Dermatite atopica e le cure termali

Dermatite atopica e le cure termali

La dermatite atopica, la malattia della pelle più diffusa tra i bambini. La miglior cura è l'idratazione.

Un contratto con tuo figlio per usare il cellulare

Un contratto con tuo figlio per usare il cellulare

 Quando le regole sono chiare, aderirvi è più semplice.

Sabato, 02 Ottobre 2010 00:00

Nascita lotus: e se il cordone non venisse tagliato?

lotus birth - nascita lotus lotus birth - nascita lotus www.climatrix.org

In questo articolo un accenno ad un tema che potete approfondire:il Lotus Birth...

Abbiamo raccontato, durante questo mese di settembre 2010, come il taglio del cordone sia uno di quei momenti del parto che va pianificato con cura. Perché le possibilità sono diverse:

  • in molti casi, nelle strutture ospedaliere il personale si affretta a clampare (cioè a pinzare e quindi tagliare) il cordone, abbastanza rapidamente, perché questa operazione consente di separare il bambino dalla madre e avviare tutte quelle procedure di lavaggio, vestizione, pesata e profilassi, che in molti ospedali sono previsti in tempi brevissimi dopo la nascita, spesso mentre la mamma è ancora impegnata nel portare a termine il parto, con il secondamento della placenta (la placenta, attaccata al bambino con il cordone, nasce, in genere, da pochi minuti ad un'ora dopo la nascita del bebè).
  • in alcuni casi i genitori decidono di prelevare il sangue cordonale del bambino per conservarlo e fornirlo alle banche private o pubbliche di conservazione. Questa pratica impone il taglio immediato del cordone, che l'evidenza scientifica ha mostrato non essere la pratica più tutelante per la salute del bebè, a breve e lungo termine. Inoltre il rischio è che tale conservazione non vada a buon fine.

  • in alcuni casi il taglio del cordone ombelicale è un momento dedicato al papà che, attraverso questo gesto, spesso sente di prendere parte attiva nella nascita di suo figlio

  • in tutti i casi, tranne in quello in cui si opta per la conservazione del sangue del cordone, è possibile chiedere a chi assiste al parto che il taglio del cordone avvenga con molta calma, possibilmente dopo che la placenta (l'organo che è legato al bambino attraverso il cordone ombelicale, e che viene espulso dal grembo della madre dopo che il bambino e' nato) è anch'essa venuta alla luce. In questo modo il bambino e la mamma non potranno essere separati da azioni di routine, e verrà rispettato il processo di "bonding", cioè il normale processo ormonale che segue la nascita e che genera il legame affettivo tra madre e figlio.
  • Esiste poi un'ulteriore possibilità: quella di non recidere il cordone ombelicale...

     

     

    Quando il cordone ombelicale viene reciso, rimane un moncone attaccato all'ombelico del bambino, che, nel giro di qualche giorno si secca e cade spontaneamente. Questo processo accade anche se, anzichè esservi un moncone, il cordone e' lasciato intatto.

    Dedicheremo a questo tema della "Nascita Lotus" o Lotus Birth diversi approfondimenti. Iscrivetevi alla newsletter per esserne informati.

     

     

    immagine da Climatrix

    Video

    Aggiungi commento


    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.