Giovedì, 05 Agosto 2010 00:00

Tecnologia 3D e strabismo per i bimbi

By

 

Dopo l'avventura divertente ma con mal di testa accessorio di una serata al cinema in 3D con i bimbi, abbiamo recuperato un articolo di Zeus News, proposto qualche tempo fa sulla nostra pagina di Face Book, sugli effetti del 3D sui bambini, ci sembrava interessante riproporre i temi dell'articolo anche ai lettori del nostro TigGiCì.

Il 3D sembra sempre più chiaramente essere la nuova frontiera dell'intrattenimento multimediale, laddove non sia addirittura soppiantato dal 4D. Il 3D è la modalità con la quale chi guarda ha la sensazione di vedere le cose non sullo schermo piatto del cinema, ma come se avessero 3 dimensioni, un po' come l'effetto degli ologrammi. E' davvero suggestivo, perchè la sensazione di realtà ne guadagna davvero.

Per ottenere l'effetto 3D occorre indossare speciali occhialetti. 30 anni fa erano quelli di cartone, fastidiosi, con una lente rossa e una verde, oggi sembrano dei vecchi ray ban anni '80, con una lente fumè. Se li indossi per vedere immagini non 3D vedi un'effetto sfarfallio tremendamente fastidioso, mentre se guardi le immagini 3D è sorprendente.

Quando togli l'occhiale 3D, il film in 3D appare come se vi fossero 2 stampe di colore mal sovrapposte, e il film è ingodibile. Ma ora questa tecnologia sta prendendo piede alla grande, tanto che si parla già di video in 3D anche per il web su You Tube.

 

Secondo Zeus News c'è tuttavia un serio rischio nella godibilità del 3D, un rischio emerso già quasi vent'anni fa, tenuto nascosto e infine dimenticato fino a oggi.

Le aziende, in fondo, lo sanno: Nintendo, per esempio, avverte che sarebbe pericoloso permettere a bambini al di sotto dei 7 anni di giocare con la nuova console portatile 3DS.

L'età indicata dall'azienda giapponese non è stata scelta a caso: è proprio intorno ai sette anni che lo sviluppo della visione si considera generalmente concluso, e i bambini hanno acquisito una perfetta padronanza della visione stereoscopica, che ci permette di percepire la profondità.

Infatti, un tempo si pensava che fosse inutile intervenire per correggere lo strabismo (l'incorretto allineamento degli occhi) su persone al di sopra dei sette anni; bambini, cioè, che ormai avevano concluso lo sviluppo di quella particolare parte del loro corpo.

Oggi si sa che ciò non è vero e che, seppure a fatica, è possibile correggere lo strabismo anche se l'età è più avanzata, perché il sistema nervoso resta in grado di imparare e reimparare, se sottoposto a una sorta di "allenamento" speciale.

Tutto ciò pone tuttavia un problema proprio legato alle tecnologie 3D. Il sistema per mostrare le immagini tridimensionali si basa infatti proprio sull'idea di mostrare agli occhi due immagini leggermente diverse, un po'come se la persona che guarda fosse strabica; potremmo quasi parlare di uno strabismo temporaneo artificialmente indotto.

Ma se il sistema nervoso può con l'allenamento adatto imparare a comportarsi bene - e infatti è possibile correggere l'allineamento degli occhi - non può forse succedere che sappia imparare anche a comportarsi male? In altre parole: è possibile che l'uso eccessivo del 3D porti gli occhi a perdere almeno in parte il loro allineamento, creando dunque problemi alla visione stereoscopica?

La risposta a queste domande pare essere affermativa. Già ora ci sono spettatori che affermano di avere difficoltà nel percepire lo spazio intorno a loro per alcuni minuti dopo aver visto un film in 3D.

Inoltre, ora finalmente si sa perché i dispositivi per la realtà virtuale tridimensionale (casco, guanti) in voga negli anni '90 non sono mai arrivati davvero sul mercato: le ricerche condotte allora già mostravano gli effetti negativi sulla vista dell'esposizione prolungata alle tecnologie 3D.

Ciò è testimoniato da Mark Pesce, che al tempo lavorava per la Sega proprio al progetto di realtà virtuale 3D dell'azienda giapponese. Gli studi condotti interpellando anche lo Stanford Research Institute di Palo Alto, in California, ebbero risultati chiari: sarebbe stato pericoloso l'uso di quei dispositivi da parte dei bambini.

Così il progetto di realtà virtuale morì, ma ora la tecnologia 3D sta prendendo piede. E non sembra più che solo i bambini siano a rischio, ma anche gli adulti.

Guardare uno o due film tridimensionali al mese probabilmente non crea nessun problema alla salute, a parte il breve disorientamento immediatamente successivo: ma che potrebbe succedere con le TV 3D o le console in ogni casa, accese per molte ore al giorno? I rischi sono reali.

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


© 2018 Your Company. All Rights Reserved. Designed By Tripples

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.