5 modi per aiutare i nostri figli a dare il meglio di sé

Come aumentare la comunicazione e migliorare la relazione con i figli

di Simona Azzarello - Counselor

“La suprema felicità della vita è sapere di essere amati per quelli che si è, e più precisamente, di essere amati nonostante quello che si è.” (Victor Hugo)

Quante volte ci siamo accorti che dalla nostra bocca escono verso i nostri figli parole, commenti e critiche che sono stati rivolti a noi dai nostri genitori? Parliamo di frasi tipo: Guarda che macello, sei un disordinato …, Sei sempre la solita guastafeste …, Non c’è niente da fare , non sarai mai capace di… , Sei sempre distratta…
In realtà quelle stesse parole sono quelle che rivolgiamo continuamente anche a noi stessi, nel nostro dialogo interno. Sono le parole intransigenti di quel giudice che può minare la nostra autostima e impedirci di vivere la vita pienamente e serenamente: Ecco sei sempre la solita …. Non ce la farai mai… Fai proprio schifo così …

I nostri figli possono anche avere più comportamenti positivi durante la giornata e mostrare belle qualità e neanche le vediamo, le diamo per scontate, mentre portiamo l’attenzione sul negativo, che invece non ci sfugge mai. Questa consapevolezza forse può aiutarci a cercare di evitare che quello stesso giudice, con il dito sempre puntato, che ingombra i nostri pensieri, si permetta di condizionare anche i nostri figli nella loro vita futura.
Noi siamo lo specchio parlante attraverso il quale i nostri figli si creano un’ immagine di sé. Avere un atteggiamento positivo verso i nostri bambini non significa non dire niente o non intervenire con chiarezza e fermezza di fronte ad un loro comportamento inadeguato, perché il compito di un genitore è comunque educativo, è di responsabilizzare i propri figli. L’importante è sempre scindere tra la persona e il comportamento: è quell’azione che è sbagliata non lui.

E’ importante tenere presente che tutti possiamo sbagliare, perché siamo esseri umani. Commettere errori non significa essere sbagliati! Il messaggio che deve arrivare ai nostri bambini è comunque e sempre questo:

“ Ti voglio bene così come sei indipendentemente dai risultati e dai successi che ottieni”.

Ecco 5 punti su cui possiamo allenarci per sviluppare un atteggiamento più positivo che permetta ai nostri figli di crescere credendo in se stessi.

1. Alleniamoci a mantenere una visione positiva di nostro figlio.

Che immagine ci siamo fatti di nostro figlio? Quanto lo stimiamo? Cosa pensiamo di lui? Recenti studi dimostrano che ciò che pensiamo di una persona, e ancora di più di un bambino, influenza il modo in cui la trattiamo, e ne condiziona il comportamento, quasi lo induce. Tendiamo dunque ad adeguarci all’etichetta che ci viene data ( fannullone, disordinato, incapace, dispettoso ecc. ). E’ qualcosa che avviene a livello inconscio. Se pensiamo bene dei nostri figli sollecitiamo la parte migliore di loro, quella che aspira a crescere e a dare il meglio di sé.

Esercizio: Per dieci minuti al giorno, magari prima di dormire, focalizzatevi sulle qualità di vostro figlio che apprezzate, oppure rievocate il ricordo di un momento piacevole o speciale che vi siete goduti insieme, e godetevi le sensazioni piacevoli che quei pensieri e quelle immagini rievocano in voi.

2. Ricordiamo che non comunichiamo solo con le parole!

Non si può non comunicare, lo facciamo anche con i silenzi. Le ricerche di Mehrabian portano alla conclusione che l’influenza della comunicazione sull’ascoltatore è così suddivisa:

  • 7 % verbale ( le parole pronunciate)
  • 38% para-verbale ( come vengono pronunciate, tono, volume ecc.)
  • 55% non verbale ( il linguaggio del corpo, sguardi, sospiri, gesti …).

Questo significa che se il nostro messaggio verbale non è congruente con quello che veramente pensiamo di nostro figlio lui lo percepirà. E’ dunque importante che non abbiamo pregiudizi nei loro confronti e che abbiamo un’ immagine sostanzialmente positiva di loro. L’autenticità e la sincerità devono essere alla base della nostra comunicazione, altrimenti loro resteranno confusi, capiranno che qualcosa non va, e saranno diffidenti.

