Intervista di Giorgia Cozza a Ibu Robin Lim, l'ostetrica famosa a livello internazionale e vincitrice del premio Alexander Lange per chi si distingue su temi di solidarieta'. Ibu Robin Lim ha creato un centro nelle Filippine per sosotenere la popolazione colpita da Tsunami. In questa intervista parla del cesareo.

Katia racconta a Genitori Channel l'emozionante storia del suo parto naturale, in casa, dopo un cesareo (VBAC) e un'operazione addominale... è un lungo cammino il suo, difficile, ma alla fine riesce ad ottenere ciò che desidera e suo figlio nasce casa.
Video 1 di 2
Guarda la seconda parte qui: http://www.youtube.com/watch?v=CCF6QaUEJ80

Katia racconta a Genitori Channel l'emozionante storia del suo parto naturale, in casa, dopo un cesareo (VBAC) e un'operazione addominale... è un lungo cammino il suo, difficile, ma alla fine riesce ad ottenere ciò che desidera e suo figlio nasce casa.
Video 2 di 2

Cosa fare per agevolare un VBAC (parto naturale dopo cesareo)?

Verena Schmid, ostetrica, direttore di D&D, fondatrice della Scuola Elementale di Arte Ostetrica, autrice di numerosi libri, risponde a Elisabetta Malvagna giornalista, blogger e autrice di libri sulla maternità, sul tema del Parto Naturale dopo Cesareo (VBAC):

Il prof. Mikael Stark, padre della moderna tecnica del cesareo afferma che il VBAC (parto vaginale dopo cesareo) deve essere sempre la prima scelta da consigliare alla donna.

L'Istituto Superiore di Sanità ha un dipartimento dedicato alla stesura delle linee guida.
Sono linee guida evidence based (basate sulle evidenze scientifiche), indipendenti, che rispettano dei requisiti metodologici rigorosi per es. il fatto di formare un panel multidisciplinare. Dopo il rilascio di una linea guida, viene fatto un monitoraggio della sua applicazione.

Il dovere dei medici e' quello di spiegare ad una donna i benefici di un parto naturale. Il proliferare di cesareo programmati, o cesarei elettivi, genera un incremento di morbilità, ovvero problemi di salute per madre e bambino, e molta sofferenza anche emozionale.

Il prof Micheal Stark è un medico chirurgo, famoso in tutto il mondo per aver ideato la tecnica "Stark" che è la tecnica più all'avanguardia e sicura per il cesareo.

Ciononostante Stark è un sostenitore del parto naturale anche dopo cesareo.

In una intervista (al convegno interatlantico sulla salute primale a Las Palma 2010) gli abbiamo chiesto la sua visione sul cesareo elettivo o programmato.

 

Quando un cesareo è indispensabile, utilizzare la tecnica Stark significa, oltre che un'operazione più sicura, veloce e meno traumatica, avere meno possibilità di aderenze e problemi post operatori.
Inoltre la tecnica Stark non utilizza il bisturi sull'utero, che viene aperto con le dita, questo consente di evitare le cicatrici da taglio sul bebè.

Il prof Micheal Stark è un medico chirurgo, famoso in tutto il mondo per aver ideato la tecnica "Stark" che è la tecnica più all'avanguardia e sicura per il cesareo.

Ciononostante Stark è un sostenitore del parto naturale anche dopo cesareo.

In una intervista (al convegno interatlantico sulla salute primale a Las Palma 2010) gli abbiamo chiesto come prevenire aderenze e tagli del bambino a seguito del cesareo, la sua tecnica è efficace per prevenire entrambe.

 

La rottura dell'utero è lo spauracchio più grande quando si vuole ottenere un VBAC, cioè un parto vaginale dopo cesareo.
Il prof. Stark ci dice che la rottura uterina è un evento estremamente raro e che è diagnosticabile da chi assiste il parto grazie ad una serie di "indicatori".

Il prof Micheal Stark è un medico chirurgo, famoso in tutto il mondo per aver ideato la tecnica "Stark" che è la tecnica più all'avanguardia e sicura per il cesareo.

Ciononostante Stark è un sostenitore del parto naturale anche dopo cesareo.

In una intervista (al convegno interatlantico sulla salute primale a Las Palma 2010) gli abbiamo chiesto quali sono i segni di una rottura uterina in travaglio.

Immagine miniatura: Guillermo ossa su sxc: http://www.sxc.hu/photo/1228123

Pagina 1 di 2

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.