Stimolare naturalmente le difese immunitarie per l'inverno

By Settembre 10, 2013

Volete migliorare le difese immunitarie dei bambini e le vostre?

Ecco dei suggerimenti semplici, privi di effetti collaterali, supportati da un'ampia bilbiografia scientifica, ed a costo quasi zero offerti da Isabella: mamma, biologa, consulente nutrizionale.

L'estate volge al termine e sta per ricominciare la scuola: che si tratti di asilo o elementari, per molti genitori questo significa avere nuovamente a che fare con nasi perennemente gocciolanti, tossi che non sembrano mai dare tregua, otiti ricorrenti e naturalmente febbri!
Premettendo che la febbre è la sana e corretta risposta dell'organismo ad un “attacco” e che, pertanto, non va mai repressa o abbassata senza reale bisogno, cosa si può fare per stimolare le difese immunitarie dei nostri figli?

Molto più di quanto si possa pensare. E naturalmente, anche gli adulti possono goderne i benefici!

 

Alimentazione sana: frutta, verdura e ... funghi!

Per prima cosa, sarà ripetitivo, ma la scienza è univoca in questo senso: il consumo in generale di frutta e verdura innalza il livello della risposta anticorpale.

Pertanto assicurarsi almeno 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura risulta essenziale.
Quindi: un minimo di due porzioni di frutta (equivalente a due frutti di medie dimensioni o due manciate di frutti di bosco) e tre di verdura, di cui possibilmente almeno una cruda.

Per i bambini piccoli può essere difficile apprezzare l'insalata e le cruditè, ma non è sempre così e, soprattutto, l'esempio è determinante: non si può obbligare i bambini a mangiare, ma portare sempre in tavola l'insalata e altre verdure e mangiarle di abitudine sarà il modo migliore per insegnare la corretta alimentazione.
Proporre merende a base di frutta ed aperitivi a base di carotine tagliate o pezzetti di pomodoro lasciati a disposizione, può essere un buon modo per variare ed introdurre in maniera dolce i vegetali crudi.

Sempre restando in tema di cibo, vale la pena segnalare quanto è stato scoperto sui funghi: il consumo di funghi aumenta del 50% la risposta del sistema immunitario, grazie all'accelerazione nella secrezione delle immunoglobuline di tipo A (IgA).
Questi sono gli anticorpi deputati alla difesa della pelle e delle mucose: la via d'ingresso per eccellenza di virus e batteri patogeni, basta pensare alla lunghissima ed importantissima mucosa intestinale ed alla mucosa delle vie respiratorie.
Questa aumentata produzione di IgA dura anche più di una settimana, ma poi decresce, quindi per godere di questo specifico beneficio il consumo di funghi deve essere regolare.

Certamente nel caso dei bambini molto piccoli questo consiglio non può essere applicato alla lettera, anche se tutti i pediatri favorevoli alla alimentazione complementare o autosvezzamento ormai non consigliano più di aspettare i 3 anni per introdurre i primi funghi.

Personalmente per entrambi i miei figli ho introdotti i funghi a partire dal secondo anno di vita e anche prima, in quantità veramente piccole (per esempio fornendo un risotto ai funghi, ma evitando di dare anche i pezzi di fungo).
L'importante è ovviamente evitare funghi raccolti da sé di cui non si abbia certezza più che assoluta ed affidarsi a specie sicure, come il classico champignon o porcino. Ben cotti, ma senza l'utilizzo di cotture pesanti come la frittura.

 

Il sistema immunitario nell'intestino: probiotici, fibre e molta acqua

Sembra che anche l'utilizzo di probiotici aiuti a ridurre l'incidenza e la gravità di malattie da raffreddamento, otiti e influenze: esistono dati sperimentali convincenti sull'efficacia protettiva del Lactobacillus rhamnosus e Bifidocbacterium lactis.

I probiotici si possono assumere attraverso prodotti fermentati come kefir e yogurt o, in caso di necessità, con integratori ad hoc.

Ricordo però che a poco serve la probiotica se non si garantisce ai fermenti amici il giusto cibo ed un clima accogliente a livello intestinale.
Ci si gira attorno, ma si torna sempre allo stesso punto: è sano un intestino che assume adeguate quantità di fibra, mangiando regolarmente frutta e verdura, legumi (ricchissimi di fibre prebiotiche) e cereali integrali (con qualche accortezza nell'evitare l'eccesso di fibra solo nel caso dei bambini più piccoli).