3. Elogiamo i comportamenti positivi, non diamoli per scontati.

Durante questa settimana cerchiamo di beccare i nostri figli fare qualcosa di positivo. Osserviamoli e cerchiamo di identificare più comportamenti apprezzabili possibile. Ogni volta che ne trovate uno comunicategli che apprezzate quel comportamento. Siate sinceri con lui.
Es. Ho apprezzato molto che ti sei lavato i denti senza che te lo dicessi.
Grazie per aver aiutato tua sorella a fare i compiti mentre preparavo la cena.
Ho visto che hai messo la tua giacca e il tuo zaino a posto oggi. Mi ha fatto molto piacere.

abbraccio

4.Comunichiamo il nostro stato d'animo

Quando certi comportamenti sono inadeguati, interveniamo con quello che viene chiamato il “linguaggio dell’io”. Si tratta di un modo di rivolgerci all’altro che mette l’accento su come ci sentiamo noi di fronte ad un certo comportamento, non giudica e non da etichette alla persona. Questo è lo schema di comunicazione che può essere considerato una traccia per una comunicazione più efficace che differenzia il comportamento dalla persona.
Quando tu …. Descrizione oggettiva del comportamento: Quando lasci i tuoi giochi così in disordine … (Non giudizio Quando sei disordinato … Non insinuazioni: Sei il solito disordinato…)
Succede che … Descrizione degli effetti tangibili concreti su di te : in termini di tempo, di costo, vi impedisce di fare qualcosa per voi, vi procura malessere fisico o psicologico
E io mi sento … Chiarimento di come ci sentiamo noi, nominare lo stato d’animo, l’emozione.
Gradirei che …/ Preferirei che / Mi piacerebbe che …
Esempio: Quando mi interrompi mentre parlo al telefono/ succede che perdo il filo / e mi innervosisco./ Preferirei che tu aspettassi che io finisca di parlare così poi posso darti tutta l’attenzione che meriti.

5. Prendiamoci cura di noi stessi.

Nella nostra scala delle priorità a che punto sta il tempo che dedichiamo a noi stessi?
I ritmi di vita che viviamo sono frenetici, in una realtà sociale in continuo mutamento, tanti, anzi troppi, sono i ruoli che dobbiamo gestire e altrettante sono le responsabilità sulle nostre spalle.
E’ dimostrato che i genitori stressati hanno più probabilità di essere severi e autoritari, di esprimersi in modo più aggressivo, e di tendere a ricorrere più frequentemente “alle mani”. Gli episodi in cui perdiamo il controllo possono rafforzare nei bambini la convinzione di essere sbagliati, cattivi, incapaci, non degni d’amore, responsabili della sofferenza del genitore (pensate a frasi tipo: Mi farai ammalare! Basta me ne vado!). Nei genitori si sviluppano sensi di inadeguatezza, di impotenza, di colpa e di frustrazione. E il circolo vizioso si alimenta senza possibilità di uscita.
Non si tratta di essere egoisti e portare via tempo che potremmo dedicare agli altri, si tratta di prendersi cura di sé. Il primo atto d’amore che dobbiamo fare è verso noi stessi, solo così potremo dare amore agli altri e ai nostri figli, solo così potremo avvicinarci il più possibile al genitore migliore che desideriamo essere.

Cosa significa prendersi cura di sé:

  • Pianificare il proprio tempo libero (avere tempo per sé e coltivare i propri interessi)
  • Imparare a chiedere sostegno e aiuto
  • Mantenere degli spazi di coppia
  • Coltivare amicizie e relazioni significative
  • Alimentare la stima in se stessi
  • Riconoscere le proprie competenze e risorse

“Se ti tratto come se tu fossi ciò che sei capace di essere, ti aiuterò a diventarlo”. (J.W.Goethe)

di Simona Azzarello
Counselor, co-fondatrice dell’associazione non profit La mela e il seme, impegnata dal 2008 a Milano nella prevenzione e assistenza del disagio nell’infanzia e nell’adolescenza, riceve i genitori nell’ambito del servizio di assistenza dell’associazione SAS Famiglia. Conduce il percorso per famiglieFamilyNautilus.

nautilusFamilyNautilus, avventure per genitori e figli alla scoperta di sé e di nuovi strumenti per vivere insieme più armoniosamente.
FamilyNautilus parte per la sua prima avventura: Occhio al positivo!

