Lunedì, 13 Dicembre 2010 00:00

Il paracetamolo ai bimbi aumenta il rischio di asma e allergie

By

In famiglia non c'è mai stato nessuno allergico o asmatico, finché quest'anno scopriamo, a causa di 2 gravi episodi in cui la bimba non riusciva a respirare, che mia figlia di 8 anni è allergica ad acari, muffe e alcune piante..... Cose che ci appaiono lontane improvvisamente possono diventare molto vicine.

La vita che conduciamo (almeno i più fra noi), nella ricetta "poca natura e tanta modernità", porta il nostro corpo a reagire in modi inaspettati, i farmaci spesso fanno parte del quadro.

Uno studio neozelandese sul paracetamolo afferma che, somministrato al di sotto dei 15 mesi di vita triplica le probabilità che i bimbi diventino sensibili agli allergeni e sviluppino forme asmatiche verso i 6 anni...

Stiamo parlando della tachipirina, per dirla con un nome che tutti conoscono, il classico farmaco che molte mamme usano come l'acqua alle prime linee di febbre (corroborate dal consiglio dei pediatri).

Veniamo a sapere che asma e allergie potrebbero dipendere anche dall'assunzione di paracetamolo nei primi mesi di vita; ecco una lezione che spesso si dimentica: lasciare che il corpo faccia il suo mestiere e si difenda, aiutandolo con una buona alimentazione, e uno stile di vita sano, e usare i farmaci davvero come ultima spiaggia estrema, perche' anche la cosa più innocua puo' non rivelarsi tale.

Sotto troverete informazioni sullo studio e sulle diverse correlazioni del disturbo alle diverse dosi, intantoi vi proponiamo un video su come comportarsi con la febbre dei bambini:

Come funziona la febbre nei bambini e cosa fare

{youtube}anKFVGAT7nk{/youtube}

 

Quanto paracetamolo può generare allergie e asma?

Secondo gli studiosi, dunque, l'utilizzo di farmaci a base di paracetamolo nei primi 15 mesi di vita, triplica le probabilità di diventare sensibili agli allergeni e raddoppia le possibilità di sviluppare sintomi dell'asma intorno ai sei anni.

Nel 2008 già uno studio sul Lancet arrivava ad analoghe conclusioni, e correlava il rischio alle quantità di paracetamolo utilizzata.

Un uso moderato, cioè una volta o più all'anno, comporterebbe un rischio più contenuto: 1,55 per l'asma, 1,37 per le rinocongiuntiviti e 1,26 per l'eczema. L'uso più frequente, invece, cioè una volta o più al mese, determinava un rischio molto più alto: triplicava nei primi due disturbi e raddoppiava per l'eczema.

In che farmaci si trova il paracetamolo?

Il paracetamolo si usa tantissimo nei bimbi, non solo come antipiretico per la febbre sopra i 38 gradi, ma anche, e soprattutto, come antidolorifico e antinfiammatorio. "Il problema - dice Crane, uno degli studiosi - è che questo principio attivo è presente in molti farmaci per la cura del raffreddore e della tosse, e viene somministrato molto liberamente ai bambini piccoli".

Il principio attivo è infatti alla base di moltissimi farmaci (circa 120), generici o di noti marchi. Tra i tanti lo contengono anche prodotti come: Tachipirina, Efferalgan, Zerinol, Tachifludec, Vicks medinait sciroppo, Neocibalgina, Buscopan e Actigrip, solo per citare i più conosciuti.

Come è stata condotta la ricerca?

Si tratta di una ricerca neozelandese condotta dalla Otago University di Wellington (Nz), pubblicata su Clinical and Experimental Allergy 1.

Per verificare gli effetti del farmaco sulla salute dei più piccoli, l'equipe coordinata da Julian Crane ha preso in esame quasi 1.500 bambini. Il campione è stato seguito per anni con uno studio prospettico; in questo modo i ricercatori hanno potuto indagare l'associazione tra consumo di paracetamolo nei primi mesi di vita e il rischio di sviluppare l'asma in età scolare. Per farlo hanno reclutato, tra il 1997 e il 2001, 1.105 donne in gravidanza in due centri della Nuova Zelanda, Christchurch e Wellington.

Una volta nati, i loro figli sono stati controllati a tre mesi, a 15 mesi ed a sei anni di età.

Le mamme, di volta in volta, compilavano questionari in cui rispondevano a domande sul consumo di paracetamolo e sulla prevalenza dei sintomi dell'allergia quali respiro sibilante, febbre da fieno, rinite ed eczemi, asma ed eruzioni cutanee. Quando i bambini hanno compiuto sei anni, i ricercatori li hanno sottoposti a test cutaneo per valutare la loro sensibilità ad alcuni dei principali allergeni locali: erba di segale, latte di vacca, peli di gatto e cane e crine di cavallo. Hanno raccolto dei campioni di sangue e hanno analizzato la presenza degli anticorpi IgE, quelli che aumentano in presenza di allergia.

