I bambini cresciuti con uno stile di vita antroposofico si ammalano di meno, come mai?

Volete migliorare le difese immunitarie dei bambini e le vostre?

Haiti è teatro di continue tragedie che sembrano abbattersi sull'isola a frequenza costante e che non risparmiano la popolazione già povera e dilaniata da avvenimenti nefasti.

Tutti ricordiamo il terribile terremoto che il 12 gennaio 2010 ha portato morte e distruzione. Tutti sappiamo che da quel momento la situazione già precaria è precipitata. L'epidemia di colera che ne è seguita ha ulteriormente peggiorato le cose. Un terzo della popolazione nazionale è stata colpita dal sisma o dal colera e non è stato neppure possibile calcolare le vittime. Un mese dopo il terremoto, i morti sembravano essere 260.000, secondo stime governative. 

L'apertura delle scuole a settembre segna anche l'apertura della stagione influenzale ma è proprio in questi mesi più freddi che i bambini si ammalano maggiormente. Abbiamo già parlato della funzione della febbre, vediamo invece come alleviare o risolvere gli altri classici sintomi influenzali che spesso ci troviamo ad affrontare con i nostri figli, in maniera naturale. Questi sono "rimedi della nonna", così come si consigliano tra mamme, quindi date loro il valore di una condivisione tra mamme (certamente non di un consulto medico!).

Un'intensa testimonianza di una mamma tigre, come lo sono tante, mamme a cui all'improvviso arriva sopra la testa una secchiata d'acqua fredda e poi una bufera che sembra non finire mai. A lei e alla sua famiglia vanno i nostri più sentiti auguri per il momento difficile che sta passando e ci uniamo al suo pensiero per Martina e per tutti i bambini che proprio in questo momento sono in ospedale anzichè a giocare nelle loro camerette.

***

Agosto era trascorso caldo ma sereno. Le solite zanzare che ci tormentavano, quest’anno meno del solito, dopo aver dotato la nostra piccola ma confortevole casa di zanzariere…poi settembre e’ scivolato via con ancora calde giornate e tanti pomeriggi al parco, e nei weekend a zonzo con mamma e papà.

Poi e’arrivato l’autunno e questa volta faceva sul serio.

Leonardo ha 4 anni e profondi occhi scuri. Ti guarda e sorride. Poi d’un tratto è impenetrabile. E vorresti immaginare i suoi pensieri, i suoi sogni. E’ molto alto, sembra perfino più grande della sua età. Ma a guardarlo giocare da solo, in disparte, ti viene voglia di abbracciarlo, proteggerlo.
Leonardo è affetto da “disturbo dello spettro autistico”.

L’autismo è una malattia complessa e i suoi sintomi possono variare molto da un individuo a un altro. Non a caso si parla di disturbi dello spettro autistico, in quanto si può presentare con diverse sfumature, quasi come i colori che compongono un arcobaleno. 

I parassiti intestinali come ossiuri, tricocefali, ascardidi, spesso sono gli ospiti indesiderati dell’intestino dei bambini anche quelli più piccoli. Ecco alcune informazioni su come si prendono, come curarli e prevenirli con rimedi omeopatici e naturali, trovate per voi.

Cause infestazioni

Le infestazioni da parassiti intestinali sono da attribuire diversi fattori dal consumo di carne mal cotta, alla verdura non lavata accuratamente, dalla presenza di animali domestici non sempre sverminati. In genere nel nostro organismo entrano le uova, o direttamente, dopo essersi insediate sotto le unghie, e poi, ad es., portando le dita alla bocca o al naso, o attraverso il consumo di carne (specie rossa), pesce, latticini (specie di mucca).

Ossiuri e parassiti (vermi intestinali) meno noti possono essere i responsabili di notti insonni e trascorsei con grandi mal di pancia, in particolare dei bambini.

Pubblichiamo l'esperienza di una famiglia che ci tiene a divulgare quanto accaduto a loro, perché non sempre i medici sanno individuare questa come causa di malessere e possono arrivare a sottovalutare i mal di pancia dei bambini. 

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.