Ed è bene ricordare che una buona e decisiva fetta del nostro complesso "sistema immunitario" risiede proprio nell'intestino, e dipende dalla sua salute.

Anche la semplice acqua viene in nostro aiuto: la corretta idratazione è essenziale per sfruttare al massimo l'effetto benefico delle fibre e favorire la salute intestinale.

Ma non solo: alcuni studi hanno dimostrato come livelli sub-ottimali di idratazione siano da soli capaci di limitare la performance cognitiva nei bambini. E faccio presente che per idratare serve proprio bere acqua, non succhi di frutta o peggio tè.

Quindi occhio a che i bimbi abbiano sempre a disposizione acqua fresca e non si scordino di bere, presi nelle loro attività quotidiane.

 

La relazione tra latticini ed eccesso di muco

Non dobbiamo scordare l'effetto negativo, soprattutto per le patologie respiratorie, dell'eccesso di latticini.

I latticini, oltre ad essere poco digeribili o addirittura non tollerati per un gran numero di persone - bambini compresi - possono causare, sempre agendo sull'intestino, una produzione eccessiva di muco, peggiorando lo stato di tossi e raffreddori.

Non bisogna avere paura per l'introito di calcio, ampiamente rappresentato nel mondo vegetale, e cercare di ridurre il più possibile l'apporto di latticini, soprattutto se i bambini sono soggetti a malattie legate all'iperproduzione di muco (otiti, sinusiti ..) in modo ricorrente.

 

Pratiche di prevenzione quotidiana: acqua e sale, esposizione solare, sonno

Come piccola, ma efficace, pratica di igiene quotidiana, si può ricordare il gargarismo con acqua tiepida e sale, che risulta in grado di ridurre del 36% il rischio di affezioni delle prime vie respiratorie e della gola e a costo zero!

La stessa soluzione, per i bambini più grandicelli, può essere impiegata per la sana abitudine del lavaggio nasale, impareggiabile nella prevenzione dei problemi legati all'eccesso di catarro e muco, quali le tanto dolorose otiti.

Anche se l'estate è appena finita, cerchiamo di continuare a far prendere ai nostri figli un po' di sole regolarmente e per tutto l'anno: il gioco all'aria aperta è importante anche per questo!
Un livello adeguato di vitamina D è essenziale per la corretta risposta immunitaria, e questo sembra essere uno dei motivi per cui le influenze più debilitanti sono quelle che giungono verso la fine dell'inverno, piuttosto che in autunno. 

Sarebbe importante essere il più possibile costanti ed esporsi al sole almeno mezz'ora tutti i giorni.

Infine, a letto!
È dimostrato che chi si riposa a sufficienza ha circa 3-5 volte più possibilità di sconfiggere un virus influenzale impedendogli di attecchire e... costringerci a letto!
Cercate di garantire a voi ed ai bambini ritmi sani di attività e riposo.

 

di Isabella Siciliano
www.naturalmentemangiando.it
cottoalvapore.blogspot.it
Pagina facebook

Immagine: peasap on Flickr

Bibliografia:

Nutrition. 2012 May;28(5):527-31. doi: 10.1016/j.nut.2011.08.005. Epub 2011 Nov 23.
Dietary intake of Agaricus bisporus white button mushroom accelerates salivary immunoglobulin A secretion in healthy volunteers.
Jeong SC, Koyyalamudi SR, Pang G.

Am J Clin Nutr. 2012 Dec;96(6):1429-36. doi: 10.3945/ajcn.112.039057. Epub 2012 Nov 7.
Effect of fruit and vegetable consumption on immune function in older people: a randomized controlled trial.
Gibson A, Edgar JD, Neville CE, Gilchrist SE, McKinley MC, Patterson CC, Young IS, Woodside JV.

Arch Intern Med. 2009 January 12; 169(1): 62–67.
Sleep Habits and Susceptibility to the Common Cold
Sheldon Cohen, PhD, William J. Doyle, PhD, Cuneyt M. Alper, MD, Denise Janicki-Deverts, PhD, and Ronald B. Turner, MD

J Am Coll Nutr. 2001 Apr;20(2 Suppl):149-56.
Systemic immunity-enhancing effects in healthy subjects following dietary consumption of the lactic acid bacterium Lactobacillus rhamnosus HN001.
Sheih YH, Chiang BL, Wang LH, Liao CK, Gill HS.

Am J Clin Nutr. 2001 Dec;74(6):833-9.
Enhancement of immunity in the elderly by dietary supplementation with the probiotic Bifidobacterium lactis HN019.
Gill HS, Rutherfurd KJ, Cross ML, Gopal PK.

