La camomilla per i neonati fa bene o fa male?

Come utilizzare la camomilla con i neonati e con i bambini piccoli

Parliamo della camomilla, molti genitori la utilizzano nel biberon per aiutare i bambini a  rilassarsi e a dormire meglio e per diminuire le coliche serali, spesso viene data anche ai neonati di 1 o 2 mesi. bisogna però stare molto attenti perché se la ricerca scientifica attribuisce alla camomilla alcune proprietà interessanti: rilassa i muscoli, aiuta il sonno(1) ed è antibatterica(2), tuttavia nei neonati non va utilizzata sotto forma di infuso e nei bambini piccoli occorre avere delle accortezze. 

 

La fitoterapia, cioè l’utilizzo delle piante per ottenere effetti benefici per il nostro organismo è una cosa che mi affascina. Siamo circondati da piante e fiori che possono aiutarci pressoché in tutto. Non dimentichiamo che la maggior parte dei farmaci che utilizziamo usa principi attivi che sono prima di tutto presenti in natura, certo in concentrazioni e mix diversi, ma la natura è la più grande farmacia a nostra disposizione.

Quando i bambini sono piccoli poi, l’utilizzo delle piante, le erbe, gli infusi, i decotti, e le altre forme in cui sono rese disponibili, possono davvero essere alleati. Spesso le piante, dalla camomilla al ribes nigrum, adeguatamente utilizzate, aiutano e hanno effetti collaterali quasi nulli o trascurabili. Ma utilizzare le piante non è sempre una buona idea… esistono rischi per la salute dei bambini se infusi e piante sono utilizzati impropriamente o nel momento sbagliato

 

Non utilizzare l’infuso di camomilla nei neonati fino a 6 mesi.

Tra gli effetti benefici della camomilla c’è quello di essere un blando miorilassante, ha cioè un lieve effetto distensivo sui muscoli, per questa ragione viene a volte consigliata nel caso di crampi del tratto digerente. Non dimentichiamo che associata alla sua azione c’è l’azione calmante legata al calore della bevanda. Per questa ragione è una delle piante consigliate nel caso delle colichette. Tuttavia, come già accennato all’inizio, la camomilla non va utilizzata nei neonati come bevanda.

Le raccomandazioni scientifiche ormai consolidate, indicano, senza mezzi termini, che i bambini allattati al seno, non devono assumere altra bevanda che il latte materno per i primi 6 mesi. Quindi assolutamente da non utilizzare la camomilla nel biberon come bevanda.

Ma anche per i neonati fino a 6 mesi che prendono il biberon di latte in formula, le indicazioni pediatriche raccomandano di NON dare loro da bere altri liquidi che non il latte formulato (latte artificiale), preparato secondo le procedure previste dalle indicazioni OMS - ricordiamo infatti che il latte artificiale non è sterile e può sviluppare batteri anche molto pericolosi se non è preparato adeguatamente.

Dunque ai neonati fino a 6 mesi non vanno dati altri liquidi che non siano il latte materno o il latte formulato (anche detto latte artificiale), quest’ultimo preparato secondo precise procedure per evitare rischi batterici.

 

Per ovviare al problema delle coliche dei neonati è più opportuno utilizzare altre tecniche o dei rimedi fitoterapici preparati ad hoc per i neonati, da aziende affidabili che utilizzano materie prime controllate e preparazioni scientificamente testate. Vi sono studi(3) che indicano che la combinazione di alcune erbe e lattobacilli, nel caso di coliche dei neonati, sono più efficaci dei farmaci al simeticone (un farmaco antimeteoritico).

Le raccomandazioni scientifiche di dare solo latte materno o artificiale ai neonati sotto i 6 mesi sono legate al fatto che gli esiti di salute sono migliori nel caso di allattamento esclusivo per almeno 6 mesi in madri e bambini, e, in seconda battuta, nell’utilizzo di latte formulato. Inoltre gli infusi possono produrre nei neonati reazioni allergiche ed esposizione a sostanze indesiderata come illustro sotto.

