Bambini indaco, colore di vita

Il termine bambini indaco viene utilizzato per indicare i bambini del terzo millennio. Si tratta di un modo di descrivere la personalità in base ai colori. Da dove deriva questa scelta?

Attorno al 1980 Nancy Ann Tappe, psicoterapeuta americana, descrisse alcune caratteristiche umane e modelli comportamentali in base ai colori dell'aura (l'aura sarebbe una "sostanza sottile" non rilevabile dalla vista fisica, che circonda ogni essere vivente).
Sin da piccola lei vedeva spontaneamente l'aura delle persone, e nel corso del suo lavoro iniziò a mettere in relazione questo suo dono con osservazioni di tipo psicologico.
In particolare collegava il colore che percepiva con il carattere e le attitudini delle persone.
Strada facendo creò un sistema accuratissimo e significativo sulla base delle sue intuizioni e del lavoro diretto che aveva svolto - e continua a svolgere - con numerosi bambini, genitori e insegnanti.
Arrivò quindi a stabilire che ogni persona aveva un suo "colore di vita" (dato confermato anche da altri ricercatori).

Cos'é il Colore di vita o Life color?

Per la psicoterapeuta Nancy Tappe é il compito da realizzare nella vita, la qualità della lezione che si è scelto di apprendere nell'incarnazione in atto, la missione che portiamo nella vita, ciò che si é scelto di sperimentare per evolvere. 
Ciò, naturalmente, presuppone la reincarnazione e le scelte che l'anima compie prima di incarnarsi rispetto alla vita che seguirà.
In base alla sua classificazione, ci sono persone con il colore di vita giallo, rosso, blu e così via.

L'indaco

La novità nella sua ricerca fu che a un certo punto, tra gli anni 70 e 80, iniziò a vedere un colore che prima non c'era: l'indaco.

Quali sono le caratteristiche della personalità di coloro che "emanano" questo colore?
Gli indaco fanno le cose a modo loro, non sopportano l'autorità e le coercizioni, sono intelligenti, brillanti, tecnologici, intuitivi, sensitivi, creativi, indipendenti, ottimisti, assetati di verità e lealtà, onesti, aperti. Hanno bisogno di sentirsi capiti, di essere visti, hanno bisogno di una guida autorevole, non autoritaria. Se non compresi, si chiudono in se stessi o si ribellano in modo anche molto aggressivo, da guerrieri quali sono.

Nancy Tappe raggruppa il tipo indaco in quattro macro gruppi, ognuno con uno scopo di vita ben preciso. Ecco una breve sintesi:

  • Umanista: il suo lavoro si svolge accanto alle persone, alle masse (per es medici, insegnanti, politici etc). Iperattivo, socievole, aperto, con mille idee.
  • Concettuale: interessato ai progetti e non tanto alle persone (ingegneri, piloti, designer etc). Ha spesso problemi di controllo (controllare ed essere controllato)
  • Artista: sensibile, creativo e orientato verso l'arte. Qualunque cosa faccia, la fa in modo creativo (artisti, musicisti etc)
  • Interdimensionale: sa tutto lui (!) e la sua caratteristica é di portare nel mondo nuove discipline, filosofie, religioni.

I bambini indaco di oggi

"I bambini la cui aura é indaco sono un nuovo tipo di bambini, il cui compito é mostrarci il domani, non vivere nel nostro passato" (Nancy Ann Tappe)

Il termine quindi 'bambino indaco' ha radici in questa ricerca e classificazione, e fu usato associandolo ai bambini in primis da Jan Tober e Lee Carroll che a lungo avevano lavorato con loro.
Successivamente il termine é stato adottato, indipendentemente dal colore dell'aura, da tutti gli studiosi e i ricercatori per indicare bambini che presentavano caratteristiche psicologiche e modelli di comportamento insoliti e nuovi rispetto al passato.

Molti bambini di oggi - speciali, precoci, vivaci e disattenti, iperattivi, ipercinetici, sensibili, innovativi, altamente intuitivi - ci stanno insegnando a trovare nuovi comportamenti, modelli, interazioni che racchiudano libertà, autorevolezza,
consapevolezza e soprattutto amore.

Quali sono le loro caratteristiche?
Cosa possiamo fare per loro? E per noi?

Incontro sui bambini indaco

Per chi volesse approfondire questo tema, Elisabetta Garbarini propone un incontro di gruppo dove verranno sperimentati alcuni strumenti pratici di supporto.
Per genitori, nonni, insegnanti, educatori, baby sitter e chiunque si occupi di bambini.

Mercoledì 20 marzo dalle 20.45 alle 23.00
Ombelico del mondo, via Vittoria Colonna 7, Milano (MM Buonarroti)
Costo 25,00 euro
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Elisabetta Garbarini
Life and spiritual Counseling, autrice di fiabe e meditazioni, ideatrice de "I 7 chakra dei genitori felici"

 

immagine: lazitellafelice.wordpress.com

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.