Idee regalo per San Valentino

Idee regalo per San Valentino

Ecco arrivati alla festa degli innamorati. Siete pronti? Qualche suggerimento su cosa regalare a San Valentino.

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere principesse

10 costumi di carnevale per bambine che non vogliono essere…

Idee per un costume di carnevale per bambine che non amano i tulle.

Lunedì, 04 Luglio 2011 11:09

Partorire in casa, suggerimenti seri, ma non troppo ;-)

Casa Casa Isgc su sxc.hu

Oggi ospitiamo un divertente scritto di Laura Vernaschi, autrice di "Forse le mamme sono supereroi", che con la verve ironica che ritroviamo nel suo llibro, racconta come prepararsi per un parto in casa. Suggerimenti pratici, ma anche per riderci un po' sù. Buona lettura.

 Ebbene sì, la mia bimba è nata a casa, nel suo nido. In quel nido è stata concepita,e di cui ha percepito luci e suoni quando ancora era nella pancia, gli stessi che ha riconosciuto nel momento esatto in cui la sua testolina si è affacciata al mondo; nella rispettosa penombra della camera da letto, in un religioso silenzio, ha subito riconosciuto l'odore della sua mamma, intriso in quel lettone così grande in cui avrebbe dormito per molte notti a seguire accanto al suo seno.

Tutto molto poetico, non c'è che dire, e commovente, a ripensarci. Tuttavia, per par condicio, è bene ricordare anche gli antecedenti, ovvero quegli aspetti di cui non si parla, di solito.

 

Partorire in casa significa soprattutto una gran preparazione. Quella al parto la lasciamo all'ostetrica che con scrupolosa attenzione si prende cura della donna come mai nessun altro prima aveva fatto, facendola sentire come una regina. Quella della casa invece, compete alla coppia.

Innanzitutto ognuna di noi, perlomeno quelle della mia generazione, cresciute tra i buoni sentimenti della famiglia Ingalls (della nota serie televisiva degli anni '70 “La casa nella prateria”), che sono convinte che durante un parto serve sempre acqua bollente, lenzuola e asciugamani puliti, inizino a resettare tutto.

I mariti invece, non avendo mai visto la suddetta serie in quanto impegnati a vedere Hazard (per via della bella gnocca protagonista, ma dubito che questo lo diranno...), sono ignari di tutto, quindi partono avvantaggiati. Le donne, dovranno cancellare dal loro immaginario parti supini, lenzuola che coprono le vagine e che le levatrici di turno alzano strategicamente in prossimità della zona pubica infilandovi la testa per poter vedere la dilatazione (per necessità di censura una ripresa frontale non sarebbe possibile); dimenticatevi anche urla smisuratamente acute.

Le future mamme dovranno quindi iniziare un lavoro psicologico di recupero del buon senso e dell'istinto, mentre i futuri papà dovranno essere adeguatamente preparati ad entrare in punta di piedi nell'universo femminile per assistere senza presunzione al mistero della nascita.

È ormai risaputo che i parti migliori avvengono in un ambiente a prevalenza femminile (gli uomini non me ne vogliano, ma l'ha detto un uomo molto in gamba, tale Michel Odent, insomma, non proprio uno di primo pelo...) quindi, se proprio i papà decidono di rimanere dovranno rassegnarsi a fare i conti con la propria piccolezza di fronte alla potenza della natura (tanto poi, come al solito, saranno le donne a consolarli dicendo che se non era per loro...che senza il loro sostegno...).

I compagni coraggiosi dovranno allenarsi a non prendere iniziative di sorta, ma ad eseguire senza fiatare i gentili suggerimenti dell'ostetrica (che in questi casi detta legge in modo molto garbato). Talvolta dovranno sopportare gli insulti della moglie partoriente che in stato di trance non guarda in faccia nessuno, essere a completa disposizione anche solo per portare un bicchiere d'acqua. 

Al resto pensano le ostetriche e madre natura che, si sa, queste cose le sa far molto bene. Niente acqua bollente dunque,  lenzuola e asciugamani lavati e stirati sì, telo da imbianchino, atto ad essere posizionato sotto la partoriente per raccogliere eventuali liquidi (niente litri di sangue, non è un film horror).

Niente ambiente sterile, non serve (le calzine blu da sala operatoria, del resto, non sono molto carine..).

Se avete dei gatti, potete deciderli di farli assistere, ma siccome gli animali sono di solito più intelligenti degli umani, saranno loro a lasciarvi tutta la privacy che volete.

