Il sesso in gravidanza: miti e verità

Il sesso è pericoloso in gravidanza? si può fare quando ci sono contrazioni o sanguinamenti?, quando non si può fare?

Gravidanza e parto sono due eventi che noi siamo abituati a vedere in una cornice che li tiene distinti dal sesso… cosa c’è di erotico nel parto e cosa c’è di attraente nelle curve prominenti della pancia di una mamma in attesa? La stessa parola “mamma” di suo evoca dolcezza, accoglienza, calore, ma tutt’altro che eros.

Ed è così che ci dimentichiamo che questi due eventi apparentemente distanti dal sesso, in realtà fanno parte dell’esperienza sessuale della donna e della coppia.

Tutta la vicenda, non dimentichiamolo, parte dall’atto sessuale e dall’orgasmo (almeno per uno dei due :-)), e si conclude coinvolgendo in modo regale e assoluto (nella maggior parte dei casi) l’organo sessuale femminile, sacro varco di ingresso ufficiale alla vita per il neonato.

 

Ma il sesso in gravidanza si può fare?

Durante la gravidanza è giusto e salutare mantenere una normale attività sessuale, aiuta a mantenere e costruire quell’intimità di coppia che è uno degli ingredienti per vivere al meglio la condizione familiare.

Su questo, a spazzare ogni dubbio e benedire il fatto che il rapporto sessuale in gravidanza non ha alcuna controindicazione per il bebè o la mamma, ma può semmai presentare dei benefici, ci ha pensato anche l’Istituto Superiore di Sanità (organo scientifico del Ministero della salute) che dopo aver studiato approfonditamente la letteratura scientifica e aver conferito con esperti sul tema (ginecologi, ostetriche, neonatologi etc.) sottolinea come gli studi scientifici mostrino una riduzione dei parti prematuri tanto maggiore quanto maggiore è la frequenza dei rapporti sessuali in gravidanza (pag. 75 Linee Guida Gravidanza Fisiologica).

 

E’ vero che la donna in gravidanza gode di più?

Durante la gravidanza anche i genitali femminili subiscono delle trasformazioni, sia di aspetto che di dimensioni; si verifica una certa congestione, soprattutto della vulva e del clitoride, dovuta al maggior afflusso di sangue nelle aree pelviche.

Queste zone diventano più gonfie, più voluminose e il colore, abitualmente roseo, si scurisce.

Le modificazioni delle zone genitali, nella maggior parte dei casi, non diminuiscono le capacità sensoriali della donna, anzi le accentuano, per cui la capacità di godere di un rapporto sessuale tende ad aumentare.

La possibilità di raggiungere un orgasmo è maggiore da un punto di vista fisiologico. Su questo si sovrappone, ovviamente, l'aspetto psicologico legato ai timori di molte gestanti riguardo l’evoluzione della gravidanza che può creare uno stato di tensione che sicuramente causa di una riduzione del piacere.

Anche il seno della donna cambia sensibilità. In particolare nei primi mesi della gravidanza, i seni si fanno più rigogliosi, ma parallelamente è frequente che i capezzoli diventino sensibili e doloranti… Quando questo avviene, la zona dei capezzoli va trattata con delicatezza.

 

Contrazioni o perdite di sangue dopo il rapporto sessuale sono normali?

Occorre dire che il rapporto sessuale, in una donna in attesa, può facilmente ingenerare delle leggere contrazioni, soprattutto se c’è stato un orgasmo. Queste non devono preoccupare quando la gravidanza non presenta problemi.

Un’altra manifestazione che può seguire il rapporto sessuale sono delle leggere perdite di sangue, limitate nella quantità e nella durata. Questo è dovuto alla maggiore irrorazione sanguigna delle mucose nel periodo della gravidanza (come è più frequente che in gravidanza sanguinino le gengive, può verificarsi un lieve sanguinamento dei tessuti vaginali se sollecitati).

