Come superare i capricci dei bambini

Cosa sono i capricci e come fronteggiarli.

Il bambino si incupisce, mette il broncio e sul suo viso compare quell’espressione cocciuta che preannuncia al genitore un buon quarto d’ora di lotta: sta arrivando un capriccio.

Non esiste un unico metodo per superare i capricci dei bambini

Infinite sono le ricette che ci piovono addosso da ogni parte, spesso non richieste e, in definitiva, neppure troppo funzionali.
“Eppure con il figlio della mia amica funziona, perché con il mio no?

Fornire prescrizioni miracolose, rimedi assoluti che funzionino con tutti in qualsiasi situazione è mera utopia; di più, è pericolosa leggerezza in quanto non si tiene in considerazione l’unicità di ogni bambino e di ogni relazione genitore-figlio e si può contribuire ad accentuare la frustrazione e il senso di incapacità di un genitore che non si sente adeguato a fronteggiare alcuni comportamenti del proprio bambino.

Cosa sono i capricci e da dove nascono

Da mamma e da professionista che da vent’anni si occupa di infanzia e di relazioni familiari, ritengo che la miglior strategia di fronte ai capricci sia innanzitutto capire cosa sono, da dove nascono e a cosa servono.
Come ogni altro comportamento, infatti, i capricci rappresentano una strategia di cui il bambino si avvale nel suo percorso di crescita.
Come tutti sappiamo, esiste un periodo in cui il capriccio si acuisce maggiormente: la cosiddetta fase del NO (intorno ai 18-24 mesi). Questo momento della prima infanzia è quello che di solito manda maggiormente in crisi il genitore, sfiancato da capricci continui e, a volte, violenti. Una vecchia battuta recita che l’unica cosa buona della fase del no è che sparisce di colpo, così com’è arrivata. Infatti dopo alcuni mesi di braccio di ferro su tutto e tutti, improvvisamente il bambino si placa e torna la pace in famiglia.
Se però in questa fase il bambino ha messo a punto alcuni capricci “vincenti” se li porterà dietro per tutta l’infanzia.

Il capriccio è una strategia di crescita

Abbiamo detto che il capriccio è una strategia di crescita, quindi il bambino sarà portato a ripetere gli atteggiamenti che gli danno vantaggio e a scartare quelli che non raggiungono l’obiettivo.
Provate a  buttarvi per terra, urlare a squarciagola per 5-10 minuti di fila, farvi mancare il fiato e battere i piedi per terra sotto lo sguardo disperato e furibondo delle persone che amate di più al mondo….è faticoso!!  è una fatica enorme che deve produrre il risultato che voglio, altrimenti chi me lo fa fare?
Se il bambino, al termine della sfacchinata tremenda cui si è sottoposto ottiene il tanto agognato oggetto che ha scatenato il tutto, la prossima volta ripeterà la strategia, PERCHE’ FUNZIONA.
Se invece, al termine di tutta la pantomima si accorge che il genitore non è minimamente preoccupato, né impressionato, la prossima volta cercherà un altro modo, PERCHE’ QUESTO NON FUNZIONA.

Che cosa fare quando tuo figlio comincia un capriccio

Di fronte ad un capriccio è sempre opportuno tenere presente che, se funziona, verrà ripetuto, magari aggravato in intensità e frequenza. Pertanto, se vogliamo smontare un capriccio, dobbiamo semplicemente far si che non produca il risultato per cui è messo in atto.

Ad esempio, se nostro figlio scatena una scenata per non andar via dai giardinetti, ricordiamoci che quello che si sta giocando in quel momento non è tanto strappare pochi minuti in più all’aperto, quanto una strategia per affermare la propria volontà. E’ sempre opportuno avvertire il bambino qualche minuto prima, con annunci del tipo “ancora cinque giri e poi andiamo”, magari mediare con lui rispetto a un’ultimo passaggio sullo scivolo e poi restare fermi sul fatto di andare via.

Se fa una scenata, non dimostrarsi impressionati, né in imbarazzo. Attendere  che abbia terminato e poi  avviarsi all’uscita.
Ricordate che, se la strategia funziona, il bambino la ripeterà, ma questo vale anche per noi genitori. Al prossimo capriccio, fate attenzione a come lo gestite e, se avrete successo, ripetete l’atteggiamento che avete tenuto. Se invece è stato un disastro, tenete bene in mente le vostre reazioni, in modo da non ripeterle più all’occasione successiva.
Ad esempio, se al supermercato vostro figlio fa una scenata per avere un pacco di patatine e voi, dopo aver tenuto duro, cedete e gliele comprate, ricordate che alla prossima occasione vostro figlio ripeterà la scenata. Starà a voi cambiare strategia.

Un ultimo spunto: il braccio di ferro non paga quasi mai, meglio distrarre l’attenzione, mediare o proporre un’alternativa.

