Venerdì, 09 Settembre 2011 06:03

Adolescenti e tifoserie violente

By

Comportamenti violenti e adolescenti... che consapevolezza c'è dietro questi gesti?

La violenza calcistica si descrive quale atto di vandalismo e di aggressione contro persone che appartengono alla squadra avversaria, in occasione degli incontri di calcio.
Questo fenomeno aggressivo alcuni sociologi l’hanno spiegato in senso socio culturale: i gruppi di tifosi violenti che rivendicano le curve (dei campi di calcio) come territori propri apparterrebbero a categorie sociali svantaggiate, vivendo quindi in condizioni di disagio e marginalità sociale.

Si pensi agli “skinhead”, giovani esaltati nella loro forza fisica, forti nella solidarietà del proprio gruppo d’appartenenza, in esasperata opposizione verso ogni forma di diversità minacciante la propria identità.
Nello stadio appaiono leciti comportamenti che in altre situazioni sarebbero inaccettabili e quindi nascosti: si pensi al fumo (non solo di sigaretta) oppure a quei comportamenti violenti come il lanciare oggetti in qualche caso anche incendiati. Oppure ai frequenti episodi di razzismo sia nei confronti dei giocatori che della squadra avversaria, espressi con slogan di cui gli stessi sbandieratori ignorano il significato più profondo.
Le cariche nei confronti delle forze dell’ordine, che invece di essere viste quali garanzie di sicurezza, vengono provocate e attaccate in quanto rappresentanti di autorità con cui stare in eterno conflitto.

La trasgressione non si limita allo stadio ma anche alle trasferte: durante il tragitto questi gruppi disseminano aggressioni con  furti  e saccheggi nei punti di ristoro.Essere membro di un gruppo estremista consente a chi ne fa parte come tifoso, di vivere un profondo senso di aggregazione intorno alla dicotomia amico-nemico. Questo andrà ad aumentare l’autostima e a dare un senso di appartenenza, dove ritrovare un ruolo per se stessi.

Forse questi giovani non sanno che “per praticare la non-violenza, bisogna essere intrepidi e avere un coraggio a tutta prova”, proprio come comunicava Gandhi, conosciuto con l’appellativo di “grande anima”.

 

Dott.ssa Luisa Marchionni

Psicologa, Specialista in Psicodiagnostica, Docente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. 
Le aree di intervento sono rivolte prevalentemente all’infanzia e all’adolescenza, con  riguardo al contesto familiare e alla riabilitazione psichiatrica.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Potete comunicare con Luisa Marchionni attraverso il nostro forum sugli adolescenti

Aggiungi commento


Commenti   

Alberto
+1 # Alberto 2011-12-02 11:19
La violenza fuori luogo forse è il risultato della nostra civiltà dove la forza ha il sopravvento sulla ragione. I teppisti (perchè di teppisti si tratta mascherati da tifosi), sono figli di questo credo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples
google.com, pub-8711244316083070, RESELLER, f08c47fec0942fa0 pubmatic.com, 73111, RESELLER, 5d62403b186f2ace pubmatic.com, 157436, DIRECT, 5d62403b186f2ace adform.com, 258, RESELLER triplelift.com, 3569, DIRECT, 6c33edb13117fd86 appnexus.com, 1785, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 improvedigital.com, 1088, RESELLER rubiconproject.com, 19618, DIRECT, 0bfd66d529a55807 openx.com, 540233840, DIRECT, 6a698e2ec38604c6 indexexchange.com, 188789, DIRECT

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.