 

L’organo maschile può raggiungere il bambino durante la penetrazione?

No. Il bambino è ben protetto all’interno dell’utero. L’utero è un organo che possiamo paragonare ad un palloncino a forma di pera rovesciata. L’estremità inferiore, con cui il pene può venire in contatto è impenetrabile per l’organo maschile perché è chiuso come una morsa e potrà aprirsi solo in presenza di un cocktail ormonale specifico e l’azione meccanica di pressione esercitata dal bambino al momento del travaglio.

 

Come si modifica l’approccio della donna al sesso durante la gravidanza?

In molti casi si osserva come l’approccio dell’uomo e della donna al sesso in questo periodo siano inconsueti: improvvisamente si sovverte l’ordine usuale che vuole i maschi avvertire il bisogno più frequente di farlo.

In gravidanza infatti spesso sono le donne che avvertono il desiderio sessuale più del solito, viceversa, gli uomini subiscono la sindrome della donna di vetro: quella da maneggiare con cura,  per paura che qualcosa si rompa. E attenzione a non evocare il bebè in pancia, perché l’erotismo va a farsi benedire al pensiero che papà fa sesso a pochi centimetri dall’erede!

Mi sono interrogata su qual è la ragione per cui molte donne, quando sono incinta, mettono spesso sotto assedio sessuale il compagno. Forse in qualche modo il corpo si attrezza per tenersi vicino il partner, il quale, impegnato sessualmente quasi di continuo, non ha tempo ed energie per dedicarsi ad altre distrazioni, anche volendo, e questo è molto importante in vista della nascita, periodo che richiede un accudimento sia della mamma che del bebè.

Bisogna anche dire che in questo periodo di profonde mutazioni fisiche ed ormonali, il partner si può trovare davanti ad una donna che se da un lato manifesta un bisogno più assiduo di intimità sessuale, dall’altro spesso cambia, non sorprendetevi dunque se la partner diventa magari più bisognosa di attenzioni delicate e dolci che non di un approccio più erotico che prima prediligeva.

Quando è controindicato il rapporto sessuale?

Le controindicazioni sono rare:

  • perdita di liquido amniotico: questa segnala una rottura del sacco amniotico che protegge il bambino, in questo caso la penetrazione della vagina può portare batteri e infezioni che possono arrivare al bambino. Se si hanno delle perdite di liquido amniotico la vagina diventa off limits.
  • Presenza di infezioni vaginali o del pene in corso: è opportuno prima ripristinare una situazione di salute.
  • Presenza di minacce d’aborto: se viene fatta una reale diagnosi di minaccia di aborto o di parto pretermine è controindicata l’attività sessuale, per evitare di sottoporre l’utero a sollecitazioni. La minaccia d'aborto non va confusa con contrazioni più o meno sporadiche che sono la norma in molte gravidanze, ed hanno la funzione di preparare l'utero al parto.
  • Nel caso di placenta previa: la diagnosi di placenta previa si ha quando la placenta, che è l’organo che porta nutrimento ed ossigeno al bambino, è situata proprio sul "collo dell’utero", cioè dove l'utero si apre per far passare il bambino. Questa condizione è di per sé molto rischiosa e rappresenta un’indicazione al cesareo. In questo caso il rapporto sessuale può, sollecitando l’utero proprio nel punto dove è appoggiata la placenta, provocare un distacco della stessa, condizione fatale per il bambino.
  • Meglio evitare rapporti sessuali non protetti con un partner del quale non si conosce la storia sessuale e che potrebbe quindi essere affetto da malattie sessualmente trasmettibili. Se si contrae un’infezione, la malattia può essere facilmente trasmessa al bambino, con conseguenze potenzialmente pericolose.
  • Minacce di parto prematuro: anche in questo caso è opportuno non sollecitare l'utero ed evitare il contatto con le prostaglandine contenute nello sperma che potrebbero indurre l'avvio del parto. Il parto prematuro espone il bambino, che nasce piccolo e con gli organi non completamente formati, a molti rischi. Un parto si definisce prematuro se avviene prima della 37a settimana di gestazione (vedi articolo sui prematuri). Ricordiamo anche in questo caso che la minaccia di parto prematuro è una diagnosi che va fatta dal ginecologo e/o dall'ostetrica che segue la gravidanza, non è segnalata dalla presenza di contrazioni che sono normali specie nell'ultimo semestre.

