Non voglio andare a scuola domani!

Il rientro dal weekend o dalle ferie è difficile per tutti, grandi e bambini...

A volte per aiutarli ad affrontare la ripresa scolastica serve un piccolo aiuto, come la piuma che servì a Dumbo per volare (vi ricordate? Dumbo si fece persuadere a volare solo stringendo nella proboscide una piuma, in realtà a farlo volare erano le sue orechie)... ma è solo un passaggio verso una maggiore consapevolezza di sè.

 “La piuma di Dumbo”

“Io non ci voglio andare a scuola domani!”

La frase esce limpida e senza esitazioni dalla bocca un po' imbronciata. Chissà cosa sarà successo, ci chiediamo subito.
Oggi è piovuto a lungo, ieri lo stesso. Il giardino della scuola è completamente infangato e la ricreazione si fa in classe: spazi ristretti in cui ci si scontra un po', pochi giocattoli e libri a disposizione, cielo grigio e pesante fuori dalla finestra. E il tempo sembra non passare mai. E poi se passa vuol dire che si deve ricominciare a lavorare sul quaderno!

“Ma non posso portarmi un giocattolo?”
“No amore, i giocattoli non si può...ma che ne dici di far vedere ai tuoi compagni il tuo libro dei pompieri?”
Lui ci pensa, aggrotta la fronte e poi dice:”Uhm... d'accordo, ottima idea!”

Non sempre si è così fortunati, le piume di Dumbo non si trovano dietro l'angolo! O forse sì!
Perchè se un elefantino può srotolare la proprie grandissime orecchie e volare con una piuma nella proboscide, mio figlio può senz'altro affrontare l'ennesima ricreazione in classe nonostante non gli piaccia.

Ho pensato a lungo al fatto che il coraggio o la voglia non stanno in un libro, in un giocattolo o in una piuma, ma devono stare nella pancia e nel cuore, dove si accoccolano il nostro equilibrio e la nostra forza. E' pur vero, però, che era Dumbo che volava, piuma o non piuma ed è stato mio figlio quello che il giorno dopo si è aggrappato a quel libro rosso, scavalcando la pausa e il problema che quella costrizione rappresentava per lui. Ma soprattutto, è stato lui che il giorno successivo non ha avuto bisogno del libro per affrontare un'altra giornata di pioggia. Piano piano le sue mani piccole si libereranno comunque di quel libro, forse con lo stesso colpo di vento che ha strappato la piuma a Dumbo.
Intanto però potrà rendersi conto che è capace di volare e che la differenza la fanno le sue ali e nient'altro.

di Monia Scarpelli,
autrice di “Mani di vaniglia: nascita di una mamma in 40 settimane
www.moniascarpelli.it

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.