“Tette e piccole donne che sbocciano”...

By Agosto 31, 2011

“Tette e piccole donne che sbocciano”...

Si, avete letto bene, suona “strano” e vagamente di cattivo gusto? Beh se vi dicessi che è il nome di una linea di lingerie per bambine: “Boobs & Bloomers” il cui significato tradotto è proprio quello. Allora non diventa osceno e di pessimo gusto? Ma non è la parte peggiore.

Oltre a proporre una linea di reggiseni imbottiti per le bambine, che è un prodotto che dovrebbe a lungo farci riflettere su ciò che il mercato (che poi siamo noi) ha sdoganato come normale, quando non indispensabile, raccapriccianti sono le immagini della campagna.

Ci sono due bambine di 11-12 anni (non parliamo di adolescenti...), in  lingerie con i seni imbottiti, con lunghe unghie dipinte di rosso, in pose ammiccanti esattamente come le modelle seminude che alludono al sesso usate nelle vendite di intimo, profumi, etc.

Se già quella è una mercificazione della donna con conseguenze su tutta la società (come ben raccontato dal video “il corpo delle donne”), ora il passo oltre ce l’abbiamo con l’uso di bambine accostate ad immagini chiaramente ammiccanti al sesso. Da quando questa cosa non è pedofilia?

Quando mio papà era bambino (non 100 anni fa!), immagini come queste, dove al posto delle bambine c’erano delle donne con lingerie molto meno succinta, erano le immagini pornografiche che gli uomini si scambiavano in segreto e lontano dagli sguardi… siamo molto oltre.

Sono sconcertata perché da un lato spesso vedo campagne di boicotting che hanno senso fino a un certo punto. Io boicotterei tutto: dalle merendine tanto amate dai bimbi quanto pessime per la salute e il gusto che formano, alla macchinetta a cialde per il caffè tanto care e antiecologiche, ma mi rendo conto che è una sciocchezza, e non c’e’ bisogno di farne una battaglia, e che a volte la merendina salva una situazione… ma questo e’ lo stesso caso?

Passi il prodotto (anche se io non lo farei passare…), facciamo che fa il paio con i prodotti che soddisfano la passione che i bambini (in generale, tanto le femmine quanto i maschi) hanno per i travestimenti da grandi: le scarpe con il tacco, lo smalto sulle unghie, i trucchi, etc.. ma la campagna mi pare davvero davvero una cosa che non va.

E non si tratta di esagerazione o cattivo gusto, si tratta di sdoganare l’idea che sia ok che una bambina, inquadrata, truccata, pettinata e spogliata come una donna sensuale, ammicchi e punti a solleticare le fantasie e l’appetito sessuale di chi guarda. A questo non riesco a trovare il buono…. Mi pare terribile l’idea, mi pare terribile il tipo di mentalità che aiuta a rafforzare, mi pare terribile la deriva con cui è in scia……

Che si fa? Rimaniamo a guardare?

Io ho appreso di questo tema dal sito Un altro tipo di comunicazione che scrive di aver visto la lingerie già nei grandi magazzini…

Forse sarebbe da sensibilizzare il buyer delle catene, scrivendo a loro che noi vogliamo dire no a chi pensa che non ci sia nulla di male nell’acquistare da chi propone questo tipo di comunicazione….

Questo è un post aperto, facciamo brainstorming e veniamo fuori con delle idee per dire “Stavolta avete toppato!”

di Barbara Siliquini

Articoli correlati (da tag)

  • Come parlare delle mestruazioni Come parlare delle mestruazioni

    Diventare donna non è facile...  ma può essere un bellissimo viaggio!

  • Contraccezione d'emergenza: la pillola del giorno dopo Contraccezione d'emergenza: la pillola del giorno dopo

    A volte capita nella vita di coppia che il nostro usuale contraccettivo non funzioni a dovere, il classico esempio è il preservativo che si rompe, oppure che si dimentichi di utilizzarlo (eh sì, capita!), in questi casi, se non c'è l'intenzione di avere una gravidanza si può ricorrere ad un contraccettivo di emergenza.

    Cos'è il contraccettivo di emergenza

    Vi sono quattro metodi affidabili per la Contraccezione di emergenza:

    • il Levonorgestrel (LNG), anche detta Pillola del giorno dopo
    • i preparati estro-progestinici (EP),
    • il Mifepristone (MIF) a basse dosi e
    • la spirale medicata al rame (IUD). 
  • Parlare di sessualità ai bambini Parlare di sessualità ai bambini

    Qualche generazione fa, tutto cio' che riguardava il sesso non era argomento di conversazione in famiglia, nei film i baci venivano tagliati e le informazioni passavano tra i ragazzi in modo sconnesso ed errato tanto che molte donne arrivavano al parto senza realizzare bene da dove sarebbe uscito il bambino!
    Per fortuna gli anni '70 ci hanno liberato da questa bolla di omerta', molti genitori oggi si sono resi conto dell'importanza di parlare degli argomenti scottanti in modo da proteggere i propri figli dalle informazioni scorrette.
    Negli ultimi anni pero' la sessualita' esplicita sui media, la puberta' precoce e la maggiore autonomia dei ragazzi ci impongono nuove riflessioni, non basta piu' fare IL discorso ma occorre attrezzare i nostri figli con strumenti importanti fin dalla tenera eta'

  • Sesso amore e disabilità Sesso amore e disabilità

    "Desideriamo tentare di far capire alla gente, compresi i genitori dei disabili, che noi disabili non siamo asessuati come gli angeli.
    Si tende a negare il bisogno sessuale di un disabile fisico come si farebbe con un minore, pur riconoscendogli una sessualità adulta sul piano fisico, perché veniamo percepiti un po' come degli ‘eterni bambini’ […]
    [Anche] la sessualità di un disabile psichico fa paura in quanto immaginata come disinibita, deformata e animalesca, incontrollata; forse perché proiettano le loro più o meno inconsce paure o i loro desideri verso questo tipo di sessualità.
    Questo è il duplice atteggiamento che prevale e che oscilla tra la negazione della sessualità del disabile e una considerazione di essa come perversa e abnorme.
    L’atteggiamento dei familiari andrebbe rivisto. Essi tendono spesso a proteggere fin troppo i loro figli diversamente abili, a relegarli in un mondo in cui il sesso non esiste; il sesso non deve rientrare nella vita dei loro figli”.

  • Sesso: quando il papà perde la voglia - parla l'esperto Sesso: quando il papà perde la voglia - parla l'esperto

    Il terzo di una serie di articoli con un divertente video sul sesso dopo l'arrivo di un bebè in famiglia e consigli dell'esperto. A volte a non sentirsi così attratto sessualmente dalla compagna è il neopapà... ascoltiamo la psicologa Alessandra Bortolotti.

    ***

    Dopo il parto può capitare che l’uomo venga condizionato dai cambiamenti fisici della donna o perché ha assistito al parto, o perché comunque la donna sfinita dall’accudimento del neonato non appare come prima, ma è un po’ più sciatta, un po’ meno curata, meno attraente, sicuramente meno disponibile. Spesso il neopapà si sente messo da parte, trascurato dalla donna che prima di diventare madre era tutta per sé. I tempi cambiano e le occasioni di stare in intimità sono sempre meno. Può succedere così che anche l’uomo si blocchi e non si senta più libero di stare con sua la sua compagna.

     

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.