 

Quando il sesso in gravidanza NON è controindicato:

  • Se le minacce d’aborto riguardano gravidanze precedenti o sono un rischio rientrato.
  • Nel caso di gravidanze gemellari o plurigemellari se non vi è minaccia di parto prematuro.
  • In caso di generiche patologie preesistenti (es. il diabete), se queste non hanno ingenerato situazioni a rischio nella gravidanza in corso (minaccia di aborto, sintomi di parto prematuro).
  • Nel caso di piccole perdite o contrazioni legate all'attività sessuale.

 

 

Il sesso a fine gravidanza può indurre il parto?

Uno degli effetti benefici del sesso in una gravidanza a termine (38-42 settimane), è il fatto che possa aiutare l’avvio del travaglio. Infatti il liquido seminale maschile è ricco di prostaglandine, ormoni che, nella gravidanza a termine, aiutano ad avviare il travaglio.

 

I rapporti sessuali durante i nove mesi della gravidanza possono avere un effetto positivo nel menage di coppia, sia dal punto di vista psicologico che fisico.
Sul piano fisico va sottolineato che l’attività sessuale prepara la muscolatura pelvica per il parto. Sul piano psicologico, rafforza il senso di intimità e crea un clima di rilassatezza e di serenità nell’imminenza di un periodo molto impegnativo per la coppia.

 

Lo stupidario del sesso in gravidanza:

Abbiamo raccolto in rete alcune SCIOCCHEZZE sul sesso in gravidanza:

“Si può fare sesso in gravidanza, ma solo in alcune posizioni”,

“Assolutamente no, può causare aborti”,

“Fa venire mal di testa al bambino”,

“Sì, e al nono mese è addirittura consigliato”.

“Si ma mai nell’ultimo mese perché puo indurre un parto prematuro”

e poi la chicca finale!!!: “Nel sesso orale praticato da uomo a donna, l’uomo dovrà fare molta attenzione a non soffiare aria all’interno della vagina. L’immissione di aria, infatti, potrebbe provocare una embolia – ovvero un blocco della circolazione sanguigna a causa della formazione di una bolla d’aria – con conseguenze che potrebbero essere letali sia per la madre che per il bambino.”

di Barbara Siliquini

 

Le informazioni su quando il sesso in gravidanza è controindicato o non è controindicato e lo "stupidario" sono frutto di una intervista alla d.ssa Anita Regalia, ginecologa già responsabile del reparto "gravidanza fisiologica" dell'ospedale San Gerardo di Monza, punto nascita di eccellenza in Lombardia.

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

  • Contraccezione d'emergenza: la pillola del giorno dopo Contraccezione d'emergenza: la pillola del giorno dopo

    A volte capita nella vita di coppia che il nostro usuale contraccettivo non funzioni a dovere, il classico esempio è il preservativo che si rompe, oppure che si dimentichi di utilizzarlo (eh sì, capita!), in questi casi, se non c'è l'intenzione di avere una gravidanza si può ricorrere ad un contraccettivo di emergenza.