 

di Claudia Petruzzelli

 

 immagine: Christie Lockwood su Flikr

Claudia Petruzzelli

Counselor e mediatrice sistemico relazionale. Professionista delle dinamiche familiari.
Membro del CNCP  (CENTRO NAZIONALE COUNSELOR PROFESSIONISTI) e dell' AIMS (ASSOCIAZIONE NAZIONALE MEDIATORI SISTEMICI)*
Mediatrice Scolastica. Lavora da anni nel Progetto Dialoghi della città di Torino, che opera con interventi di mediazione scolastica nelle classi, laboratori per i genitori e attività di sportello nelle scuole.

www.mediazionefamiliaretorino.com

Articoli correlati (da tag)

  • A volte mio figlio piange senza motivo... e se la causa fossi io? A volte mio figlio piange senza motivo... e se la causa fossi io?

    I nostri figli hanno le antenne e sentono il nostro stato d'animo e mentale...

  • Non vorrebbe mai andare via dal parchetto Non vorrebbe mai andare via dal parchetto

     Come insegnare il senso del tempo che scorre ai bambini.

  • sOpportare i capricci o sUpportarli? sOpportare i capricci o sUpportarli?

    I capricci sono una richiesta d'aiuto che può essere ascoltata.

  • Quando mio figlio piange Quando mio figlio piange

    Non si ride allo stesso modo, non si piange allo stesso modo...

  • I capricci: significato e consigli per gestirli I capricci: significato e consigli per gestirli

    Davanti ai capricci dei figli i genitori rimangono spesso coinvolti in un vortice di sentimenti negativi che li porta a prendere decisioni e provvedimenti eccessivamente permissivi o eccessivamente restrittivi. In ogni caso, la risposta genitoriale a tali comportamenti risulta sovente “eccessiva” e inadeguata alla situazione.
    La sensazione di rabbia davanti a un capriccio è molto forte, in quanto si pensa che il bambino faccia scenate mosso da questioni di poco conto e irragionevoli. In realtà è necessario interrogarsi sul vero significato dei capricci, che spesso nascondo il tentativo (sebbene maldestro) di comunicare qualcosa.
    Occorre perciò mostrarsi sereni davanti ai capricci, che sono normali e fisiologici entro i 5/6 anni d’età e non dipendono necessariamente dallo stile educativo.
    Ci troviamo davanti a un fenomeno relazionale, in quanto non esiste nessun bambino che fa i capricci da solo; questi nascono sempre nell’interazione con un adulto.

Aggiungi commento


Commenti   

erika
-1 # erika 2014-08-02 09:48
Per fortuna che questa signora è consulente sistemico relazionale..no n si mette un muro tra capricci dei bimbi e genitori...sost anzialente è quello che lei dice. È coe prendere una pillola per il mal di testa per non sentire dolore..la relazione e l'ascolto va oltre...non e questo il sistema per aiutare dei genitori....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
sandra
+1 # sandra 2014-08-05 13:28
io non vedo dei muri in questo articolo.
La responsabilità della crescita dei nostri figli è del genitore pertanto saper insegnare le vie d'uscita di fronte a comportamenti rigidi propri dell'età infantile è un nostro compito, quindi ben vengano le "porte" .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
bs
+1 # bs 2014-08-05 21:24
Viene il dubbio che tu abbia letto un articolo diverso da quello che ho letto io...
"Fornire prescrizioni miracolose, rimedi assoluti che funzionino con tutti in qualsiasi situazione è mera utopia; di più, è pericolosa leggerezza in quanto non si tiene in considerazione l’unicità di ogni bambino e di ogni relazione genitore-figlio " questo mi sembra l'opposto della "pillola"

Riguardo al tema dell'ascolto, l'autrice mi pare che dica che il "capriccio" è una modalità di comunicazione che il bambino attua (una strategia), forse quello che non emerge chiaramente e' che un "capriccio" spesso nasconde un bisogno diverso da quello che il bambino afferma.
Tuttavia l'invito a negoziare con il bambino, a non "farsi impressionare" mi pare proprio un invito a non adottare un comportamento di assenza di ascolto "mi sono rotto di sentirti, fai come vuoi", ma al contrario, senza sentire il giudizio di chi abbiamo intorno, e cercando di metterci in una posizione di centratura, affrontiamo il capriccio da "adulti": magari cercando di contenere, magari cercando di capire cosa non va (es. prendo atto del fatto che il bambino diventa isterico al supermercato, quindi so che devo evitare di portarlo...), insomma trovando la nostra strategia di risposta.
Dov'è il non ascolto?

Qual e' il tuo sistema per aiutare i genitori? Tu sei una persona che ascolta? Ti senti abbastanza ascoltata?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Claudia Petruzzelli
0 # Claudia Petruzzelli 2014-08-04 10:57
E' interessante che lei veda un muro dove io ho posto una porta. Lo scopo dell'articolo e' guardare oltre il capriccio per superarlo insieme al bambino;individ uando una diversa strategia di crescita.se le fa piacere approfondire sono a sua disposizione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.