Am J Prev Med. 2005 Nov;29(4):302-7.
Prevention of upper respiratory tract infections by gargling: a randomized trial.
Satomura K, Kitamura T, Kawamura T, Shimbo T, Watanabe M, Kamei M, Takano Y, Tamakoshi A; Great Cold Investigators-I.

Appetite. 2009 Jun;52(3):776-9. doi: 10.1016/j.appet.2009.02.010. Epub 2009 Mar 5.
Should children drink more water?: the effects of drinking water on cognition in children.
Edmonds CJ, Burford D.

Ample evidence exists from human studies that vitamin D reduces the risk of selected bacterial and viral infections

 Exp Biol Med (Maywood) December 2010 235: 1395-1396,

Epidemiol Infect. 2006 December; 134(6): 1129–1140.
Epidemic influenza and vitamin D
J. J. CANNELL,1,* R. VIETH,2 J. C. UMHAU,3 M. F. HOLICK,4 W. B. GRANT,5 S. MADRONICH,6 C. F. GARLAND,7 and E. GIOVANNUCCI8

Med Hypotheses. 2010 Apr;74(4):732-4.  
Does milk increase mucus production?
Bartley J, McGlashan SR.

Articoli correlati (da tag)

  • Rafforzare il sistema immunitario con Olivello Spinoso e Prugnolo Rafforzare il sistema immunitario con Olivello Spinoso e Prugnolo

    Alcune piante possono rafforzare il sistema immunitario, aiutare i bambini a scuola, nello sport e a superare gli stress.

  • I bambini "steineriani" si ammalano di meno I bambini "steineriani" si ammalano di meno

    I bambini cresciuti con uno stile di vita antroposofico si ammalano di meno, come mai?

  • Haiti, un Paese da non dimenticare Haiti, un Paese da non dimenticare

    Haiti è teatro di continue tragedie che sembrano abbattersi sull'isola a frequenza costante e che non risparmiano la popolazione già povera e dilaniata da avvenimenti nefasti.

    Tutti ricordiamo il terribile terremoto che il 12 gennaio 2010 ha portato morte e distruzione. Tutti sappiamo che da quel momento la situazione già precaria è precipitata. L'epidemia di colera che ne è seguita ha ulteriormente peggiorato le cose. Un terzo della popolazione nazionale è stata colpita dal sisma o dal colera e non è stato neppure possibile calcolare le vittime. Un mese dopo il terremoto, i morti sembravano essere 260.000, secondo stime governative. 

  • Rimedi naturali per l'influenza nei bambini Rimedi naturali per l'influenza nei bambini

    L'apertura delle scuole a settembre segna anche l'apertura della stagione influenzale ma è proprio in questi mesi più freddi che i bambini si ammalano maggiormente. Abbiamo già parlato della funzione della febbre, vediamo invece come alleviare o risolvere gli altri classici sintomi influenzali che spesso ci troviamo ad affrontare con i nostri figli, in maniera naturale. Questi sono "rimedi della nonna", così come si consigliano tra mamme, quindi date loro il valore di una condivisione tra mamme (certamente non di un consulto medico!).

  • Le ferite da quel giorno in poi Le ferite da quel giorno in poi

    Un'intensa testimonianza di una mamma tigre, come lo sono tante, mamme a cui all'improvviso arriva sopra la testa una secchiata d'acqua fredda e poi una bufera che sembra non finire mai. A lei e alla sua famiglia vanno i nostri più sentiti auguri per il momento difficile che sta passando e ci uniamo al suo pensiero per Martina e per tutti i bambini che proprio in questo momento sono in ospedale anzichè a giocare nelle loro camerette.

    ***

    Agosto era trascorso caldo ma sereno. Le solite zanzare che ci tormentavano, quest’anno meno del solito, dopo aver dotato la nostra piccola ma confortevole casa di zanzariere…poi settembre e’ scivolato via con ancora calde giornate e tanti pomeriggi al parco, e nei weekend a zonzo con mamma e papà.

    Poi e’arrivato l’autunno e questa volta faceva sul serio.

Aggiungi commento


Commenti   

maria
0 # maria 2014-05-29 10:11
C'è da dire che alle volte non è sempre facile reperire nel cibo tutte le sostanze per difendere le difese immunitarie...a lle volte è necessario prendere degli integratori anche qualcosa di non invasivo come gli integratori metabolomici, perchè altrimenti purtroppo l'alimentazione non basta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Iscriviti alla newsletter

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.