    Cos'è il contraccettivo di emergenza

    Vi sono quattro metodi affidabili per la Contraccezione di emergenza:

    • il Levonorgestrel (LNG), anche detta Pillola del giorno dopo
    • i preparati estro-progestinici (EP),
    • il Mifepristone (MIF) a basse dosi e
    • la spirale medicata al rame (IUD). 
  • Parlare di sessualità ai bambini Parlare di sessualità ai bambini

    Qualche generazione fa, tutto cio' che riguardava il sesso non era argomento di conversazione in famiglia, nei film i baci venivano tagliati e le informazioni passavano tra i ragazzi in modo sconnesso ed errato tanto che molte donne arrivavano al parto senza realizzare bene da dove sarebbe uscito il bambino!
    Per fortuna gli anni '70 ci hanno liberato da questa bolla di omerta', molti genitori oggi si sono resi conto dell'importanza di parlare degli argomenti scottanti in modo da proteggere i propri figli dalle informazioni scorrette.
    Negli ultimi anni pero' la sessualita' esplicita sui media, la puberta' precoce e la maggiore autonomia dei ragazzi ci impongono nuove riflessioni, non basta piu' fare IL discorso ma occorre attrezzare i nostri figli con strumenti importanti fin dalla tenera eta'

  • Sesso amore e disabilità Sesso amore e disabilità

    "Desideriamo tentare di far capire alla gente, compresi i genitori dei disabili, che noi disabili non siamo asessuati come gli angeli.
    Si tende a negare il bisogno sessuale di un disabile fisico come si farebbe con un minore, pur riconoscendogli una sessualità adulta sul piano fisico, perché veniamo percepiti un po' come degli ‘eterni bambini’ […]
    [Anche] la sessualità di un disabile psichico fa paura in quanto immaginata come disinibita, deformata e animalesca, incontrollata; forse perché proiettano le loro più o meno inconsce paure o i loro desideri verso questo tipo di sessualità.
    Questo è il duplice atteggiamento che prevale e che oscilla tra la negazione della sessualità del disabile e una considerazione di essa come perversa e abnorme.
    L’atteggiamento dei familiari andrebbe rivisto. Essi tendono spesso a proteggere fin troppo i loro figli diversamente abili, a relegarli in un mondo in cui il sesso non esiste; il sesso non deve rientrare nella vita dei loro figli”.

  • Sesso: quando i neo genitori ritrovano l'intesa - parla l'esperto Sesso: quando i neo genitori ritrovano l'intesa - parla l'esperto

    L'ultimo di 4 divertenti video sul sesso dopo l'arrivo di un bebè in famiglia e consigli dell'esperto. Dopo i figli, quando si ritrova l'intesa, le cose possono essere più piacevoli di quanto non si pensasse, ascoltiamo la psicologa Alessandra Bortolotti.

    ***

  • Sesso: quando il papà perde la voglia - parla l'esperto Sesso: quando il papà perde la voglia - parla l'esperto

    Il terzo di una serie di articoli con un divertente video sul sesso dopo l'arrivo di un bebè in famiglia e consigli dell'esperto. A volte a non sentirsi così attratto sessualmente dalla compagna è il neopapà... ascoltiamo la psicologa Alessandra Bortolotti.

    ***

    Dopo il parto può capitare che l’uomo venga condizionato dai cambiamenti fisici della donna o perché ha assistito al parto, o perché comunque la donna sfinita dall’accudimento del neonato non appare come prima, ma è un po’ più sciatta, un po’ meno curata, meno attraente, sicuramente meno disponibile. Spesso il neopapà si sente messo da parte, trascurato dalla donna che prima di diventare madre era tutta per sé. I tempi cambiano e le occasioni di stare in intimità sono sempre meno. Può succedere così che anche l’uomo si blocchi e non si senta più libero di stare con sua la sua compagna.

     

Aggiungi commento


Commenti   

mirellana
+2 # mirellana 2013-08-23 12:50
Sull'ultimo numero della rivista scientifica Focus ho letto un ottimo articolo sui miti e sulle leggende, teorie su verità e false credenze sul sesso, correttamente suffragate da studi scientifici accuratamente comprovati!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
bs Genitori Channel
-2 # bs Genitori Channel 2013-08-23 15:18
Grazie mirellana, ti va di indicar vene qualcuno?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.