Caro il mio uccellino – passerotto è quello che mi viene più spesso di citare e non per il classico di Baglioni, ma perchè era uno dei nomignoli con cui il babbo chiamava me da piccola – che sta imparando a zampettare e che volerà presto per il mondo...
Ho iniziatoa scrivere questa lettera un milione di volte. Ne avevo già scritta una, prima che tu nascessi, ma adesso che sei qui, che vedo ogni giorno le tue piume spuntare e le tue ali sgranchirsi per quello che sarà il tuo volo, è più difficile trovare le parole, più complicato essere obiettiva.

"Non è una storia di Natale, nonostante il titolo, ma vale la pena di essere raccontata e spero abbiate voglia di ascoltarla.
Un legame col Natale però ce l'ha: prima di quella che per me è la festa più bella dell'anno ho incontrato per la prima volta gli occhi di una donna, di una mamma come me. Erano due occhi grandi e pieni di speranza e stavano dietro ad un tavolo bianco, coperto di pupazzi in vendita per una raccolta fondi.
Non la conoscevo eppure conoscevo la sua storia, ma solo perchè la sua vita privata era diventata anche cronaca poco più di un anno prima e io non avevo potuto dimenticarla.

State pensando ad un manuale d'istruzioni, al famoso libricino che si trova dentro alle scatole dei frullatori e dei cellulari (in quest'ultimo caso, alti più o meno come il Devoto Oli) ? No, niente di tutto ciò, anche perchè non esiste un manuale d'istruzioni per mamme (non è un caso che non venga fuori assieme alla placenta).

Quello di cui voglio parlare è un elenco, senza alcuna pretesa che sia plausibile per tutte noi né tantomeno completo, di tutto ciò che non dovremo dimenticare nel passaggio dalla vita “in solitaria” a quella di “mamma”. Eh sì perchè da quel momento in poi sole davvero non lo siamo mai e questo è meraviglioso, ma ci dimentichiamo anche tanti aspetti di noi come “figlie”.

Le mamme non cambiano mai

Febbraio 16, 2012

Quello che ripeto più spesso quando parlo del mio “Mani di vaniglia” o anche solo del mio essere mamma è che quando diventi mamma lo rimani per sempre, qualunque cosa accada.
Un paio di anni fa', ho aperto la mia presentazione ad un meeting a cui partecipava un nutrito gruppo di colleghi proveniente da diverse parti del mondo, dicendo: sono una mamma, sono una scrittrice, ma oggi sono qui perchè sono anche responsabile di questo progetto.

Con un sorriso sulle labbra, scopriamo in questo simpatico racconto di Monia, quello che è capitato un po' a tutte in gravidanza: qualche strappo alla regola, pensando che, una volta nato, al bimbo certe schifezze non le avremmo mai concesse!...

Sole di primavera in cielo e aria nuova intorno, con due pance a giro per il polmone verde della loro città.

Le pance sono la mia e quella della mia amica Fra; la mia più pronunciata, la sua in via di sviluppo (e che sviluppo avrebbe avuto di lì a poco, con quelle due monelle che la gonfiavano come un pallone aerostatico!).

© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples
google.com, pub-8711244316083070, RESELLER, f08c47fec0942fa0 pubmatic.com, 73111, RESELLER, 5d62403b186f2ace pubmatic.com, 157436, DIRECT, 5d62403b186f2ace adform.com, 258, RESELLER triplelift.com, 3569, DIRECT, 6c33edb13117fd86 appnexus.com, 1785, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 improvedigital.com, 1088, RESELLER rubiconproject.com, 19618, DIRECT, 0bfd66d529a55807 openx.com, 540233840, DIRECT, 6a698e2ec38604c6 indexexchange.com, 188789, DIRECT

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.