Martedì, 22 Ottobre 2013 00:00

Gravidanza oltre il termine: cosa fare? Nancy Wainer

Parto indotto e gravidanza oltre il termine
Vota questo articolo
(1 Vota)

In questa intervista chiediamo a Nancy Wainer cosa sia opportuno fare se la gravidanza va oltre il termine.

Nancy è diventata ostetrica dopo aver cercato e voluto fortemente un VBAC nonostante tutti i medici le dicessero che sarebbe morta.
Ad oggi ha assistito più di 1600 parti extra ospedalieri, moltissimi VBAC
Nancy è autrice di molti libri tra questi Silent Knife, la "Bibbia" del VBAC.

Alla domanda su cosa sia opportuno fare se la gravidanza supera le 40-42 settimane canoniche, Nancy risponde "attendere, attendere, attendere!"

 

Intervista settembre 2012 - Como
Traduzione: Katia Micheletti

Attivate i sottotitoli Youtube in italiano cliccando sull'icona Sottotilo nella parte bassa del video.

Letto 11658 volte

Aggiungi commento


Commenti   

Antonina Giunta
0 # Antonina Giunta 2013-12-27 18:49
Attendere, attendere,atten dere dopo la 42a sett. ? Io ho visto morire bambini in utero per avere atteso troppo. Non comprendo quale beneficio possa avere un nascituro se giunto a termine di gravidanza non si induce il parto. Quando la gravidanza ha superato le 38 settimane il bambino nasce bene, viceversa quando si protrae oltre la 41a settimana può andare incontro a rischi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
bs GenitoriChannel
0 # bs GenitoriChannel 2014-01-16 10:11
Antonina, nel video Nancy risponde alla domanda "cosa dovrebbero fare le donne quando la gravidanza va oltre il termine (oltre le 40 settimane)" non le è stato chiesto cosa fare dopo 42 settimane.
A questo proposito quello che lei dice non è in contrasto con quanto previsto dalle linee guida dell'istituto superiore di sanità che dice:


In caso di gravidanza senza complicazioni prima di 41+0 settimane si raccomanda di attendere l’insorgenza
spontanea del travaglio. Un’induzione prima di 41+0 settimane aumenta il rischio di ricorso
inappropriato al taglio cesareo.

Il momento in cui effettuare l’induzione del parto deve tener conto delle preferenze della donna, dei
risultati dei test di sorveglianza fetale adottati e delle condizioni locali (punteggio di Bishop).

Alle donne che a 42+0 settimane di età gestazionale rifiutano l’induzione al parto deve essere offerto
un monitoraggio appropriato delle condizioni di benessere materno-fetali.

Per maggiori dettagli: pag 77 delle linee guida: snlg-iss.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.