Famiglia All'Improvviso: per ridere, commuoversi ed esser felici

Famiglia All'Improvviso: per ridere, commuoversi ed esser felici

 Famiglia all'improvviso – Istruzioni non Incluse è un film bellissimo!

Dipendenza da cellulare e ragazzi: la app che ci viene in aiuto

Dipendenza da cellulare e ragazzi: la app che ci viene…

La metà dei bambini sotto i 10 anni possiede un cellulare, i ragazzini delle medie sono quasi tutti dotati di cellulare.

Martedì, 18 Ottobre 2011 12:53

Bambini e lettini...una nanna da sogno con i lettini Montessori

Bambini nel letto Bambini nel letto di Stephanie Hofschlaeger - www.djk.de

Benedetta, la mamma de Il cesto dei tesori, ci mette a disposizione, per il mese del sonno, questo bell'articolo sui lettini dove la riflessione va sul modo in cui i bambini si sentono al momento della nanna, e queste riflessioni guidano la scelta dell'oggetto del sonno per antonomasia: il letto.

***

Credo che sia ormai evidente a tutti, mamme, addetti ai lavori, pediatri, puericultrici, pedagoghi, che la nanna del bambino è uno dei grandi spauracchi dell'ultimo mezzo secolo. Il fatto che in passato, e ancora adesso in molte altre culture principalmente nel sud del mondo, l'attachment parenting - termine intraducibile, forse l'unico vocabolo che ci si può avvicinare è empatia - sia stata una pratica naturale e consolidata dovrebbe farci capire quanto ci siamo allontanati dal nostro istinto, soprattutto nella maternità. In questi ultimi decenni siamo andati avanti, siamo progrediti in moltissimi campi, ma abbiamo perso di vista le nostre emozioni.

Consigliati molte volte da cattivi maestri, costringiamo i nostri bambini a dormire al buio, da soli, in uno spazio che a loro sembra troppo vasto e in cui si sentono naufragare, mentre a noi spesso sembra troppo ristretto e soffocante. Parlo così per esperienza personale. Anch'io ho avuto i miei bei problemi con il sonno delle mie bambine; la mia prima figlia è anche figlia, simbolicamente, eh!, di Estevill e compagnia bella. Risultato: a cinque anni ancora si sveglia di notte. Con la seconda ho optato per un approccio più dolce, principalmente autodidatta, ma che sembra aver funzionato. Dal momento che si svegliava una decina di volte per notte, ha dormito per più di un anno vicino a me, con il lettino attaccato al nostro, mano nella mano. Poi quando i risvegli son diminuiti e ho ritenuto che fosse pronta, l'ho spostata in camera sua. Il rito della buonanotte è ancora molto dolce, decisamente lungo, e prevede che io stia lì finché non si addormenta, ma i suoi sonni sono finalmente (e definitivamente si spera) tranquilli. Così come i miei.

In questo contesto è chiaro che la scelta di un oggetto carico di simbologie e aspettative come il lettino diventa per una neo mamma un passo fondamentale.
Di lettini ce ne sono di tutti i tipi: superati i primi quattro mesi in cui un neonato dorme, a seconda delle esigenze, in culla, in carrozzina o nei riduttori, si apre un mondo ignoto e spaventoso, fatto di oggetti rettangolari, ovali, oblunghi, colorati, minimalisti, total white. Ma tutti indistintamente provvisti di sbarre. Ora, lasciatemi dire una cosa. A me quei lettini modalità gabbia dello zoo non sono mai piaciuti. Anzi, non riesco nemmeno a concepire come un bambino si possa sentire tranquillo a dormire lì dentro. Sarebbe un po' come dire a un tizio che viene ingiustamente accusato di un crimine, prelevato contro la sua volontà e portato: oh, questo è il posto dove dormirai per i tuoi prossimi 24 mesi, accogliente no? Adesso ti leggo una favola, spengo le luci e poi a nanna!

