Le adolescenti sono piu' equilibrate mentalmente, hanno un rapporto migliore con le loro famiglie e hanno comportamenti meno aggressivi se giocano ai videogames in compagnia di papà.

progetto crescere padri

Gennaio 17, 2011

Crescere padri è un progetto voluto dal Cemp nel 2004, cresciuto con l’aiuto di esperti ma soprattutto di tanti papà, con il sostegno del Comune di Milano, della Provincia e della Regione Lombardia.
Gli incontri sono concepiti per i neo-papà pieni di dubbi, per i padri in difficoltà e per i papà felici ma curiosi e consapevoli: offrono la possibilità di confrontarsi con esperti e altri padri per migliorare, approfondire e capire il rapporto con i figli e il proprio ruolo nella famiglia.
Si possono iscrivere singoli papà o piccoli gruppi già organizzati, per esempio all’interno di una scuola.

Per il tema della "buona nascita" vogliamo condividere questa divertente mini-commedia, tratta da "Creazione spontanea: 101 ragioni per non far nascere tuo figlio in ospedale" di Jock Doubleday's*...

Questo diverso punto di vista e prospettiva sul sesso, potrebbe indurci a qualche riflessione anche su come compiamo scelte banali che riguardano il parto.
E per continuare a sorridere, mentre riflettiamo, in fondo trovate le scene di nascita di un famoso film comico inglese.... buona lettura e buona visione!

di Fabio Lalli - papà (tratto dal suo blog fabiolalli.it)

Quel giorno arriva. Dopo mesi di attesa, di preghiere, di pensieri, di letture, chiacchiere e confronti con amici e parenti, quel giorno arriva e ti trovi lì, finalmente, ad incontrare quel piccolo estraneo che ti cambierà la vita. Ma in fondo non sai ancora come.

Il momento del travaglio e del parto sembrano non passare mai, è una parentesi della vita che sembra durare un’eternità, eppure sono poche ore rispetto ai nove mesi trascorsi.

Malgrado il rumore generato da chi sta assistendo al parto, l’evolversi delle azioni e dallo strillo di tua moglie nello sforzo della spinta finale, in quel momento preciso, riesci ad isolarti in un silenzio di emozioni interne. Non senti più nulla e tutto sembra iniziare a rallentarsi sempre di più. Emozioni fortissime che si alternano tra momenti di adrenalina durante i quali ti rendi conto che stai diventando padre, e momenti di paura perché sai che non puoi far nulla per alleviare quel dolore di tua moglie.

 Prima di diventare padre non mi ero ovviamente mai posto il problema; lo sentivo lontano e comunque già "sapevo" che sarebbe stato un problema di quella disgraziata che avrei trovato sulla mia strada e che sarebbe diventata, se non mia moglie, la madre dei miei figli.

Trovato la santa con vocazione al martirio che ha deciso di sposarmi è arrivato anche il primo figlio e quando Chiara ha avuto problemi ad allattare, a me sembrava del tutto normale passare al latte in polvere... non vedevo proprio il problema.

Ricorderò per tutta la vita una notte, come sempre un sabato notte..., con il bambino che piangeva affamato, mia moglie che piangeva dal dolore; avrei voluto andare davvero in farmacia a prendere del latte in polvere ma Chiara si oppose e piangendo continuò ad allattare...

Pubblichiamo queste bellissime riflessioni di un papà in occasione del nostro focus "Quando nasce un papà"...

di Massimiliano Sala - papà

Quando un bimbo viene alla luce, ha davanti un futuro di parole da imparare.

Dal momento esatto in cui Emma è nata, poco più di due anni e mezzo fa, ho desiderato che ne imparasse una e una soltanto. E ho voluto essere io a insegnargliela.

La parola è libertà.

Lo Sgabuzz è il nostro video-confessionale, realizzato nell'unico posto in cui si riesce a stare soli qualche minuto nella casa di una famiglia nella convinzione di sfuggire per qualche all'entropia dei bimbi: lo sgabuzzino delle scope ;-).

Oggi, in occasione del mese che dedichiamo ai papà vogliamo riproporre una parte dell'intervista a Valeria Barchiesi, ostetrica romana di grande esperienza, fondatrice dell’Associazione Il Nido di Roma. L'intervista è di Barbara Siliquini, Presidente dell’Associazione Parto Naturale.

In questa intervista chiediamo a Valeria qual è il ruolo del papà nella gravidanza e nel parto.

Valeria da anni assiste le donne in gravidanza e le accompagna in parti domiciliari, lavorando anche in ospedale. Per lei l'accompagnamento dei papà è una parte bellissima del suo lavoro...

Un papà e un portabebè

Novembre 02, 2010

Una bella testimonianza di un papà che usa la fascia, grazie al contatto con la Scuola del Portare.

Come papà ho trovato la fascia uno strumento essenziale nel rapporto con mia figlia perché mi ha dato un maggiore senso di partecipazione ed una maggiore interazione con la bambina in quella fase in cui il rapporto privilegiato è con la madre. Con la fascia invece il papaà partecipa in un modo unico e speciale, anche fisicamente, sentendosi addosso la bambina.

 

diarioOspitiamo nella sezione Esperienze, il diario di una mamma alla terza gravidanza: "Mammaoltre". Entreremo nelle pagine del suo diario, ogni volta che sentirà il bisogno di scriverne una pagina. 
****

terzo mese più o meno

Il questo periodo sono sopraffatta dalle cosa da fare: il lavoro, il compleanno dei bimbi, i due convegni da relatrice. Eccomi sul treno, mi sparerò 8 ore di viaggio per arrivare al convegno.

Il discorso per sabato non è pronto... pazienza!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.