Come sopravvivere ai terrible two

"No" è la parola che chi ha avuto un bambino di due anni per casa ha sentito pronunciare più spesso nell'arco di quell'anno. No a qualsiasi proposta, con annesse crisi di pianto e musi lunghi. Tutti i bambini ci passano: è la fase della loro autodeterminazione, in cui hanno compreso fin troppo bene di essere un individuo a sé rispetto alla loro mamma. E vogliono affermare la propria personalità, il proprio io, facendoci capire che ormai non sono più dei neonati. Messaggio ricevuto, forte e chiaro!

D'altro canto però il loro bisogno di affetto e di certezze è ancora forte e oscillano continuamente tra l'autonomia e l'insicurezza, in una danza ipnotica che farebbe uscire di testa chiunque.

Raccolgo alcune parole chiave che ci possono aiutare a sopravvivere a quell'anno così complicato e affascinante:

Ironia

La capacità di creare un diversivo, trovare il lato comico di una situazione e proporre un punto di vista diverso al bambino aiuta nei momenti di crisi a superare l'empasse, strappando una risata al piccolo e anche a noi. Prenderla sul ridere - senza mai ridere di lui - offre una nuova visione al bambino, che ad una sana risata non saprà resistere.

Flessibilità

Offrire due alternative, senza imporre scelte, ha un duplice vantaggio: stimola il bambino a sviluppare la sua capacità critica e allo stesso tempo pone dei limiti che lo aiutano a non perdersi tra troppe scelte. Un buon compormesso per genitori e bambino!

Gioco

Trasformare in gioco anche le attività meno amate dal bambino forse farà sì che non dobbiate passare la vostra serata a riordinare i giochi lasciati in giro mentre il diavoletto si diletterà in una crisi - finta - di pianto da teatro dell'opera.

Via i sensi di colpa

Non si è cattivi genitori perché i bambini sono diventati improvvisamente testardi e capricciosi. Non ce l'hanno con noi perché abbiamo fatto loro qualcosa di sbagliato. E' una naturale - e difficile - fase di crescita. Facciamocene una ragione e pensiamo che in qualche mese passerà.

Incentivi positivi

Sottolineare tutto ciò che di buono il bambino fa è un grande sostegno alla sua autostima e un incentivo a continuare su quella strada. Ricordiamocelo!

Regole

Poche, chiare, mai in contraddizione tra loro. Una volta stabilite le priorità, rendere quelle regole fisse e non discutibili darà dei paletti chiari ai bambini, senza allo stesso tempo fornire loro troppi divieti.

Pazienza

E' una fase, ricordiamocelo spesso. Facciamo appello a tutta la pazienza che abbiamo e, se ogni tanto ci capiterà di sbottare, sarà comprensibile.

 

 

Di Cristiana Calilli

Cento per cento Mamma

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.