Idee regalo per San Valentino

Idee regalo per San Valentino

Ecco arrivati alla festa degli innamorati. Siete pronti? Qualche suggerimento su cosa regalare a San Valentino.

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere principesse

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere…

Idee per un costume di carnevale per bambine che non amano i tulle.

Martedì, 24 Febbraio 2015 02:59

4 comportamenti che aumentano l'autostima dei bambini

Autostima Neonato Autostima Neonato Mammeimperfette

I quattro bisogni da soddisfare per l'autostima dei bambini

Quando sono diventata mamma, ho cominciato a pensare a come avrei voluto crescere i miei bambini, quali risorse avrei potuto aiutarli a sviluppare, accompagnandoli nella crescita. Quello che ho capito è che avrei voluto che i miei figli fossero persone sicure di sé, autonome e capaci di essere felici.

Non facile, vero? Meglio cominciare fin da piccoli, quindi.

In particolare, credo che una buona autostima sia una risorsa essenziale per vivere bene, da bambini e da adulti.

L'autostima, però, è una realtà fragile e mutevole, che può cambiare nelle diverse situazioni e nei vari momenti della nostra vita. È come una piantina delicata, che ha bisogno di molte cure e attenzioni per crescere sana e forte, e che deve avere radici solide, ben piantate in un terreno fertile. Un terreno che noi genitori possiamo preparare al meglio durante l'infanzia.

Sì, perché possiamo fare molto per aiutare i nostri figli a sviluppare una buona autostima, fin dalla nascita.

Autostima significa avere la consapevolezza del proprio valore, della propria identità personale, dei propri punti di forza e limiti; significa sapere di avere capacità e potenzialità da sviluppare, per imparare cose nuove e raggiungere i propri obiettivi; significa credere in se stessi, anche quando gli altri non lo fanno.

I bambini piccoli, tuttavia, sono molto concreti e non hanno ancora gli strumenti per riflettere davvero su se stessi. Per i bambini, avere una buona autostima significa:

  • stare bene con se stessi,
  • sentirsi profondamente amati,
  • sapere che i propri bisogni saranno soddisfatti e che i propri desideri saranno tenuti in seria considerazione,
  • sentirsi a proprio agio con gli altri,
  • essere convinti di essere capaci, cioè “in grado di imparare”, anche se ancora non sanno fare qualcosa.

E come possiamo aiutare davvero i nostri figli a credere in se stessi? Non certo ripetendogli continuamente quanto siano bravi in tutto e meravigliosi! In questo modo, anzi, alimenteremo il loro un'immagine di sé irrealistica, che si sgretolerà davanti al primo fallimento.

Le nostre parole e azioni sono per i nostri figli un feedback importantissimo, perché la loro immagine di sé e la loro autostima si costruiscono proprio a partire dal loro rapporto con noi, e dalle risposte, verbali e non, che gli diamo ogni giorno.

Per aiutarli in modo davvero efficace a crescere sicuri di sé, possiamo aiutarli a soddisfare quattro bisogni fondamentali, fin dalla nascita, e cioè il bisogno di fiducia, amabilità, socievolezza e competenza. Come fare?

Soddisfa il suo bisogno di fiducia

1. La fiducia è l'abilità più importante da sviluppare nei primi mesi; instaura con tuo figlio una buona relazione di attaccamento, impegnati a capire e a soddisfare i suoi bisogni nelle diverse fasi di crescita, rispetta i suoi desideri e soprattutto le sue emozioni. Il bambino imparerà a fidarsi del proprio giudizio, e quindi, di se stesso.

Soddisfa il suo bisogno di amore

2. Fai sentire a tuo figlio che lo ami incondizionatamente, sempre, a prescindere da quello che fa. Anche quando sei arrabbiato, ricordagli che lo ami. “Dire e agire l'amore ogni giorno”, questo va fatto con i nostri figli, che hanno bisogno di dimostrazioni concrete di questo amore. Per essere persone amabili bisogna essere stati amati; se il bambino è sicuro dell'amore di mamma e papà, penserà di potersi meritare anche quello degli altri.

Aiutalo nello sviluppo della socievolezza

3. Aiuta tuo figlio a instaurare buone relazioni con gli altri, rispettando sempre il suo temperamento. Inutile buttarlo nella mischia se è timido; cerca invece di farlo interagire con pochi bambini alla volta, perché possa sentirsi a suo agio. Sii tu il primo ad apprezzare la compagnia degli altri e la tua vita sociale, in modo che anche tuo figlio viva queste situazioni come un piacere e non un obbligo, imparando a sentirsi bene anche al di fuori della famiglia.

Aiutalo a diventare competente

4. Sostieni tuo figlio e fallo sentire una persona competente: non brava in tutto o più brava degli altri, bensì una persona con delle competenze in evoluzione, capace di migliorarsi e apprendere cose nuove, capace di imparare ciò che ancora non sa fare, se lo vuole ed è disposto a impegnarsi.
Proteggilo usando il buon senso, permettigli di fare esperienze e di sbagliare; lasciagli fare ciò che è in grado o potrebbe essere in grado di fare e soprattutto ciò per cui mostra interesse. Prova a pensare se il pericolo di farsi male, per esempio, sia davvero reale e immediato, o se invece non sia il frutto della tua ansia.

Con piccole attenzioni, ripetute ogni giorno, possiamo fare molto per l'autostima dei nostri figli, e questo sarà per loro un enorme regalo.

di Adele Borroni

libro mamma io valgo

Adele Borroni è Insegnante, blogger, autrice appassionata di autostima per bambini, fondatrice di www.mammeimperfette.com e autrice di
"Mamma, io valgo!" l'Ebook che ti guida nel promuovere l'autostima di tuo figlio, da 0 a 6 anni, con tantissimi consigli pratici per soddisfare ogni giorno i suoi 4 bisogni fondamentali: Fiducia, Amabilità, Socievolezza, Competenza.

Clikka sul libro per acquistare l'e-book o per eggere gratuitamente il primo capitolo.

.

 

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole.
Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Video

Aggiungi commento


Commenti   

0 # Fioly 2015-03-02 08:54
mica facile! soprattutto, per quel che mi riguarda, non cadere nella tentazione esageare con i complimenti...
grazie per i suggerimenti preziosi!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.