Intenti provocatori a parte, la grande Maria Montessori, che ai bambini ha dedicato vita e carriera, diceva che il compito fondamentale degli adulti è quello di educare i bambini alla libertà, che non significa lasciargli fare quello che vogliono, come troppo spesso viene frainteso il suo messaggio. Significa dare loro gli strumenti per appropriarsi della realtà che li circonda e soprattutto per renderli autonomi. Perché l'autonomia, l'indipendenza sono i veri pilastri della libertà. E tutto questo a partire proprio dall'arredamento che secondo la pedagogia montessoriana deve essere a misura di bambino.
Questo semplicemente significa che deve essere fruibile in maniera autonoma, alla sua portata e alla sua altezza, in modo che ne possa godere senza l'ausilio o l'intervento degli adulti.

I lettini devono essere bassi, non più di 20-25 cm in modo che il bambino possa salire e scendere in autonomia e soprattutto in sicurezza (per attutire cadute notturne basta mettere a fianco un cuscino. A me è capitato di vedere bambini che continuavano a sonnecchiare beati anche dopo essere scivolati dolcemente sul pavimento... ah, il sonno dei giusti!).
In questo modo il letto non diventerà soltanto il luogo deputato a fare quella cosa odiosa che i grandi chiamano nanna, ma sarà anche uno spazio privato di gioco, un luogo che li accoglierà quando saranno stanchi e quando autonomamente decideranno di riposarsi. Il che non vuol dire, badate bene, che possono decidere loro quando andare a dormire, ma semplicemente che, se non la vivono solo ed esclusivamente come un'imposizione, forse l'ora della buonanotte potrà diventare piacevole per tutti.

Saltellando qua è là per il web ho trovato molti lettini montessoriani belli, funzionali e di design, e quasi tutti mi sono stati suggeriti dal magnifico blog di Valentina: Design per bambini.

Da quello semplice e minimalista di Nume

a quelli colorati, allegri e impilabili disegnati da Rolf Heide per Müller Möbelwerkstätten.

a quello assolutamente ecologico di Echo Toddler Bed

fino ad arrivare alla bellissima e avvolgente culla in legno e feltro di Fubu Design.

Ovviamente, per ammortizzare i costi, è anche possibile, per chi ha manualità e inventiva, optare per il fai-da-te. Costruirselo o farselo costruire, o semplicemente modificarne uno già esistente, meglio se di Ikea!
A questo punto non mi resta che augurare buona nanna a tutti!

 

Benedetta Vassallo
Sono mamma, ma non solo. Lavoro con i libri, e la parola in tutte le sue declinazioni è la mia grande passione. La musica, il mio motore...
Il  cesto dei tesori rappresenta la curiosità e la scoperta. Questo blog vuole coniugare la passione per la letteratura a quella per il design, la fotografia e la musica, considerando questi diversi ambiti come elementi costituenti dell’universo dei bambini.

Video

Aggiungi commento


Commenti   

0 # benedetta 2011-10-18 20:32
ragazze più cosleeping per tutti e meno fardelli e catene da portarci addosso, imposti da una società che pretende che i bambini siano performanti a partire dai sei mesi! un bel foutinm o solo un materasso big size all'americana sarebbe stato l'ideale ai tempi, se solo fosse passsato dalla porta! :sigh:
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara Siliquini 2011-10-19 07:22
Benedetta... che dire... SONO D'ACCORDOOOOOO! ;-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Anna 2012-02-09 09:25
io ho lo steso di Bà Munta, sotto abbiamo messo rete, materasso e una spondina, lei ci dorme bene, il fratello è contento che dormano nella stessa stanza e io ho ampio spazio per addormetarla e allattarla! Alla mattina però siamo sempre tutti e 4 nel lettone! ;)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # valerio vinaccia 2014-03-30 08:15
Ciao Ti segnalo il nostro, di lettino montessori:
www.woodly.it/.../
Una saluto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.