Rientro a scuola con l'aiuto dei fiori!

L'aiuto della floriterapia per il rientro a scuola.

 A settembre ricomincia la scuola e - se per alcuni sara’ facile reinserirsi nel percorso scolastico - c’è chi dovra’ faticare un po’ di più per ritrovare i ritmi o chi addirittura dovra’ affrontare per la prima volta questo passaggio.

In ogni caso l’inizio della scuola rappresenta per i nostri bambini una tappa importante, che può essere a volte vissuta con difficoltà.  La floriterapia può rappresentare un valido aiuto in una situazione come questa, perché è un ottimo rimedio per gestire le emozioni come l’ansia, la paura o le insicurezze che possono emergere in questo particolare momento della vita dei piccoli. 

Con la sua azione dolce e graduale la floriterapia ha il vantaggio di poter essere usata da TUTTI. Non ha un effetto biochimico sull'organismo, è priva di effetti collaterali e non ha controindicazioni di alcun tipo.

Quali fiori

Scoperta dal medico inglese Edward Bach, che mise a punto i 38 rimedi floreali chiamati  “Fiori di Bach”, lo scopo della floriterapia è quello di riequilibrare le emozioni negative aiutando la persona a gestire le proprie emozioni e a trovare una risposta più armonica ed efficace alle situazioni che sta attraversando.

Basandosi sempre sul metodo del Dottor Bach furono creati in seguito altri rimedi floreali con fiori provenienti da varie parti del mondo, come la California o l’Australia, che sono  molto diffusi da noi e utilizzati da diversi floriterapeuti.  I bambini in particolare rispondono molto bene alla floriterapia e un miglioramento si può già vedere nel giro di breve tempo.

La scelta dei fiori è sempre personale e si consiglia la preparazione di una miscela fatta “su misura”.

Infatti, non è detto che due bambini che presentano disturbi simili abbiano bisogno dello stesso fiore. La floriterapia non cura il “sintomo” ma la persona nella sua unicità. Proprio per  questo motivo è sempre meglio rivolgersi ad un floriterapeuta esperto, in grado di individuare i  fiori  che possono essere i più indicati per entrare in risonanza con l’individuo e il suo stato d’animo. Con il “fai da te” si rischia di scegliere fiori non adatti alla persona e - di conseguenza - di non ottenere l’effetto desiderato.

Walnut e Bottlebrush - affrontare più serenamente il cambiamento

La  scuola è spesso il primo grosso cambiamento che un bambino affronta nella vita. 
Possiamo prendere in considerazione alcune situazioni tipo, nelle quali i fiori possono essere un ottimo alleato per il benessere psicofisico dei piccoli. Gli esempi che seguono servono solo come indicazioni di massima, ma ricordiamo ancora che ogni caso deve essere valutato nella sua specificità.

Una delle prime difficoltà che potrà riscontrare il bambino è indubbiamente legata alla necessità di adattarsi alle novità (prima volta a scuola, è cambiata la maestra, non trova più il compagno dell’anno scorso).

Per agevolare questo passaggio e aiutarlo a non sentirsi disorientato di fronte al cambiamento uno dei primi fiori da considerare è sicuramente  Walnut (Bach). Questo fiore, che è uno dei più importanti del sistema Bach, accompagna e sostiene in tutte le situazioni di cambiamento. La sua azione è simile a quella del fiore australiano di Bottlebrush (Bush Australiano). Entrambi i fiori possono aiutare il bambino ad accogliere e aprirsi alle nuove esperienze e situazioni

 

Honeysuckle - per sostenerlo nella nostalgia

Se invece il bambino ha difficoltà perché il problema è più legato alla nostalgia di casa e paragona costantemente la sua situazione attuale con la precedente si può consigliare il fiore Honeysuckle (Fiori di Bach), che gli dara’ la fiducia necessaria per vivere il momento presente senza “rimpianti”. 

Mimulus e Pink Monkeyflower - per aiutare in caso di paure specifiche e timidezza

Nel caso di paure concrete (paura della maestra, dei compagni di scuola) e timidezza (non osa parlare in classe) i fiori di Mimulus (Bach) e di Pink Monkeyflower (Californiano) lo potranno probabilmente aiutare ad inserirsi meglio nel contesto scolastico, a  superare le sue paure e affrontare l’anno con coraggio

Aspen, St John's Wort, Crowea - per dare serenità ad un bimbo intimorito

Al contrario, se la paura e l’ansia non hanno un perché concreto, ma sono di origine vaga e il bambino è turbato (per esempio ha il sonno disturbato o agitato) Aspen (Bach) o St John’s Wort (Californiano) possono essere un buon ausilio per tranquillizzarlo e  rasserenare le sue notti. Non è raro constatare che con il riequilibro emotivo ottenuto con i fiori scompaiono tipici disturbi psicosomatici, quali disturbi del sonno o affaticamento da tensione. Il fiore australiano di Crowea (Bush Australiano), per esempio, è uno dei fiori che si inserisce spesso nelle miscele floreali,  in quanto è in grado di dare un’intensa sensazione di benessere e quiete.

Red Chesnut - per la paura che mamma non torni

Red Chesnut (Bach) si dimostra invece molto utile nei casi dei bambini che vanno a scuola per la prima volta e che sono preoccupati per paura che non arrivi la mamma a prenderli.

Hornbeam - per chi non vuol tornare a scuola

E per quelli più grandicelli, che non vogliono ritornare  a scuola per mancanza di motivazione verso la ripresa della solita routine,  Hornbeam (Bach) dara’ loro un aiuto per  ritrovare lo slancio e il giusto equilibrio dei ritmi della quoditianità.

Larch, Buttercup - per chi pensa di non essere abbastanza bravo

Superato il primo impatto e le novità non dimentichiamoci che  cominciare o ricominciare la scuola significa anche studio e compiti. Per la paura di non farcela e la mancanza di autostima e fiducia in sé stessi potremo fare ricorso a Larch (Bach) o a Buttercup (Californiano). Questi due fiori aiutano a apprezzare il proprio valore e le proprie qualità.  

Clemantis, Paw Paw, Madia, Shatsa Daisy, Trumpet Wine - per rendere al meglio

Invece quando il problema è più legato alla concentrazione e all’assimiliazione di nuove nozioni o piccoli problemi di memoria, ci possono venire in aiuto Clemantis (Bach), Paw Paw (Bush australiano), Madia (Californiano) e  Shatsa Daisy (Californiano), così come Trumpet Wine (Californiano) se si ha difficoltà a parlare in pubblico.

Rescue e Emergency - per lo stress "acuto"

Lo stress in generale generato dal rientro a scuola si può gestire molto bene con la formula “Rescue” dei fiori di Bach o “Emergency” dei fiori australiani. Entrambe le formule aiutano a liberarsi dalle tensioni interne permettendo così al bambino di sentirsi meglio e a proprio agio all’interno di questa nuova esperienza.

La floriterapia si dimostra ancora una volta efficace aiutando i nostri figli a sviluppare le proprie risorse positive ed offrendoci l’opportunità di affrontare l’inizio dell’anno con maggiore tranquilità e serenità anche per noi genitori.

di Stéphanie Tolò

Imagine: Sebastien Wiertz su flikr

Stéphanie Tolò

esperta di floriterapia presso 
Sale e Balocchi  di Anna e Liliana
Grotta di sale e Centro Olistico
Halotrattamenti, corsi di yoga per adulti e bambini, meditazione, laboratori creativi per bambini e molto altro.
via Soperga 39, Milano
tel 02 26824370
info@saleebalocchi.it

www.saleebalocchi.it/

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.