 

Non utilizzare la camomilla in bambini potenzialmente allergici

Sebbene i casi riportati non siano frequenti, esistono reazioni allergiche moderate e anche gravi alla camomilla(4) che sono state osservate soprattutto in soggetti allergici all’ambrosia: da rush a difficoltà respiratorie. Per questa ragione, se in famiglia vi sono casi di allergia, può essere opportuno fare attenzione a somministrare la camomilla, come altri infusi di erbe, e tenere sotto controllo il bambino le prime volte che assumono te o infusi.

 

Altri rischi della camomilla e altre erbe da infuso, per i bambini e i neonati

Bambini e neonati hanno una massa corporea inferiore alla nostra anche di 30 volte o più. L’impatto di una sostanza nel nostro corpo dipende molto dal nostro peso corporeo. Quindi la stessa dose di infuso ha effetti molto maggiori nei bambini che negli adulti.

Per questa ragione, quando decidiamo di dare un infuso di camomilla ad un bambino (dopo i 6 mesi), oltre a fidarci del suo gusto (se non lo gradisce forse non è solo che non gli piace, ma che può essere nocivo per lui/lei), dobbiamo utilizzare erbe coltivate senza pesticidi e in zone il meno possibile contaminate, proprio per evitare ai bambini di immettere nel corpo sostanze molto più nocive per loro che per noi.

Inoltre ricordiamo che le erbe possono anche avere dei residui di materiali pesanti (alluminio, arsenico, cadmio, rame, piombo e mercurio)(5), la loro concentrazione negli infusi è minima, ma nel caso di neonati può avere un impatto maggiore.

 

La camomilla potrebbe eccitare i bambini anzichè rilassarli

Spesso si legge che la camomilla, specie se tenuta in infusione a lungo, possa favorire nei bambini un comportamento di eccitazione anziché di calma. Non ho trovato studi a sostegno di questa tesi, ma siamo tutti diversi nelle reazioni a ciò che ci circonda e a volte non ci sono studi specifici per identificare se quell’effetto esista oppure no. Quindi il suggerimento è di osservare il bambino ed il suo comportamento. Certo se l'infuso è zuccherato, state dando carburante ad un bambino, se l'obiettivo è di addormentarlo potrebbe non funzionare.

Ricorda che il gusto è questione di abitudine e gli infusi possono essere bevuti anche senza dolcificanti, o dolcificati molto poco. Nei bambini lo zucchero non andrebbe utilizzato mai (in realtà anche per noi adulti, lo zucchero è un alimento che esalta il sapore delle cose, ma non è affatto salubre). Se abituate i bambini a sapori semplici e poco zuccherati, state facendo loro un favore. In ogni caso ricordate che il miele in genere va evitato nel primo anno di vita.


Le proprietà della camomilla

La camomilla è comunemente usata per le sue attività: antiossidanti, antimicrobiche, antidepressive, antinfiammatorie, antidiarroiche, angiogeniche, anticarcinogeniche, epatoprotettive e antidiabetiche. Inoltre, è utile per l'artrosi del ginocchio, la colite ulcerosa, la sindrome premestruale e i disturbi gastrointestinali.(6)

Queste sono le proprietà note, in genere oggetto di studi scientifici nell’utilizzo sugli adulti.

 

Quando e come utilizzare la camomilla nei bambini


L’infuso di camomilla - come si fa e a cosa serve

Come abbiamo visto, l’infuso di camomilla, da bere, va utilizzato solo dopo i 6 mesi. Per ovviare alle coliche dei neonati potete utilizzare altri rimedi.
Per la preparazione ideale:

  • procurarsi i fiori di camomilla in erboristeria, prediligendo quelli da coltivazione biologica.
  • Si riscalda l’acqua fino a quando inizia appena a bollire.
  • Si mettono 2 cucchiaini in una tazza di acqua calda, ma non bollente, per 3-5 minuti, coperti.
  • Poi si filtra l’infuso.

