Massaggio neonatale per noi...

Per farsi capire dal neonato occorre parlare il linguaggio degli amanti.

Degli amanti! Sì, degli amanti.

E cos'è che dicono gli amanti?

Non si parlano: si toccano.[F. Leboyer]

Anche per Eliandro è finito il ciclo di massaggi neonatali. Sono stati quattro incontri organizzati dall’ospedale di Chivasso, lo stesso dove avevo portato il suo fratellino maggiore. A primo impatto mi è sembrato un po’ di essere capitata a una seduta dell’anonima alcolisti (almeno per come viene generalmente raccontata nei film):

“Ciao, sono Giuseppa, ho 35 anni e Mariolino è il mio primo figlio. Lo allatto al seno e mangia undici volte durante la giornata e una mezza dozzina durante la notte. Dorme sei ore suddivise in due tranche e tanti pisolini di quattro minuti di media. Secondo voi è normale? Credete che questi massaggi lo aiuteranno a dormire di più?”.

“Benvenuta Giuseppa, grazie per averci raccontato di te. Certo, i massaggi lo faranno dormire meglio, vedrai”.

Poi è stata la volta della presentazione dei pupi, non del tutto incoraggiante. Perché un bimbo così piccolo (tre mesi era l’età media) si annoia e si irrita molto facilmente quando un adulto inesperto lo gira e rigira su se stesso ungendolo come un involtino primavera e riempiendolo di versetti amplificati da un coro di altri versetti – seppure con tutto l’amore del mondo. Aggiungici che il pianto dei bambini è più contagioso di un virus letale, e capirai perché il primo incontro si è risolto con una sinfonia di voci bianche urlanti e sgambettii furiosi.

Ecco, dopo questo inizio un po’ caotico, devo riconoscere che i contenuti sono stati decisamente soddisfacenti. Già dal secondo incontro le cose sono molto migliorate. Forse che noi mamme eravamo un pochino più sciolte e i pupi più rassegnati abituati all’idea di farsi massaggiare, ma per entrambe le parti ha cominciato a essere molto piacevole questo contatto prolungato e dolce.

Del resto è risaputo da tempo immemore quali e quanti siano i benefici delle carezze fatte ai neonati, soprattutto in quei luoghi del mondo –per molti versi mille volte più sviluppati del nostro– in cui il rapporto madre-figlio prevede molto più contatto fisico rispetto a quanto non avvenga da noi. I massaggi favoriscono il rapporto col bebè, aiutano il suo sviluppo, anche cerebrale, e sono di grande aiuto ad alcuni specifici problemi, come ad esempio stipsi o colichette.

Toccare il nostro bambino è un modo per stare insieme, un atteggiamento utile a rafforzare l’empatia e la condivisione.

Trovo che sia una gran bella cosa che molti ospedali italiani offrano a mamme e bambini questa opportunità. Peraltro GRATUITAMENTE. In giorni in cui anche andare dal dentista è diventato un lusso, trovo significativo che si sia capita l’importanza di regalare alle neomamme un simile servizio. Durerà?

Per intanto Eliandro ha imparato a godersi queste coccole. Quando riesco a ritagliarmi qualche minuto lo stendo su un materassino, estraggo l’olio, metto una bella musica di sottofondo, mi rilasso, e dopo avergli chiesto il permesso comincio con le mie mani sul suo corpicino la danza che abbiamo imparato insieme. Lui sgrana gli occhi e lo vedo che se la ride, tutto felice di avere la sua mamma tutta per sé. I suoi piedini quasi cicciotti sono pesciolini guizzanti, il pancino perfettamente rotondo è adesso il centro del tuo mondo e la testolina profuma come la più esotica delle piante.

È bello vedere il tuo bimbo che si abbandona ai tuoi gesti e si lascia impastare come una pagnottella morbida. È anche un bel modo per insegnargli ad avere la percezione del proprio corpo e a riconoscere le sensazioni che fanno bene. Anche per le mamme è un bel momento: il contatto pelle a pelle coi bimbi è una delle emozioni più appaganti e mirabolanti che ci possiamo concedere.

Massaggiare i neonati è parlare la loro lingua, quella del corpo e del tocco. Che viene molto prima delle parole, come ci spiega Frédérick Leboyer.

Ma poi, quale carezza del corpo non regala godimento anche allo spirito?

(E magari, chissà, i nostri figli impareranno presto l’arte del massaggio e ricambieranno il favore alla mamma!)

di Fioly Bocca

mamma di due maschietti e autrice del blog Bodò

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Commenti   

Serena
0 # Serena 2014-04-19 08:17
Ho acquistato su www.corsomassaggioinfantile.it (spero sia giusto) un corso che secondo me è il più completo in assoluto. Ne ho frequentati diversi dal vivo, ma questo è migliore. E poi lo vedo e lo rivedo quando voglio. Io e mio marito lo applichiamo tutte le sere sul nostro bimbo e gradisce moltissimo. Lo consiglio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.