Venerdì, 01 Luglio 2011 07:30

Adolescenti: Le valutazioni degli insegnanti

By

L'impatto con la scuola media non è banale per i ragazzi, la nostra psicologa Luisa Marchionni suggerisce quale sia l'atteggiamento migliore per genitori e insegnanti... forse in una parola, come sempre "l'ascolto".

***
In famiglia arrivano le valutazioni degli insegnanti: “intelligente ma svogliato, poco adatto alla materie scientifiche etc…”
La scuola non rappresenta per l’adolescente solo il luogo dove apprendere nuove competenze, ma è anche uno spazio di incontro con i coetanei ed adulti significativi, come gli insegnanti. L’adolescente abituato alla relazione accudente ed accettante delle scuole elementari si sentirà disarmato di fronte alla necessaria competitività e disciplina della scuola media.

I genitori potranno condividere il giudizio dato dalla scuola, oppure porsi in aperta simmetria criticando gli insegnanti ed attribuendo a questi la responsabilità degli insuccessi dei propri figli. Di rimando gli insegnanti coinvolti in questo tormentone di responsabilità (che funziona a “scarica barile”) attribuiranno alla famiglia i problemi dell’alunno lasciando ad essa la scelta della soluzione (ripetizioni o presa in carico da uno “psi” a seconda del problema).

L’adolescente discusso protagonista di questa vicenda si vedrà in una posizione di completa passività, non si parlerà più con lui, ma di lui, aumentandone il suo disadattamento: la disputa vede da una parte gli insegnanti demotivati ad investire aspettative su un alunno “problematico”; dall’altra i genitori pronti a rivendicare agli insegnanti  l’incapacità di “saper prendere” il proprio figlio.

L’atteggiamento utile che dovrà adottare chiunque graviti intorno all’adolescente starà nel domandarsi “cosa posso fare io in base al mio ruolo e alle mie competenze”. 

L’insegnante dovrebbe conoscere il contesto in cui lo stesso problema si manifesta: così un problema di apprendimento può originare da un disagio sociale (famiglia culturalmente svantaggiata, ripetenze, condizione di immigrato) oppure psicologico (bassa autostima). Così come una difficile socializzazione può spiegarsi in senso sociale (divario culturale e diverse norme di comportamento tra famiglia e scuola) oppure psicologico (conflitti intra familiari, mancata collaborazione tra scuola e famiglia).

L’attenzione sul benessere o malessere in ambito scolastico è di fondamentale importanza in quanto alla base del rendimento scolastico.

 

Dott.ssa Luisa Marchionni

Psicologa, Specialista in Psicodiagnostica, Docente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. 
Le aree di intervento sono rivolte prevalentemente all’infanzia e all’adolescenza, con  riguardo al contesto familiare e alla riabilitazione psichiatrica.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Potete comunicare con Luisa Marchionni attraverso il nostro forum sugli adolescenti

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples
google.com, pub-8711244316083070, RESELLER, f08c47fec0942fa0 pubmatic.com, 73111, RESELLER, 5d62403b186f2ace pubmatic.com, 157436, DIRECT, 5d62403b186f2ace adform.com, 258, RESELLER triplelift.com, 3569, DIRECT, 6c33edb13117fd86 appnexus.com, 1785, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 improvedigital.com, 1088, RESELLER rubiconproject.com, 19618, DIRECT, 0bfd66d529a55807 openx.com, 540233840, DIRECT, 6a698e2ec38604c6 indexexchange.com, 188789, DIRECT

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.