Tutti uniti per l’allattamento dall’Italia agli Stati Uniti

 

Genitori Channel goes international ;-), fatelo anche voi!

Tutti uniti per l’allattamento dall’Italia agli Stati Uniti, parte un gemellaggio con le americane Code Name: Mama (ovvero- nome in codice: mami) e Baby Dust Diaries, in collaborazione con la farmacia Pozzi Dottor Publio, di Bassano del Grappa, da sempre impegnata su questi temi, per sostenere l’allattamento al seno nei luoghi pubblici.

 

In Italia, l’intolleranza al gesto dell’allattamento in pubblico (in inglese Nurse In Public: NIP, noi lo faremo diventare “Allatto alla luce del sole"), è più raro venga espressa in modo così manifesto come negli Stati Uniti, dove capitano con una certa frequenza gli episodi sgradevoli in cui le mamme che allattano sono invitate ad allontanarsi, o diffidate dal continuare (ad es. sugli aerei). Ciononostante, non possiamo neanche dire che ad allattare in pubblico ci si senta sempre a proprio agio, specie se il bimbo non è un neonato.

In Italia abbiamo ancora molto più buon senso, su certi temi, che non nei paesi anglosassoni, ma poiché abbiamo l’abitudine di importare molti usi e costumi, specie quelli pessimi (dall’alcol come strumento di divertimento per i giovani, al “junk food”, cioè snack e schifezze varie da consumare in qualsiasi occasione, al fast food, nelle sue varie forme), occorre non farsi trovare impreparati. Soprattutto perché non possiamo certo dire che in Italia l’allattamento sia il modo più diffuso.

 

Ecco alcuni degli episodi alla ribalta della cronaca USA negli ultimi 3 mesi: una mamma ha creato scalpore perché allattava la sua neonata ad una partita dei Colorado Rookies a Denver.

A Tampa, in Florida, ad una mamma è stato chiesto di allontanarsi dalla hall di una scuola e trovare un luogo privato per allattare suo figlio, non più neonato. Mentre in un piccolo paese del Minnesota, un inserviente di un “Old Country Buffet”, una catena di ristoranti per la famiglia, ha chiesto ad una mamma che allattava il suo bebè di 6 mesi, di coprirsi con una coperta….

Un recente studio effettuato nel Regno Unito ha mostrato che metà di tutte le neomamme cercano di evitare l'allattamento in pubblico, perché si sentono a disagio.

Si tratta chiaramente di un tema caldo che ha bisogno di essere discusso, soprattutto quando accade che un bel seno possa essere mostrato sempre più privo di veli, in qualsiasi giornale, o in tv all’ora di cena, per vendere acqua, deodoranti, bagnoschiuma o programmi di informazione, senza che a nessuno venga in mente di borbottare o coprire gli occhi ai bambini, mentre quando viene mostrato un seno che allatta, le sensibilità si fanno, d’un tratto più suscettibili.

 

E qui in Italia episodi così fastidiosi capitano?

 

Allora parte il gemellaggio con Code Name: Mama e Baby Dust Diaries e tutti i siti, i bloggers e gli internauti che vorranno “affiliarsi”, unitevi a noi per la fiera virtuale del  "Liberi di Allattare Alla Luce del Sole", in testa la farmacia Pozzi Dottor Publio, di Bassano del Grappa che per prima ha proposto questa iniziativa e da sempre è schierata a favore dell'allattamento.

Come fare? ...guarda le istruzioni!

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Commenti   

Micòl Del Castillo
0 # Micòl Del Castillo 2010-06-24 15:02
:lol:
siamo pronte!!! sono disposta a farmi un bel body painting per la causa come le filippine di qualche anno fa vi ricordate? :lol:
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
alessandra bortolott
0 # alessandra bortolott 2010-06-24 16:57
prontissima! :D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Paige @ Baby Dust Di
0 # Paige @ Baby Dust Di 2010-06-25 11:26
I'm so happy to be partnering with you! Here's to making breastfeeding normal EVERYWHERE!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.