Appuntamento con i grandi venerdì 8 maggio dalle 20.00 alle 22.00, con i piccoli sabato 9 maggio dalle 10.00 alle 12.30, e poi tutti insieme domenica 10 maggio dalle 10.00 alle 12.30.
Presso GOGOL OSTELLO, Via Chieti 1, angolo Via Piero della Francesca MILANO

E’ richiesta la partecipazione di almeno un genitore con figli in età tra i 6 e i 12 anni.
Per informazioni e iscrizioni chiamare il 3489231187 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.lamelaeilseme.org

Riferimenti bibliografici:

“ Le parole per crescere tuo figlio”, Alessandro Roberti, Macro Edizioni 2014
“ I bambini prendono tutto alla lettera”, jennifer Day, Edizioni Amrita 2001, “ Come crescere un bambino sicuro di sé”, Paola Santagostino, Red Edizioni 2011

Barbara Lamhita Motolese

Amo l'innovazione in tutti i campi, e come mamma mi sono scoperta innovativa facendo scelte del passato!
Vivere la mia genitorialità ricercando la coerenza con il mio sentire e con il mio pensiero, mi ha portato a esperienze poco comuni e molto felici: il parto in casa, il co-sleeping, il babywearing, e l'homeschooling... per citarne alcune.
Sono un'appassionata custode della nascita e una meditatrice assidua.
Ho dato vita a GenitoriChannel.it per coniugare la mia passione dei temi genitoriali con quella per il web.

Articoli correlati (da tag)

  • Perché coccole e contatto rendono i bambini più intelligenti Perché coccole e contatto rendono i bambini più intelligenti

    Coccole e contatto rendono i bambini più intelligenti e aiutano lo sviluppo cerebrale.

  • La comunicazione empatica e non violenta La comunicazione empatica e non violenta

    La Comunicazione NonViolenta (chiamata anche CNV o comunicazione empatica) è un processo di comunicazione assertiva sviluppato da Marshall Rosemberg a partire dagli anni '60 e  ci aiuta a esprimere il nostro sentire sospendendo il giudizio su di sè e sugli altri. Anche nella comunicazione con i nostri figli, piccoli o grandi che siano, possiamo mettere in pratica piccoli o grandi cambiamente che miglioreranno la relazione con loro .

    In questo articolo Luana De Falco, Mediatrice Relazionale e Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta, ci introduce a questo argomento portandoci anche qualche esempio pratico.

    Se vi interessa l'argomento, il 26 e 27 Maggio Luana sarà vicino a Torino con Maria Grazia Lia per un corso dedicato a "Homeschooling e comunicazione empatica", tutte le informazioni a fine articolo.

     ***

    Nel suo libro….”Le parole sono finestre (oppure muri)”, Marshall Rosenberg scrive:“ La CNV (Comunicazione NonViolenta) è un linguaggio di processo che scoraggia le generalizzazioni statiche….”.

    Ho voglia di dirvi tantissime cose sulla CNV, oggi ho pensato di condividere con voi questo passaggio, che ci parla di quanto la staticità nel pensiero e nel lessico, bloccano la possibilità di incontrarci. 

    Cos'è la CNV?

    Quando diciamo sei così, è giusto questo o quello, devi fare la tal cosa, non ci si comporta in questo modo, …. velocissimamente ci pietrifichiamo in una posizione (statica) e in questa staticità non c’è più spazio per un dialogo fluido, curioso, creativo.
    Quello che ci propone la Comunicazione NonViolenta è di appropriarci di un linguaggio in cui parliamo di come ci sentiamo noi, in relazione a quello che accade e portare la nostra curiosità per cosa prova l’altro.

    Usciamo dalla staticità dei luoghi comuni, di definizioni generiche, di convinzioni culturali e sociali, per parlare di cosa proviamo ed ha valore per noi, proprio in quel momento ed interessarci all’altro per quello che è vivo in lui.

    Mettiamo in scena una danza, un dialogo ricco di scambi, in cui non sentiamo più il bisogno di dimostrare, attaccare o difenderci ma spiccano la voglia di farci conoscere e la curiosità di conoscere.
    Ogni volta che appiccichiamo un etichetta o diamo un giudizio su qualcuno: “Sei pigro e svogliato” (o sei geniale) … o facciamo una profezia: “Non combinerai mai nulla, se continui così!” ci fissiamo in una posizione di distanza con altro, rigidità, a volte ostilità e risentimento, forse impotenza e rassegnazione e dall’altra parte potremmo incontrare vergogna, senso di colpa o rabbia e insofferenza… tutto questo ci allontana, non ci permette di vederci ed ascoltarci, potrebbe creare dei muri molto faticosi da tirar giù o oltrepassare.



     

    Cosa succede quando usiamo la CNV

    Quando ci liberiamo di questi macigni “culturali” e “abituali”, per sperimentare un linguaggio (Rosenberg… sostiene) “Naturale”, in cui parliamo delle nostre sensazioni e bisogni e ci incuriosiamo ai quelli dell’altro..

    “Sono un po’ preoccupata e inquieta nel vedere che non finisci la tua relazione, vorrei sentirmi tranquilla che ti stai prendendo cura dei tuoi progetti”

    ...e facciamo delle richieste chiare...

