il tema dell'alimentazione vi interessa, potete unirvi alla nostra caccia, inviandoci domande e dubbi e segnalandoci i miti alimentari per contribuire a diffondere un corretto atteggiamento verso l'alimentazione, uno dei pilastri fondamentali del nostro benessere.

 "Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo." M. Ghandi

Utilizzate e seguite l'hashtag #OperazioneFalsiMiti, inviate alla nostra redazione i vostri contributi e, se siete blogger o gestite un sito, accedete a www.YourBrandCamp per scaricare tutti i materiali del progetto e interagire direttamente con AIDEPI,

 Chi ha segnalato il mito più interessante, bizzarro o divertente potrà essere invitato insieme alla sua dolce metà a visitare Expo in occasione di un evento di presentazione AIDEPI

b small

Questo post nasce da una vera conversazione e collaborazione con Ore17 su own your conversation

 

-- POST SPONSORIZZATO --

Barbara Lamhita Motolese

Amo l'innovazione in tutti i campi, e come mamma mi sono scoperta innovativa facendo scelte del passato!
Vivere la mia genitorialità ricercando la coerenza con il mio sentire e con il mio pensiero, mi ha portato a esperienze poco comuni e molto felici: il parto in casa, il co-sleeping, il babywearing, e l'homeschooling... per citarne alcune.
Sono un'appassionata custode della nascita e una meditatrice assidua.
Ho dato vita a GenitoriChannel.it per coniugare la mia passione dei temi genitoriali con quella per il web.

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples
google.com, pub-8711244316083070, RESELLER, f08c47fec0942fa0 pubmatic.com, 73111, RESELLER, 5d62403b186f2ace pubmatic.com, 157436, DIRECT, 5d62403b186f2ace adform.com, 258, RESELLER triplelift.com, 3569, DIRECT, 6c33edb13117fd86 appnexus.com, 1785, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 improvedigital.com, 1088, RESELLER rubiconproject.com, 19618, DIRECT, 0bfd66d529a55807 openx.com, 540233840, DIRECT, 6a698e2ec38604c6 indexexchange.com, 188789, DIRECT

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.