L’infuso di camomilla può essere bevuto, ma ha anche altri utilizzi, una volta raffreddato:

  • può essere utilizzato per pulire le abrasioni e piccole ferite, visto il potere antimicrobico
  • può essere utilizzato per farne impacchi per gli occhi, sia per detergerli, che per sfiammarli nel caso di rossore dovuto ad affaticamento, troppo sole, infiammazione, o quando, al risveglio, le ciglia sono incollate a causa della materia prodotta dall’infiammazione degli occhi, etc.

Come utilizzare l'infuso di camomilla per gli occhi

  • utilizza dei dischetti di cotone idrofilo,
  • appoggiali su un piattino e versa sopra un po’ di infuso freddo di camomilla.
  • Fai stendere il bambino e appoggia i dischi impregnati di camomilla sugli occhi chiusi. Oppure utilizzali per detergere gli occhietti.

 

No alla camomilla solubile per i bambini

La camomilla solubile, ha la caratteristica di essere zuccherata, quindi non va assolutamente somministrata ai neonati, e sarebbe meglio non somministrarla neanche ai bambini piccoli. In ogni caso non va assolutamente utilizzata per sfiammare gli occhi o detergere le ferite, perché lo zucchero nutre i batteri e otterrete l’effetto opposto a quello desiderato.

 

Bibliografia

(1)J Educ Health Promot. 2017 Jun 5;6:53. doi: 10.4103/jehp.jehp_109_15. eCollection 2017.
Investigation effect of oral chamomilla on sleep quality in elderly people in Isfahan: A randomized control trial.
Abdullahzadeh M1, Matourypour P2, Naji SA1..

(2) Antimicrobial activity of some plant extracts against bacterial pathogens isolated from faeces of red deer (Cervus elaphus).
Gnat S1, Majer-Dziedzic B1, Nowakiewicz A1, Trościańczyk A1, Ziółkowska G1, Jesionek W2, Choma I2, Dziedzic R3, Zięba P4
Formation of Matricaria chamomilla extract-incorporated Ag nanoparticles and size-dependent enhanced antimicrobial property.
Dogru E1, Demirbas A2, Altinsoy B3, Duman F4, Ocsoy I5

(3) Efficacy of a standardized extract of Matricariae chamomilla L., Melissa officinalis L. and tyndallized Lactobacillus acidophilus (HA122) in infantile colic: An open randomized controlled trial.
Martinelli M1, Ummarino D1, Giugliano FP1, Sciorio E1, Tortora C1, Bruzzese D2, De Giovanni D3, Rutigliano I3, Valenti S4, Romano C4, Campanozzi A3, Miele E1, Staiano A1.

(4) J Allergy Clin Immunol. 1989 Sep;84(3):353-8.
Anaphylactic reaction after the ingestion of chamomile tea: a study of cross-reactivity with other composite pollens.
Subiza J1, Subiza JL, Hinojosa M, Garcia R, Jerez M, Valdivieso R, Subiza E.
J Investig Allergol Clin Immunol. 2001;11(2):118-22.
Clinical cross-reactivity between Artemisia vulgaris and Matricaria chamomilla (chamomile).
de la Torre Morín F1, Sánchez Machín I, García Robaina JC, Fernández-Caldas E, Sánchez Triviño M.

(5) Food Chem. 2017 Jan 15;215:22-30. doi: 10.1016/j.foodchem.2016.07.093. Epub 2016 Jul 14.
Transition rates of selected metals determined in various types of teas (Camellia sinensis L. Kuntze) and herbal/fruit infusions.
Schulzki G1, Nüßlein B2, Sievers H3.

(6) Electron Physician. 2016 Sep 20;8(9):3024-3031. eCollection 2016 Sep.
A systematic review study of therapeutic effects of Matricaria recuitta chamomile (chamomile).
Miraj S1, Alesaeidi S2.

 

 Immagine neonato con camomilla di Olyshko Mykhaylo su Shutterstock 

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.