Stampa questa pagina
Lunedì, 21 Settembre 2015 00:54

Lo sport a scuola: si può fare di più

By

Più sport a scuola, grazie al CONI, alle Federazioni, al Ministero e a Kinder+Sport.

Lo sapete qual è l'antitumorale per eccellenza? Lo sport!
Sapete cosa aumenta il rendimento scolastico degli studenti? Lo sport!
Volete sapere quale attività innalza le difese immunitarie? Lo sport!
Cosa vi assicura di vivere più a lungo? Lo sport!
Grazie a cosa potete indulgere in peccati di gola senza che linea e salute ne accusino? Lo sport!
Qual è quell'attività che aiuta ad aumentare l'autostima, ridurre lo stress, aumentare il benessere, tenervi in forma? ...ormai avete capito no?

Alfabetizzazione e sport

Lo sport è davvero una medicina che aiuta a prevenire malattie, a curare il malessere e lo stress, a stimolare risposte positive del nostro corpo e del nostro cervello. Sono cose note, inserire lo sport nella vita dei nostri figli dovrebbe essere per tutti tanto importante quanto preoccuparsi della loro cultura. Eppure per troppi di noi non occupa un gradino del podio.

Per i bambini fare movimento è indispensabile per una crescita fisica e intellettiva armoniosa.
Se quando sono molto piccoli (fino alla materna), è soprattutto il gioco all'aria aperta -correre, arrampicarsi, saltare, ruzzolare- il modo giusto di sviluppare la capacità motoria, quando i ragazzi crescono il semplice gioco libero non basta più. Occorre stimolare i ragazzi con attività che attivino le loro competenze motorie di base e via via quelle più complesse.

Mettiamola così: un tempo la maggior parte dei nostri nonni si fermava alla III elementare, quel livello di scolarizzazione era considerato sufficiente. Oggi sappiamo che avere una preparazione scolastica o para scolastica fino ai 16-18 anni è il minimo.
Sullo sport siamo ancora come con lo studio 70 anni fa, quando studiava chi era portato o chi aveva grande motivazione... dobbiamo raggiungere il traguardo in cui lo sport è parte della normalità e quotidianità di ogni bambino e bagaglio culturale di ogni adulto.

Il ruolo di genitori, istituzioni e privati

E' davvero importante che noi genitori per primi riconosciamo il valore formativo e di benessere che lo sport porta nella vita dei nostri figli (e nostra), coltivare questa consapevolezza diffusa è il modo per far sì che lo sport diventi una priorità nelle scuole, nei comuni, nelle istituzioni, a tutto vantaggio delle famiglie e del futuro dei nostri figli.

Per aiutare questo cambio di paradigma molto si sta muovendo.
Il CONI e le federazioni sportive, a volte con il sostegno economico e organizzativo di aziende impegnate in progetti di responsabilità sociale, hanno messo a punto dei progetti mirati a coinvolgere le scuole, gli insegnanti, i bambini. 

Progetti Scuola 

Proprio durante la settimana europea dedicata allo sport, ad EXPO nel padiglione Kinder+sport, abbiamo assistito alla presentazione dei "Progetti Scuola" nati dall'intento di avvicinare i ragazzi della scuola dell'obbligo allo sport attraverso la collaborazione virtuosa del Ministero dell'Istruzione, del CONI, delle Federazioni sportive e di Kinder+sport.
Kinder+Sport è il progetto di responsabilità sociale di Ferrero, creato per promuovere tra i giovani uno stile di vita attivo attraverso la diffusione dello sport nei 27 Paesi in cui l'azienda è presente.

La presentazione vedeva la presenza di campioni olimpici e mondiali del calibro di: Fiona May (atletica), Carlton Myers (basket), Massimiliano Rosolino (nuoto), Valerio Aspromonte (scherma), Alessandra Sensini (wind surf), Andrea Lucchetta (pallavolo). Proprio loro si sono fatti portavoce delle federazioni per i progetti nelle scuole.

kinderpiusport expo

Attraverso i Progetti Scuola, Kinder+Sport ha messo in grado le federazioni sportive di dotare le scuole di attrezzature adatte ad avvicinare i più piccoli alle discipline sportive. Le Federazioni si sono messe in gioco con campioni olimpici e di fama mondiale. L'obiettivo del progetto è orientare gli alunni della scuola dell'obbligo ad uno stile di vita sano, affinché l'attività fisica sia per loro motivo di divertimento, educazione allo sport, confronto con i propri coetanei e solidarietà nel campo e nella vita.

{youtube}g5hkhaZiVGU{/youtube}

Expo è agli sgoccioli, ma se avrete occasione di andarci, visitate il padiglione Kinder+Sport, troverete un parco giochi studiato per avvicinare i bambini e i ragazzi, attraverso allestimenti per giocare, all'educazione motoria del corpo e ai fondamentali degli sport. I giochi realizzati nel padiglione sono il culmine di un progetto di studio approfondito da parte di professionisti dell'educazione sportiva e di pedagogia, del CONI e del Ministero dell'Istruzione, che grazie a Kinder+Sport hanno potuto mettere a punto delle metodiche di insegnamento dello sport innovative e su misura per i bambini.

 Gioia di muoversi: firma il manifesto

"Joy of moving", gioia di muoversi, è lo slogan scelto per le attività di Kinder+sport volte a diffondere la cultura dello sport e della vita attiva. Il CONI, gli atleti e Kinder+Sport hanno voluto far diventare "joy of moving" un manifesto che personalmente trovo bellissimo, firma anche tu il manifesto di Joy of moving e condividilo.

 joyofmoving

Valerio Aspromonte. campione olimpico e mondiale di scherma, che firma il manifesto.

 

valerio aspromonte olimpiadi

 I campioni promuovono gli sport e i progetti di sensibilizzazione nelle scuole:

{youtube}us9nB-pqEBc{/youtube}

di Barbara Siliquini
in collaborazione con Kinder+Sport

 

- POST SPONSORIZZATO -

 

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.