"La scoperta principale  -  dice Julian Crane, autore dello studio - è che i bambini che a cui è stato somministrato il paracetamolo prima di aver compiuto 15 mesi hanno il triplo di probabilità in più di diventare sensibili agli allergeni e il doppio di probabilità in più di sviluppare a sei anni sintomi come asma e respiro sibilante".

Paracetamolo già sotto accusa già nel 2008

Non è la prima volta che studi clinici puntano il dito contro la somministrazione del paracetamolo nei bambini piccoli. Già nel 2008, su Lancet si consigliava di moderarne l'uso durante i primi anni di vita, proprio perché aumentava il rischio di asma (rischio relativo 1,76), ma anche di rinocongiuntiviti (rischio relativo 1,78) e, in misura minore, di eczema (rischio relativo 1,54).

I ricercatori in quello studio retrospettivo avevano valutato 200mila bambini di 31 Paesi tra i sei e i sette anni. L'effetto era dose-dipendente. Un uso moderato, cioè una volta o più all'anno, comportava un rischio tutto sommato contenuto: 1,55 per l'asma, 1,37 per le rinocongiuntiviti e 1,26 per l'eczema. L'uso più frequente, invece, cioè una volta o più al mese, determinava un rischio molto più alto: triplicava nei primi due disturbi e raddoppiava per l'eczema.

 

immagine da: tuttomamma.com

 

Articoli correlati (da tag)

  • L'asma nei bambini e le cure in alta quota L'asma nei bambini e le cure in alta quota

    Curare l'asma dei bambini sulle Dolomiti, una modalità accessibile a tutti.

  • La febbre: che funzione ha e come agisce La febbre: che funzione ha e come agisce

    La febbre è un sintomo frequente nei bambini e non indica la presenza di una malattia grave a meno che non sia associata a mutamenti nell'aspetto o nel comportamento o a sintomi significativi come la perdita di conoscenza e la difficoltà respiratoria.
    Il grado febbrile raggiunto non è la spia della gravità dello stato di salute. È la naturale difesa dell'organismo contro le infezioni ed è preferibile lasciarle fare il suo corso, senza interferire con farmaci o altri trattamenti volti ad abbassarla.
    Importante saper riconoscere i sintomi ad essa associati e soprattutto portare particolare attenzione nel caso di neonati, bambini che possono aver assunto sostanze velenose o avuto un'insolazione, nel caso di convulsioni, svogliatezza e disagio prolungato più giorni.

    Fonte 'Bambini Sani, senza medicinali- Guida ai disturbi del bambino per difenderlo dall'abuso di farmaci e stabilire quando è necessario ricorrere al medico' di Rober S. Mendelsohn, Ed. RED

    Le informazioni qui riportate non sostituiscono in alcuna misura il consulto medico.

    Illustrazioni: Michela Salotti
    Riprese e Montaggio: Roberto e Michela Benassi
    Produzione: GenitoriChannel2009
    Ideazione format: Genitori Channel e Michele Michelazzo.
    Musiche: Sergio Motolese

     

  • Omeopatia: Eupatorium e febbre Omeopatia: Eupatorium e febbre
    Il martedì dell'omeopatia in collaborazione con Farmacia Serra di Genova.

    l rimedio di oggi fa parte della famiglia delle Compositae ed e' chiamato anche Canapa acquatica dagli Anglosassoni Boneset cioe' che calma le ossa.

  • Omeopatia: Febbre e Gelsemium Omeopatia: Febbre e Gelsemium
    Il martedì dell'omeopatia, in collaborazione con Farmacia Serra di Genova.

    Il rimedio di oggi, Gelsemium, e' estratto dal Gelsomino selvaggio un arbusto della famiglia delle Loganiacee. Si tratta di una pianta estremamente velenosa,  in particolare lo sono radici e corteccia. Anche in questa pianta, come in Belladonna, sono contenuti degli alcaloidi in particolare gelsemina, gelsemicina e sempervirina. Vedremo su quali sintomi di febbre con malessere potremmo usare Gelsemium.

  • Omeopatia: Febbre e Belladonna Omeopatia: Febbre e Belladonna
    Il martedì dell'omeopatia

    in collaborazione con Farmacia Serra di Genova.

    Il rimedio di oggi proviene dall'Atropa Belladonna una pianta delle Solanacee che contiene due tra gli alcaloidi piu' conosciuti: iosciamina e atropina. Vedremo su quali sintomi di febbre con malessere potremmo usare Belladonna.

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.