Si stanno facendo molti passi avanti nello sviluppo di una realtà cittadina più vivibile e compatibile. Così fioriscono le attività e i gruppi di attivismo urbano che hanno l’obiettivo di smuovere le coscienze e creare interesse per il mondo green.

Perché, come ho afferrato attraverso gli occhi delle mie figlie, avere un orto sul balcone significa capire come cresce un cetriolo e che valore ha.

Sto vivendo con entusiasmo la fioritura dei pomodori e con curiosità sto aspettando l’evoluzione in frutto.
E forse imparerò che caratteristiche deve avere un ortaggio quando lo vedo sul banco di un mercato.

 

Come organizzare un piccolo orto di ortaggi a foglia (spinaci, insalata, etc), zucchine.
Quando piantare le varie verdure e i legumi in base alle fasi lunari e ai segni dello zodiaco.

Non sempre i nostri bambini hanno la bella opportunità di avere vicino un orto, in cui osservare il nascere di una pianta ed il suo ciclo vitale. Eppure il valore educativo insito nella natura e nelle sue leggi non è da sottovalutare, e nemmeno l’importanza di riconoscere almeno una parte del processo che sta dietro al cibo che ci troviamo sulla tavola, da cui ormai ci divide una distanza abissale.

Un’opportunità di avvicinarci, almeno in parte, ad entrambi questi aspetti, in casa e in modo semplice, ci viene dalla coltivazione di germogli, che si può praticare con pochi materiali di base e che non solo ci svela il meraviglioso ciclo che trasforma un seme “dormiente” in una piccola pianta, ma ci fornisce anche un cibo estremamente nutriente e ricco di vitamine, minerali ed enzimi, perfetto per tutti e ancor più per i bambini che mangiano malvolentieri la verdura! Un vero e proprio piccolo concentrato di salute.

Eccoci arrivati alla primavera, oggi salutata, quasi in tutta italia, da una tiepida giornata di sole.
Prendendo spunto dai primi germogli, cosa c'e' di meglio che pianificare una bella produzione di verdurine fresche di stagione a "metro zero", cioè direttamente sul balconcino di casa?!

Fare l’orto all’aria aperta è piu’ divertente che giocare alla playstation per la stragrande maggioranza dei bambini (60%) che hanno avuto l’opportunità di provarlo. E’ quanto stima la Coldiretti, che ha promosso la prima lezione interattiva dal campo alla tavola con quattrocento bambini delle scuole elementari e medie di Milano che si sono calati per la prima volta nei panni degli agricoltori impegnandosi prima a zappare e seminare l’orto di primavera con insalate e pomodori per poi affrontare l’esame finale sui banchi del mercato. "Un successo annunciato tra i bambini che- rileva la Coldiretti- solo in un caso su tre hanno avuto l’occasione di visitare una azienda agricola, secondo una recente indagine condotta in Europa dalla quale emerge peraltro che un

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.