    “ti andrebbe di dirmi come ti senti a riguardo?”

    ...entriamo in un linguaggio che incoraggia lo scambio, l’apertura e l’incontro alla ricerca di soluzioni condivise.

    Quando impostiamo un linguaggio di questo tipo con i nostri figli, quello che si sviluppa è il desiderio di contribuire al benessere reciproco, poiché, invece di insegnare com’è “bene” comportarsi, a livello intellettuale…. accompagniamo i bambini nella scoperta di quanto e piacevole quando le nostre azioni contribuiscono a rendere la vita, nostra e altrui, più bella (meravigliosa).

    Questo lo facciamo affiancandoli con l’osservazione, notando insieme a loro quali sentimenti ed emozioni provano in relazione al loro agire e porgendogli i nostri con delicatezza.

     

    Un esempio di Comunicazione empatica

    Invece di dire:

    “Bravo, sei proprio un bravo bambino, è così che ci si comporta!”

    portandogli una valutazione dall’esterno, gli potremmo dire:

    “ ho visto che è spuntato un grande sorriso sulla tua bocca, quando hai sollevato Giacomo da terra e lui ti ha ringraziato ed abbracciato”

    Ci riferiamo a quello che è successo specificatamente e poi lo accompagnamo nell’esplorazione…

    “com’è stato per te?"

    …e gli potremmo anche parlare di noi..

    “io mi sono emozionata, ho provato gioia e leggerezza, mi piace quando vedo che vi sostenete tra di voi”

    .. e potremmo anche esprimere la nostra gratitudine e spiegare il perché..

    “grazie per questo tuo gesto, mi sento al sicuro e nella collaborazione quando ci penso”.

    Che ne dite? … Sì lo so, può sembrare complicato!… quello che ho scoperto io e che è una specie di droga, quando sto in questa qualità di dialogo, quando ci riesco… liberandomi da zavorre, convinzioni e smania di insegnamento e sto semplicemente lì, in quello che c’è in me e nell’altro, con tenerezza, stupore e gratitudine…. questo Nettare è talmente Buono ( Come dice il mio caro amico Eduardo Montoya) che non vedi l’ora di assaggiarne ancora un po’.



     

    Corso Homeschooling e comunicazione empatica, Pino Torinese (To), 26 e 27 Maggio 2018

    L'homeschooling è una strada possibile per la vostra famiglia?
    Per partire con consapevolezza e con le informazioni efficaci. Maria Grazia Lia e Luana De Falco, due mamme homeschoolers, conduranno questo intenso fine settimana attraverso testimonianze, decreti legislativi, vari stili e approcci, verso quella che potrà essere la strada percorribile della vostra famiglia.
    Inoltre verranno condivisi gli strumenti per una comunicazione che arriva dal cuore.

    Per tutte le informazioni consultate l'evento su Facebook

    31282235 1735726356510376 1705750629588140032 o

     


    di Luana De Falco
    Studiosa e divulgatrice di Comunicazione Empatica/ NonViolenta
    Mediatrice Relazionale

     

    Credit immagine principale: Side view of handsome father...stock photo di George Rudy su Shutterstock

  • 4 comportamenti che aumentano l'autostima dei bambini 4 comportamenti che aumentano l'autostima dei bambini

    I quattro bisogni da soddisfare per l'autostima dei bambini

  • A volte ti vorrei diverso... o no? A volte ti vorrei diverso... o no?

    A volte vorremmo che inostri figli fossero più coraggiosi, meno sensibili, più calmi... ma loro sono loro.

  • Come sostenere il distacco dei figli Come sostenere il distacco dei figli

    Come aiutare i bambini nei primi distacchi

Aggiungi commento


Commenti   

Elis
0 # Elis 2015-04-28 09:54
E' possibile applicare questo schema su di un adulto?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Barbara Lamhita
0 # Barbara Lamhita 2015-04-29 10:12
Ciao Elis,
nella relazione tra adulti c'è una differenza fondamentale, che il rapporto è paritario (a meno che tu non ti riferisca alla relazione con i tuoi genitori che è ancora diversa).
Però molte delle cose che sono scritte in questo articolo possono essere adattate, per es. il punto 4 è la base della comunicazione anche nelle relazioni di coppia, oppure il punto 2 che è uno degli assiomi fondamentale della comunicazione in generale.
Se ti stai riferendo in particolare alla relazione di coppia ti consiglio questi due articoli:
genitorichannel.it/.../...
genitorichannel.it/.../...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Iscriviti alla newsletter

Leggi la nostra informativa su Privacy e Trattamento dati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.