La coda della cometa e il bimbo che volò con lei

"Non è una storia di Natale, nonostante il titolo, ma vale la pena di essere raccontata e spero abbiate voglia di ascoltarla.
Un legame col Natale però ce l'ha: prima di quella che per me è la festa più bella dell'anno ho incontrato per la prima volta gli occhi di una donna, di una mamma come me. Erano due occhi grandi e pieni di speranza e stavano dietro ad un tavolo bianco, coperto di pupazzi in vendita per una raccolta fondi.
Non la conoscevo eppure conoscevo la sua storia, ma solo perchè la sua vita privata era diventata anche cronaca poco più di un anno prima e io non avevo potuto dimenticarla.

L'ho contattata, senza conoscerla e l'ho invitata a parlare di quello a cui stava lavorando durante la presentazione del mio libro: sono cadute molte lacrime, l'emozione ci ha intrecciato lo stomaco e io l'ho abbracciata stretta, finalmente.
Lei è una mamma come me, solo che io fissavo il mio erede negli occhioni castani mentre parlavo del mio libro e lei ne teneva in mano una copia pensando ad un paio di occhioni castani che non poteva più guardare.

Il suo Giuseppe è scivolato sulla coda di una cometa che gli è spuntata dentro.
Mi hanno chiesto di raccontare la sua storia e io ho avuto un peso sul cuore fino a quando non mi sono svegliata con un pensiero e una favola da scrivere.
E' così che è nata “La cometa nel cuore”, uscita dalla mia penna e lasciata come un dono piccolo nelle mani di Silvia, la mamma di Giuseppe, perchè questa favola ne scriva un'altra: quella che soffia su una speranza di vita, come su un fuoco che scalda il mondo. Sì, perchè quando muore un bambino è il mondo intero che perde una goccia del suo splendore, mentre la sua mamma perde la metà del suo respiro e accelera il battito del proprio cuore perchè continui a battere anche per lui."

Giuseppe è una stella che brilla in cielo, ma che continua a brillare ogni giorno nel cuore di chi ne ha visto il sorriso, anche solo per una volta. Il 30 Marzo 2009 Giuseppe si è attaccato alla coda della cometa che lo ha portato via, senza che ci abbandonasse mai davvero. Nel 2011 Monia Scarpelli, mamma e scrittrice per passione, ma soprattutto amica di Giuseppe e di Silvia, la donna meravigliosa che lo ha dato alla luce, riscrive la sua storia, fantastica come una fiaba e realisticamente densa di emozioni come solo una favola per bambini può essere.

Questo piccolo libro, arricchito dalle illustrazioni di Francesca Restivo, aiuta e sostiene la Fondazione Giuseppe Tomasello nella ricerca sulle malattie mitocondriali, lasciando un messaggio di grande speranza e provando a darne ai tanti bambini che stanno lottando con questo nemico poco conosciuto.

 

La cometa nel cuore - giuseppe tomaselli

Il libro può essere acquistato per sostenere l'Associazione.

 L'offerta base per ogni copia del libro è di € 10,00 e il ricavato sarà interamente versato alla Fondazione Giuseppe Tomasello Onlus per la realizzazione dei tanti progetti in corso.

L'ordine deve essere inviato all'email: 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
specificando il numero di copie richiesto e i contatti di chi effettua l'ordine (nome, indirizzo di spedizione, contatto telefonico)

 

Messaggio di Monia:
Non amo la pubblicità e il mio nome non è così significativo da smuovere le masse, ma ho scritto questa fiaba perchè fosse letta, soprattutto perchè comprando questo libro piccolo, bianco e pieno di amore – oltre che delle splendide illustrazioni di un'altra mamma speciale – ci sia una speranza nuova che brilli nella vita di un bambino affetto da una cometa di cui non si conosce ancora il nome. Grazie a chiunque vorrà leggerla, comprarla, diffondere questo messaggio.

http://www.facebook.com/pages/La-cometa-nel-cuore/299183553453933

di Monia Scarpelli, blogger e autrice di “Mani di vaniglia: nascita di una mamma in 40 settimane

Articoli correlati (da tag)

  • Bambini e Malformazioni Ano-Rettali Bambini e Malformazioni Ano-Rettali

    Cos'è la malformazione ano-rettale, il sostegno e l'opera dell'AIMAR.

  • Istruzioni di una mamma al suo bimbo: "ecco come sono" Istruzioni di una mamma al suo bimbo: "ecco come sono"

    Caro il mio uccellino – passerotto è quello che mi viene più spesso di citare e non per il classico di Baglioni, ma perchè era uno dei nomignoli con cui il babbo chiamava me da piccola – che sta imparando a zampettare e che volerà presto per il mondo...
    Ho iniziatoa scrivere questa lettera un milione di volte. Ne avevo già scritta una, prima che tu nascessi, ma adesso che sei qui, che vedo ogni giorno le tue piume spuntare e le tue ali sgranchirsi per quello che sarà il tuo volo, è più difficile trovare le parole, più complicato essere obiettiva.

  • Manuale di istruzioni per mamme - parte 1: 5 cose Manuale di istruzioni per mamme - parte 1: 5 cose

    State pensando ad un manuale d'istruzioni, al famoso libricino che si trova dentro alle scatole dei frullatori e dei cellulari (in quest'ultimo caso, alti più o meno come il Devoto Oli) ? No, niente di tutto ciò, anche perchè non esiste un manuale d'istruzioni per mamme (non è un caso che non venga fuori assieme alla placenta).

    Quello di cui voglio parlare è un elenco, senza alcuna pretesa che sia plausibile per tutte noi né tantomeno completo, di tutto ciò che non dovremo dimenticare nel passaggio dalla vita “in solitaria” a quella di “mamma”. Eh sì perchè da quel momento in poi sole davvero non lo siamo mai e questo è meraviglioso, ma ci dimentichiamo anche tanti aspetti di noi come “figlie”.

  • Le mamme non cambiano mai Le mamme non cambiano mai

    Quello che ripeto più spesso quando parlo del mio “Mani di vaniglia” o anche solo del mio essere mamma è che quando diventi mamma lo rimani per sempre, qualunque cosa accada.
    Un paio di anni fa', ho aperto la mia presentazione ad un meeting a cui partecipava un nutrito gruppo di colleghi proveniente da diverse parti del mondo, dicendo: sono una mamma, sono una scrittrice, ma oggi sono qui perchè sono anche responsabile di questo progetto.

  • La moltiplicazione delle voglie: two pregnants is megl' che one! La moltiplicazione delle voglie: two pregnants is megl' che one!

    Con un sorriso sulle labbra, scopriamo in questo simpatico racconto di Monia, quello che è capitato un po' a tutte in gravidanza: qualche strappo alla regola, pensando che, una volta nato, al bimbo certe schifezze non le avremmo mai concesse!...

    Sole di primavera in cielo e aria nuova intorno, con due pance a giro per il polmone verde della loro città.

    Le pance sono la mia e quella della mia amica Fra; la mia più pronunciata, la sua in via di sviluppo (e che sviluppo avrebbe avuto di lì a poco, con quelle due monelle che la gonfiavano come un pallone aerostatico!).

Aggiungi commento


adsense_correlati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.