Il resto sarà contenuto nella borsa misteriosa che le ostetriche collocheranno in casa vostra in prossimità della data del parto. Cosa contenga non è dato sapere (lo dico perché così i più scettici potranno continuare a pensare a pozioni magiche in grado di far partorire le donne). Per quelli che invece son convinti che le donne sappiano da sole mettere al mondo i loro cuccioli, come il resto dei mammiferi, dico che contengono guanti monouso e strumenti sterili.

Anche se avete pareti sottili, non state a preoccuparvi di avvertire i vicini di casa: vi avranno già sentito fare l'amore, e stavolta penseranno soltanto che è stata la migliore performance degli ultimi anni.

Cosa molto utile, preparate del cibo: tortelli pronti da scongelare, una torta, una bottiglia per festeggiare.
Al termine della battaglia, i guerrieri si meritano un premio. Un premio che il marito deve essere in grado di somministrare, ecco perché cose pronte da scongelare...

Ecco, magari rassicurate il signore che ritira l'immondizia che se anche vedrà un sacco che in trasparenza lascia intravedere oggetti inquietanti, tipo guanti di lattice o panni sporchi di sangue, non è stato commesso nessun omicidio. Se non è convinto, fategli sentire la voce di vostra moglie dal citofono o fatela affacciare alla finestra. Se proprio non ci crede, ditegli che son già passati quelli del R.I.S., che lo ringraziate molto, ma non c'è alcun bisogno che chiami la polizia.

Dimenticavo, la placenta! Se anche non siete sostenitori della nascita lotus, consiglio di non gettarla via. Anche se sembra aver terminato il mandato di nutrire e proteggere il vostro cucciolo quando era in grembo, in realtà è ancora molto utile: potete sotterrarla in un vaso e restituirla a Madre Natura, vedrete che saprà ricompensarvi (e comunque sarebbe molto più complicato spiegare la presenza di una placenta nel sacco dell'immondizia al suddetto operatore ecologico..)

Credo di aver detto tutto. Per il resto, sappiate che non esistono “visioni romantiche” del parto, la nascita è un atto d'amore e come tale, va fatto con amore.

di Laura Vernaschi

autrice di "Forse le mamme sono supereroi"
Potete contattare Laura su Facebook come: Mamma Laura 

Video

Aggiungi commento


Commenti   

0 # Beatrice 2011-07-04 22:14
@ Dabogirl: i luoghi comuni e le esperienze personali non fanno statistica, se di esperienze personali vogliamo parlare allora potrei dirti che per interventi medici non necessari, in ospedale, per poco accoppavano il mio primo figlio... e che se fossi rimasta a casa lui ed io saremmo stati molto più al sicuro. Ma è solo un'esperienza personale, come la tua.
In realtà, come scrive Mary, il parto in casa per una donna in gravidanza fisiologica è sicuro quanto e più di uno in ospedale, come risulta dagli studi scientifici. Non credo sia saggio farsi un'idea sulla base del sentito dire o della semplice consuetudine.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Beatrice 2011-07-04 22:20
@Fabiola: mi spiace per quello che ti è accaduto, spero tu possa ritrovare presto la tua serenità
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Beatrice 2011-07-04 22:30
Complimenti per l'articolo, Laura!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Paola Chesi 2011-07-06 08:59
Purtroppo quando una persona vive un esperienza negativa tende a generalizzare su tutto. Io ho partorito in casa tutti e due i miei figli, e le mie ostetriche, che erano due nel caso ci fosse stato bisogno di una che si prendesse cura del bimbo, l'altra sarebbe rimasta con me. Come attrezzatura a casa avevano portato prima del parto un'attrezzatura nell'eventualit à servisse per rianimare il bimbo. All'inizio delle contrazioni, come le ho chiamate, hanno allertato il 118 che aveva un'ambulanza disponibile. Le mie ostetriche lavorano in ospedale, e questo non deve mai distare a più di 30 minuti dalla partoriente. Inoltre c'è da dire che se anche fosse successo un'inconvenient e in ospedale, ci vogliono lo stesso 30 minuti per allestire il personale di una sala operatoria, quindi perchè non riflettere su tutte queste cose prima di dire che se si fosse stati all'ospedale tutto sarebbe stato diverso? Io sono certa che non avrei avuto la serenità che ho provato a casa. Ne io ne i miei bimbi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.